La rapina in aeroporto cilena vede una banda armata netta da $ 15 milioni
Il volo è avvenuto verso mezzogiorno ora locale (11:00 ET) quando un gruppo di 10 persone è entrato nell’area di carico dell’aeroporto internazionale Arturo Merino Benítez e ha preso di mira un camioncino di proprietà della compagnia di sicurezza Brinks , secondo una filiale della CNN. CNN Cile.
I furti di gioielli moderni più famosi

La banda ha fatto finta di essere lavoratori della compagnia di consegna DHL, entrando in aeroporto in un veicolo aziendale nei colori rosso e giallo, prima di minacciare le guardie di sicurezza e ferire qualcuno dopo averli Rapporti CNN Cile.

Jorge Sánchez della Policia de Investigacion (PDI) del Cile ha tenuto una conferenza stampa lunedì dopo il furto con scasso, rivelando che erano stati rubati 14 milioni di dollari e un milione di euro in contanti.

Sánchez ha affermato che i criminali potrebbero aver avuto informazioni privilegiate che hanno permesso loro di eseguire il furto con scasso, aggiungendo che il crimine è stato commesso da professionisti.

L’IDP sta conducendo un’indagine a fianco del procuratore, ha affermato Sánchez, che ha aggiunto che i protocolli di sicurezza necessari non erano in atto.

Picchiati e accecati, i manifestanti cileni affrontano
Sono state implementate nuove misure di sicurezza dovrebbe essere implementato a seguito di una simile fuga di aeroporti nel 2014 in cui sono stati rubati $ 10 milioni.

La CNN ha contattato l’Aeroporto Internazionale Arturo Merino Benítez per maggiori dettagli.

Il Cile sta attualmente vivendo gravi disordini civili che hanno esteso le forze di sicurezza con proteste contro il presidente Sebastián Piñera in corso dall’ottobre 2019.

Centinaia di migliaia di manifestanti sono scesi in piazza domenica per celebrare la Giornata internazionale della donna, alcune parti della marcia sono diventate violente.

READ  Lezioni dalla Cina: come il Coronavirus ha cambiato per sempre il commercio globale

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_americas/~3/RJDAXInOz2Q/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *