La foresta amazzonica potrebbe scomparire in meno di 50 anni una volta raggiunto il punto critico, avvertono gli scienziati
Un team di ricercatori ha scoperto che una volta che hanno iniziato a crollare, il i più grandi ecosistemi, come l’Amazzonia, probabilmente sono scomparsi molto più velocemente di quanto si pensasse.

Hanno detto che i risultati dovrebbero servire come un nuovo campanello d’allarme per i politici per porre fine al ciclo di distruzione del mondo naturale.

Uno studio pubblicato martedì sulla rivista peer-review Nature Communications indica che la velocità del collasso è sorprendentemente sproporzionata per i grandi ecosistemi.

“Una foresta che è 100 volte più grande di un’altra impiega più tempo a collassare, ma ci vorrà molto meno di 100 volte il tempo … il che significa che i più grandi ecosistemi che abbiamo nel mondo sono probabilmente collasserà molto più velocemente di quanto pensiamo in pochi decenni “, ha dichiarato John Dearing, professore di geografia fisica, che faceva parte del gruppo di ricerca con scienziati della Bangor University in Galles e la London School of Oriental and African Studies.

Sebbene gli umani causino il collasso di questi ecosistemi a causa della rapida deforestazione, della pesca eccessiva e di altre attività, lo faranno anche quelli a pagare il prezzo una volta che questi habitat sono spariti.
Alcuni scienziati sostengono che la foresta pluviale amazzonica sta già affrontando il suo punto di non ritorno.

Il timore ha detto alla CNN che quando gli ecosistemi collassano dal loro stato naturale, le risorse che forniscono in termini di cibo o agricoltura diminuiscono drasticamente.

Le comunità di pescatori, gli agricoltori e altri che dipendono dalle risorse naturali hanno ripetutamente subito l’impatto devastante di questi eventi. Quando la pesca del merluzzo bianco nell’Atlantico nord-occidentale è crollata nel 1992, il governo canadese ha imposto a moratoria sulle comunità di Terranova e Labrador che fanno affidamento sulla pesca da 500 anni. Di conseguenza, circa 30.000 persone hanno perso il lavoro. Il governo ha cercato di aiutare, fornendo assistenza finanziaria, opzioni di prepensionamento e programmi di riqualificazione, ma la popolazione della provincia è diminuita del 10% nei prossimi 10 anni e il suo tasso di disoccupazione rimane ancora più elevato alto che nel resto del paese.

READ  La stagione di F1 2020 potrebbe iniziare a porte chiuse, afferma l'amministratore delegato Ross Brawn

Più di recente, le Nazioni Unite hanno avvertito che quando la terra fertile si trasforma in un deserto nell’Africa sub-sahariana, gli scontri mortali tra agricoltori e allevatori sono sempre più comuni. L’operazione ibrida Unione Africana-Nazioni Unite nel Darfur ha avvertito che vi è stato un aumento delle tensioni delle risorse tra le due comunità durante l’ultima stagione delle piogge nel Darfur, con un numero di persone uccise.

Trova il punto di non ritorno

Il problema è che gli scienziati non hanno ancora capito come prevedere un punto critico: la soglia che, una volta varcata, provoca un cambiamento negli ecosistemi – arriva, o addirittura riconosce con certezza che è stato raggiunto. “La maggior parte dei punti di ribaltamento sono stati visti con il senno di poi, abbiamo guardato indietro e abbiamo detto” oh, sembra che il punto di ribaltamento fosse x anni fa “”, ha detto Dearing.

Alcuni scienziati sostengono che la foresta pluviale amazzonica, una parte cruciale del ciclo globale del carbonio, è attualmente a un punto di non ritorno.

Thomas Lovejoy, professore alla George Mason University in Virginia, e Carlos Nobre, ricercatore principale dell’Università brasiliana di San Paolo, hanno avvertito per diversi anni nelle loro ricerche, distinte dallo studio di Nature Communication, che la foresta pluviale “barcollando sull’orlo della distruzione funzionale” a causa dell’impatto della deforestazione aggressiva sulla siccità.

L'Amazzonia è un cuscinetto chiave contro i cambiamenti climatici. Un nuovo studio avverte che gli incendi potrebbero decimarlo

La foresta pluviale genera circa la metà della propria pioggia riciclando l’umidità attraverso alberi e altre piante. “La foresta pluviale è al centro del ciclo idrico regionale e forse anche globale, contiene così tanta acqua, ha il suo tipo di microclima, colpisce in particolare i sistemi di pressione e i sistemi meteorologici di tutto il mondo. “Nord Atlantico”, disse Dearing.

READ  Le restrizioni sul coronavirus in Australia saranno revocate in un piano in tre fasi per riaprire l'economia

Ma quando gli alberi vengono abbattuti, il terreno diventa secco e la quantità di acqua nel sistema diminuisce. Lovejoy e Nobre affermano il punto di non ritorno in cui la foresta pluviale amazzonica inizia ad asciugarsi e trasformarsi in savana è “a portata di mano”.

Hanno affermato che le gravi siccità del 2005, 2010 e 2015-16 “potrebbero benissimo rappresentare il primo sfarfallio di questo punto di svolta ecologico”.

La barriera corallina giamaicana è stata spazzata via in soli 15 anni.

Dearing ha detto che quando ciò accadrà, verrà rilasciata un’enorme quantità di carbonio, che ora è immagazzinata nella foresta pluviale. Quando gli alberi bruciano negli incendi boschivi o marciscono dopo la deforestazione, il carbonio che hanno sequestrato viene riportato nell’atmosfera.

“Vedremo scomparire molte specie”, ha detto. “Alcuni di questi non saranno essenziali per la nostra sopravvivenza, ma se ciò significa che stiamo perdendo risorse genetiche, stiamo perdendo l’opportunità di nuovi prodotti farmaceutici, quindi stiamo perdendo molta di questa potenziale ricchezza che queste foreste ci danno”.

I cambiamenti climatici rendono più probabile il collasso

I cambiamenti climatici stanno ulteriormente aggravando la distruzione degli ecosistemi. In tutto il mondo, gli ambienti si stanno riscaldando a un ritmo che non possono far fronte. “Quando aggiungi ulteriori vincoli come l’inquinamento, la deforestazione, il pascolo eccessivo, la pesca eccessiva, il fatto che tu abbia questo stress in background aumenta semplicemente le possibilità che i sistemi possano collassare abbastanza rapidamente”, ha detto Dearing .

La rapida diffusione degli incendi boschivi in ​​Australia lo scorso anno ha mostrato impatto devastante del cambiamento climatico su ambienti già vulnerabili.
Lo studio rileva che la crisi climatica ha reso gli incendi boschivi in ​​Australia almeno il 30% più probabili

Il team Dearing ha sviluppato il modello per prevedere la velocità del collasso dell’ecosistema esaminando cambiamenti simili verificatisi in passato. Hanno analizzato 42 ecosistemi in cinque continenti che hanno subito cambiamenti drammatici. Le lezioni sono desolate. Le barriere coralline giamaicane sono state spazzate via in soli 15 anni e sono diventate un ecosistema dominato dalle alghe, mentre i terreni agricoli nella regione Maradi del Niger si sono trasformati in un deserto in soli 20 anni.

READ  Coronavirus Illinois: il dipartimento sanitario della contea di Kane chiude gli alimenti di St. Charles 'Smithfield a causa delle preoccupazioni di COVID-19

Ci sono stati cambiamenti naturali negli ecosistemi in passato, come quando la vegetazione è cambiata radicalmente nell’emisfero settentrionale durante e dopo l’era glaciale. “Durante le ere glaciali, le strisce di vegetazione si alzavano e si abbassavano mentre l’ambiente diventava più caldo o più freddo”, ha detto Dearing.

Tuttavia, questi cambiamenti passati sono avvenuti nel corso di migliaia e decine di migliaia di anni. “Di cosa stiamo parlando ora sono decenni”, ha aggiunto Dearing.

E quando si verificano cambiamenti naturali più bruschi, ad esempio a seguito di un’improvvisa siccità o di una grave eruzione vulcanica, gli ambienti tendono a rimbalzare relativamente rapidamente, tornando al loro stato precedente.

Dearing ha affermato che i cambiamenti indotti dall’uomo sembrano essere più permanenti. “Quello che vediamo sono ecosistemi che non rimbalzano davvero, rimangono in questo tipo di stato stabile ma degradato”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_americas/~3/qGKkN2620AA/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *