La leggenda del Liverpool Kenny Dalglish risulta positiva al coronavirus

L’ex attaccante internazionale scozzese 69enne non mostra sintomi della malattia, ha detto la sua famiglia in una dichiarazione rilasciata dal Premier della Premier League inglese, Liverpool.

Dalglish è stato ricoverato in ospedale da mercoledì per un problema che richiede antibiotici per via endovenosa ed è stato sistematicamente controllato per Covid-19.

“Inaspettatamente, il risultato del test è stato positivo ma rimane asintomatico”, afferma la dichiarazione.

“Prima del suo ricovero in ospedale, aveva scelto di isolarsi volontariamente per un periodo più lungo del periodo raccomandato con la sua famiglia.

“Inviterebbe tutti a seguire le raccomandazioni del governo e degli esperti nei giorni e nelle settimane a venire”.

Dalglish ha iniziato la sua carriera con il Celtic, assistendo la squadra di Glasgow con quattro titoli di campionato scozzese prima di firmare per il Liverpool nel 1977.

Il suo arrivo coincise con un’era d’oro per il Liverpool, con Dalglish che vinse otto titoli di campionato in Inghilterra, tre Coppe europee e tre Coppe FA in un periodo di 13 anni come giocatore e poi manager.

In 515 partite con gli Anfield Giants, Dalglish ha segnato 172 gol e con la Scozia 30 gol in 102 partite internazionali.

Mentre il manager del Liverpool, Kenny Dalglish, celebra dopo aver segnato il goal vincente che conferisce al Liverpool il campionato di Division 1 per la stagione 1985/86 dopo aver battuto il Chelsea per 1-0 allo Stamford Bridge.

Dalglish, che è diventato il giocatore manager a Liverpool nel 1985 dopo le dimissioni di Joe Fagan, è stato ampiamente elogiato per il ruolo che ha svolto nel sostenere le famiglie delle vittime dopo la morte di 96 tifosi nel disastro dello stadio Hillsborough nel 1989.

Dopo aver lasciato il Liverpool, Dalglish ha portato Blackburn Rovers al titolo di Premier League inglese nel 1995 ed è stato anche responsabile del Newcastle United e del suo primo club Celtic.

READ  Marc Rebillet, artista di danza elettronica, sta preparando un primo tour americano noto nei cinema con servizio di guida

Un secondo incantesimo manageriale a Liverpool ha visto Dalglish portarli al titolo di Coppa di Lega inglese nel 2012, ma con risultati indifferenti in campionato è stato poi licenziato.

L’ex capitano del Liverpool Steven Gerrard, che ha giocato con Dalglish in questo incantesimo, ha pubblicato una foto sulla sua pagina Instagram di Dalglish con una delle sue figlie, con il messaggio: “Guarisci presto, re”.

Ian Rush, che ha stretto una straordinaria e straordinaria collaborazione con il suo ex compagno di squadra, ha anche visitato il sito Web dei social network. “Auguro una pronta guarigione al meglio … Sir Kenny”, scrisse.

Kenny Daglish riconosce gli applausi dei fan dopo aver creato una nuova tribuna ad Anfield per suo conto nel 2017 in riconoscimento dei suoi successi come giocatore e manager a Liverpool. )

Dalglish è stato nominato cavaliere dalla regina Elisabetta II nel 2018 per i servizi calcistici e di beneficenza da lui sostenuti, che hanno contribuito a finanziare le strutture del SSN.

“Kenny vorrebbe cogliere l’occasione per ringraziare il brillante personale del SSN, la cui dedizione, coraggio e sacrificio dovrebbero essere al centro dell’attenzione della nazione in questo momento straordinario”, ha aggiunto la dichiarazione della famiglia venerdì.

“Chiederebbe anche che gli venga dato spazio per svolgere il proprio lavoro in un momento estremamente difficile per loro e che venga rispettata la privacy della propria famiglia.

“Non vede l’ora di tornare a casa presto. Forniremo ulteriori aggiornamenti, se e quando opportuno”.

Dalglish è l’ultima ex o attuale star del calcio di alto profilo a testare positivamente il coronavirus durante la pandemia globale.

Il manager dell’Arsenal Mikel Arteta è stato positivo per Covid-19 il 12 marzo, il giorno prima della sospensione della Premier League inglese.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_football/~3/IX8Ck5uAxEI/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *