La Cina segna la “nuova era” per l’architettura con il divieto di grattacieli supertall e edifici di copia

Scritto da Oscar Holland, CNN

La fine degli edifici “copiati” e il divieto di grattacieli oltre 500 metri (1.640 piedi) è tra le nuove linee guida del governo cinese per architetti, sviluppatori immobiliari e urbanisti.
Descrivendo quella che lei chiama una “nuova era” per le città cinesi, circolare rilasciato dal ministero degli alloggi del paese e dalla Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme all’inizio di quest’anno, propone anche altre misure drastiche per garantire che gli edifici “incarnino lo spirito” dei loro dintorni e “le caratteristiche salienti Cinese “.
Con limiti di altezza già implementati in luoghi come Pechino e a Direttiva del governo 2016 chiedendo la fine di edifici “sovradimensionati, xenocentrici, bizzarri”, le direttive sembrano formalizzare i cambiamenti già in atto.
Il Ping An Financial Center di Shenzhen è attualmente il quarto edificio più alto del mondo.

Il Ping An Financial Center di Shenzhen è attualmente il quarto edificio più alto del mondo. Credito: ANTHONY WALLACE / AFP / Getty Images

Ma secondo gli esperti di architettura cinese, alcuni dei suggerimenti meno accattivanti – come una richiesta di protezione del patrimonio, un sistema di crediti per i progettisti e la nomina di capo architetto – potrebbero segnalare un cambiamento più sottile nel modo Le città cinesi sono in programma. .

“Il documento non riguarda solo l’altezza”, ha detto Li Shiqiao, professore di architettura asiatica all’Università della Virginia, in un’intervista telefonica. “Riguarda la cultura cinese, il contesto urbano, lo spirito della città e l’aspetto della modernità”.

“Questo è stato oggetto di molte discussioni accademiche, ma fino a un certo punto non è stato finora in un documento governativo”.

Tagliato a misura

Dei 10 edifici completati che misurano oltre 500 metri in tutto il mondo, la metà si trova nella Cina continentale.

Tra questi, il secondo grattacielo più alto del pianeta, la torre contorta di Shanghai alta 632 metri (2.073 piedi) e il centro finanziario Ping An Shenzhen, che si trova a 599 metri (1.965 piedi) dalla base al meglio.

Negli ultimi due anni, sono stati raggiunti da Torre citica di Pechino e il Tianjin CTF Finance Centre, rispettivamente il settimo e il nono edificio più alto del mondo. Ma la marea contro i grattacieli in forte espansione sta cambiando da tempo.
Il numero di nuovi edifici che misurano 200 metri (656 piedi) o più in Cina è sceso di quasi il 40% l’anno scorso, secondo i dati di costruzione del Council on Tall Buildings and Urban Habitat (CTBUH). Nel quartiere centrale degli affari nel centro di Pechino, una nuova limitazione di altezza era già stata applicata a nuove proposte – un soffitto di soli 180 metri (591 piedi) secondo un rapporto del 2018 dalla società immobiliare Jones Lang LaSalle.
In altre parti del paese, il Wuhan Greenland Center ha visto la sua altezza prevista scendere da 636 metri (2.087 piedi) a meno di 500 – una decisione presa nel 2018, dopo l’inizio della costruzione, che richiedeva una grande revisione – con i media locali citando le normative sullo spazio aereo. Il Suzhou Hungnam Center da allora ha visto la sua altezza prevista scendere da 729 metri (2.392 piedi) a 499 metri (1.637 piedi), e anche i prossimi grattacieli nelle città di Chengdu e Shenyang “subiranno lo stesso destino”, tabloid di stato. Global Times.

Un grattacielo a forma di nave “ supertall ” trasforma lo skyline di Pechino

READ  La nuova epidemia di Pechino ricorda che il coronavirus può tornare in qualsiasi momento

Fei Chen, professore di architettura presso l’Università di Liverpool nel Regno Unito, ha definito il limite di 500 metri “completamente arbitrario”, aggiungendo che i grattacieli di 499 metri sono “edifici che sono sempre molto, molto Top”. Ma il nuovo documento conferma la crescente intolleranza verso gli edifici “fuori scala o fuori contesto”, ha affermato.

Chen ha anche sottolineato la preoccupazione ufficiale per l’uso “sconsiderato” di edifici alti, che torri costose e non redditizie sono utilizzate dalle società immobiliari per contrassegnare il loro sviluppo – o dai governi locali per mettere le loro città su la mappa.

“(Le linee guida) rispondono alla crisi di identità che tutti abbiamo notato dagli anni ’80, quando le città hanno iniziato a prendere in prestito standard e tipi di edifici in contesti internazionali”, ha affermato in una nota. un’intervista telefonica. “E dagli anni ’90, le città sono state promosse come competitive sul mercato attraverso la costruzione di monumenti e grandi edifici pubblici”.

Pertanto, le nuove restrizioni riguardano sia l’economia che il design. Al di sopra di una certa altezza, il costo di costruzione dei grattacieli aumenta esponenzialmente con ogni piano aggiuntivo. Gli orizzonti cinesi sono ora disseminati di affari incompiuti mentre la crescita economica rallenta e gli sviluppatori affrontano la stretta creditizia.

Lavoratori nella parte superiore del Wuhan Greenland Centre, che rimane incompiuto otto anni dopo l'inizio della costruzione.

Lavoratori nella parte superiore del Wuhan Greenland Centre, che rimane incompiuto otto anni dopo l’inizio della costruzione. Credito: STR / AFP / Getty Images

Secondo Dati CTBUH, circa 70 edifici cinesi che avrebbero dovuto superare i 200 metri sono attualmente “in attesa”, avendo già iniziato la costruzione. Tre di loro dovevano misurare oltre 500 metri, compreso il vertiginoso sviluppo di Tianjin Goldin Finance 117, che ha innovato più di dieci anni fa. La succitata Groenlandia centrale di Wuhan è rimasta incompleta e in gran parte intatta dal 2017, sebbene la sua altezza pianificata sia stata ridotta.
Secondo Li, le nuove misure del governo incarnano un “nuovo paradigma” per le città cinesi – meno dipendente da grattacieli commerciabili e finanziamenti speculativi. Per illustrare questo cambiamento, confronta il distretto di Shanghai Pudong, il quartiere finanziario in forte espansione che è passato da quasi nulla negli ultimi due decenni, a Xiongan, una nuova città in costruzione a 100 chilometri a sud-ovest di Pechino. A differenza di Pudong, il nuovo Città satellite di 2,5 milioni di abitanti sarà di bassa altezza, il suo mercato immobiliare sarà sottoposto a severi controlli dello Stato.

“Se prendi Pudong come paradigma dell’urbanizzazione cinese dal 2000 ad oggi, allora guardi Xiongan – che non è dominato da speculazioni immobiliari o edifici iconici – come il nuovo paradigma … allora lo è un cambiamento piuttosto sorprendente a cui stiamo assistendo “.

READ  Più della metà delle donne in gravidanza negli ospedali del Regno Unito con Covid-19 sono minoranze, secondo uno studio

Un nuovo quadro

Tuttavia, Li sostiene che il limite di altezza di 500 metri è, dal punto di vista accademico, “probabilmente il meno interessante” delle nuove direttive del governo.

Altrove, la circolare contiene una serie di altre misure, in particolare il divieto di “plagio, imitazione e comportamento di copia”. La Torre Eiffel della Cina e una città del Tamigi ispirata a Londra fuori Shanghai sono due degli esempi più estremi – e ridicolizzati – di come l’architettura d’imitazione abbia prosperato negli anni 2000.

Una replica della Torre Eiffel a Tianducheng, uno sviluppo immobiliare di lusso a Hangzhou, nella provincia dello Zhejiang.

Una replica della Torre Eiffel a Tianducheng, uno sviluppo immobiliare di lusso a Hangzhou, nella provincia dello Zhejiang. Credito: JOHANNES EISELE / AFP / Getty Images

Questo cambiamento ufficiale, di nuovo, potrebbe semplicemente riflettere l’evoluzione della cultura del design in Cina. Ma un divieto esplicito al plagio potrebbe comunque rivelarsi utile in un paese in cui “il grado di qualità è così diverso”, ha detto Chen.

“C’è già un riconoscimento nel settore dell’architettura che (copiare) non è il benvenuto”, ha detto. “Ma la Cina è enorme e alcune città stanno andando meglio di altre.

“Nelle città della costa orientale o in aree più sviluppate, gli architetti hanno migliori capacità progettuali, quindi producono edifici migliori. Ma nelle città interne, vedi sempre edifici che copiano stili o i linguaggi architettonici di altri, e non funziona molto bene. design “.

Il documento del governo propone anche un sistema di crediti – e, al contrario, una lista nera – per gli architetti, al fine di incoraggiare il rispetto delle leggi e dei regolamenti urbanistici. Mette in guardia contro la demolizione di edifici storici, architettura tradizionale o persino vecchi alberi per far posto a nuovi sviluppi, una mossa in linea con la crescente enfasi sulla conservazione del patrimonio in Cina. (Di loro Musei d’arte di Shanghai, creato da serbatoi petroliferi industriali dismessi e da una vecchia centrale elettrica, fanno parte di recenti progetti di ristrutturazione su larga scala in un paese precedentemente noto per le vecchie strutture di demolizione indiscriminata).

Ma uno dei nuovi suggerimenti del governo è qualcosa di completamente nuovo in Cina: i principali architetti di ogni città.

READ  Coronavirus, 1.715 nuovi casi in Gran Bretagna: 600 in più rispetto a sabato. In Francia, contagi fino a 5.413. Boom punti positivi in ​​India

Mosca e Barcellona sono tra le città che già designano qualcuno per approvare o porre il veto a nuove proposte. Li ha accolto con favore l’idea come un modo per garantire che i disegni corrispondano al contesto urbano generale.

“L’esitazione è se garantire coerenza significa che una città diventa prevedibile e poco interessante, o se si mantiene effettivamente un certo grado di creatività”, ha aggiunto. “Ma abbiamo una nuova generazione (di designer cinesi) che è eccellente sia per mantenere il tessuto urbano sia per creare un’architettura molto interessante. La chiave è istituire un sistema che garantisca questo processo.”

Lo skyline di Chongqing, nel sud-ovest della Cina.

Lo skyline di Chongqing, nel sud-ovest della Cina. Credito: Wang Zhao / AFP / Getty Images

Resta da vedere come – o anche se – si concretizzeranno i suggerimenti più esplorativi del governo. Le nuove linee guida forniscono un quadro generale per le città, ma i dettagli più fini devono essere risolti a livello locale, ha affermato Chen, la cui ricerca si sta concentrando sulla governance urbana in Cina.

Caratterizzando il volantino come una serie di linee rosse da non attraversare (più “da non fare” che da “indietro”), ha anche suggerito che ci fosse ancora del lavoro da fare per articolare positivamente ciò che costituisce un buon design. .

“Ci sono politiche e documenti che parlano di ciò che tu non dovrebbe fai … il che è una buona cosa, ma non hanno mai detto cosa tu dovrebbero “spiega.” Architetti e urbanisti possono beneficiare di consigli abbastanza specifici su ciò che costituisce un buon design.

“Ma deve essere collegato al contesto locale, quindi non mi aspetto che il governo nazionale fornisca consigli come questo. Ciò che funziona in un contesto potrebbe non funzionare in un altro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *