La domanda globale di energia subisce uno shock “storico” equivalente alla perdita dell’India

Questo secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, che ha affermato giovedì in un nuovo rapporto che la domanda di energia potrebbe scendere del 6% quest’anno se i colli di bottiglia persistono per molti mesi e la ripresa economica è lenta.

Un simile scenario è “sempre più probabile”, secondo l’AIE, aggiungendo che un calo di questa portata sarebbe sette volte maggiore del calo successivo alla crisi finanziaria globale del 2008. Si prevede che la domanda di elettricità scenderà di 5% nel 2022, il calo più grande dalla Grande Depressione.

“Questo è uno shock storico per l’intero mondo dell’energia”, ha dichiarato Fatih Birol, direttore esecutivo dell’agenzia con sede a Parigi. “È ancora troppo presto per determinare gli impatti a lungo termine, ma il settore energetico che emerge da questa crisi sarà significativamente diverso da quello che l’ha preceduta”.

La domanda di carbone, petrolio e gas è stata ridotta a seguito di chiusure per contenere la diffusione del virus, che ha smorzato l’attività economica e praticamente fermato i viaggi aerei internazionali. La domanda di petrolio in particolare potrebbe calare del 9%, spazzando via otto anni di crescita.

Il mondo potrebbe non riguadagnare mai la sua sete di petrolio

Solo l’energia rinnovabile ha resistito, con la domanda di elettricità prodotta da fonti come il solare e l’eolico dovrebbe aumentare dell’1% nel 2022. I bassi costi operativi hanno dato una spinta.

Questa dinamica – combinata con l’eccesso di offerta derivante da una breve ma brutale guerra dei prezzi tra Arabia Saudita e Russia – ha ha scosso il mercato petrolifero. La scorsa settimana, i prezzi del petrolio USA sono diventati negativi per la prima volta. Ciò significava che gli operatori pagavano effettivamente le persone per portargli via il greggio.

Da allora i prezzi del petrolio hanno recuperato, ma rimangono vicini ai loro livelli più bassi per decenni. Ciò dovrebbe innescare un’ondata di fallimenti e perdite di posti di lavoro nel settore in quanto la produzione rallenta per soddisfare la domanda in calo.

READ  L'acconciatore Tomihiro Kono usa 111 parrucche per esplorare l'identità

Il calo del consumo di energia è dovuto alle economie sviluppate, secondo IEA. L’agenzia prevede un calo della domanda del 9% negli Stati Uniti e dell’11% nell’Unione europea.

Alcuni paesi europei e parti degli Stati Uniti stanno iniziando a revocare severi blocchi al fine di riavviare gradualmente le loro economie. La velocità con cui questi limiti vengono allentati avrà un effetto maggiore sul consumo di energia; l’AIE stima che ogni mese di preclusione globale riduca la domanda annuale di elettricità di circa l’1,5%.

Nel frattempo, le emissioni di carbonio sono notevolmente inferiori. Le emissioni di biossido di carbonio legate all’energia dovrebbero scendere di quasi l’8% nel 2022 al loro livello più basso dal 2010, secondo l’AIE. Questo sarebbe il più grande calo delle emissioni mai registrato.

Birol ha affermato che il declino – il risultato di una crisi sanitaria e di uno shock economico – è stato “nulla da applaudire”.

“Se le conseguenze della crisi finanziaria del 2008 continuano, è probabile che vedremo presto un netto rimbalzo delle emissioni man mano che le condizioni economiche miglioreranno”, ha affermato.

Il burlone è il comportamento di governi e consumatori quando la pandemia si allontana. L’analisi dell’AIE mostra che i governi generano direttamente e indirettamente oltre il 70% degli investimenti energetici globali.

Se scelgono di promuovere l’energia rinnovabile come parte dei loro piani di recupero, ciò potrebbe accelerare una transizione già in corso. Le persone possono anche essere molto riluttanti a viaggiare all’estero tanto quanto prima e lavorare da casa potrebbe diventare più comune, riducendo il traffico dei pendolari.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha dichiarato questa settimana che la lotta ai cambiamenti climatici deve essere parte integrante della soluzione alla pandemia di coronavirus.

READ  Coronavirus, consiglio dei medici di medicina generale: "Cosa fare della febbre o della tosse"?

“La progettazione di piani di ripresa economica rappresenta un’importante opportunità per i governi di collegare gli sforzi di ripresa economica per pulire le transizioni energetiche e guidare il sistema energetico verso un percorso più sostenibile”, ha affermato l’AIE nel suo rapporto.

source–>https://www.cnn.com/2020/04/30/economy/energy-demand-iea/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT