La mano dell’ufficiale di polizia indiano ha tagliato durante l’attacco della spada durante il blocco del coronavirus

La sinistra sinistra recisa di Harjit Singh, assistente del sotto-ispettore della polizia del Punjab, è stata quindi legata al polso dopo quasi otto ore di intervento chirurgico.

L’attacco ha avuto luogo quando un veicolo che trasportava sette uomini – che appartengono alla minoranza guerriera Sikh conosciuta come Nihang – è stato fermato in una barricata fuori da un mercato di ortaggi nel distretto di Patiala, KBS Sidhu, un alto funzionario del governo statale, ha detto alla CNN. .

Quando la polizia ha chiesto agli uomini biglietti validi, uno di loro ha estratto una spada e ha tagliato la mano di Singh.

La polizia mostra armi affilate recuperate a Patiala, in India, il 12 aprile.

Gli ufficiali feriti, uno dei quali aveva ferite alla spada nella parte posteriore, furono portati all’Istituto universitario di addestramento e ricerca medica a Chandigarh.

“Sono lieto di condividere che un’operazione di 7 ore e mezza è stata eseguita con successo nell’IGP per riparare il polso reciso dell’ASI Harjeet Singh. Ringrazio l’intero team di medici e il personale di supporto per il loro attenti sforzi. Auguro a ASI Harjeet Singh una pronta guarigione “, ha dichiarato il Ministro di Stato Amarinder Singh. tweeted.
L'India ha chiuso le sue ferrovie per la prima volta in 167 anni. Ora i treni vengono trasformati in ospedali
“La polizia non ha nemmeno tirato fuori le sue armi e tu le hai attaccate e hai tagliato la mano di una persona innocente? Questo non può essere tollerato e saranno prese misure rigorose … Ancora una volta, dico tutto in Punjab, Sto avvertendo la gente che saranno prese misure severe contro coloro che non rispettano il coprifuoco “, ha detto Singh in a messaggio vocale pubblicato su Twitter.

Dopo un’operazione di un’ora in un gurdwara locale (tempio sikh), la polizia ha arrestato i sette accusati. È in corso un’ulteriore indagine.

L’India è attualmente sotto blocco a livello nazionale che doveva concludersi il 14 aprile. Il Punjab è stato comunque uno dei primi stati del Paese ad estendere le misure fino alla fine del mese. Lo stato ha riportato un totale di 151 casi confermati di coronavirus, inclusi 11 decessi.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/LHRJg6uEP1Q/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *