La ricostruzione di Notre-Dame in folle un anno dopo l’incendio

Scritto da Oscar Holland, CNN

Hanno contribuito Alaa Elassar, CNN

È passato un anno dal giorno da un incendio devastato Cattedrale di Notre Dame, facendo crollare la sua guglia e lasciando in dubbio il futuro della chiesa di 850 anni.
Il fuoco, che francese dicono i pubblici ministeri potrebbe essere stato innescato da una sigaretta o da un malfunzionamento elettrico, innescato solidarietà e donazioni da tutto il mondo lo scorso aprile. Ma con la fine del coronavirus, che ha fermato gli sforzi di restauro – e l’attenzione del paese è ora concentrata altrove – il buio anniversario dovrebbe passare con fanfara.
I lavori sul sito di Parigi sono stati sospesi dal 16 marzo, data in cui la Francia introduce misure generalizzate per aiutare a controllare la diffusione di Covid-19. E nonostante i mesi di lavori di recupero già in corso, permangono incertezze sull’intera entità del danno.
Generale Jean-Louis Georgelin, rappresentante speciale del presidente Emmanuel Macron per la ricostruzione, disse al senato francese alla fine di gennaio era troppo presto per dire se la cattedrale potesse essere salvata. Ha indicato che un certo numero di compiti delicati dovevano ancora essere completati al fine di verificare completamente le condizioni della struttura, compreso l’accesso alle volte del soffitto per l’ispezione e la rimozione delle impalcature che erano state erette prima della fuoco e parzialmente sciolto. Georgelin ha anche affermato che grandi quantità di polvere di piombo sul sito presentano un rischio di contaminazione che ha preso “molto sul serio”.
Cattedrale di Notre Dame dove i lavori di ricostruzione sono stati sospesi dal 16 marzo a causa della chiusura del coronavirus. (Foto scattata il 14 aprile alla vigilia dell'anniversario del devastante incendio)

Cattedrale di Notre Dame dove i lavori di ricostruzione sono stati sospesi dal 16 marzo a causa della chiusura del coronavirus. (Foto scattata il 14 aprile alla vigilia dell’anniversario del devastante incendio) di credito: Chesnot / Getty Images Europa / Getty Images

Il direttore del laboratorio responsabile della valutazione delle rovine, Aline Magnien del Research Laboratory on Historic Monuments (LRMH), ha assunto un tono ottimista il mese scorso, dillo alla rivista Science che “il cuore di Notre-Dame era stato salvato”.

“Ciò che conta non è tanto il tetto e la volta quanto il santuario che proteggono”, ha detto, aggiungendo: “La Madonna sarà restaurata. Le sue opere d’arte, la sua pietra e le sue finestre saranno pulite, saranno più luminose e più belle di prima. “

Lo smantellamento delle impalcature doveva essere completato a giugno, sebbene il Ministero della Cultura francese non abbia ancora risposto alle richieste della CNN su come la sospensione dei lavori potesse avere un impatto sul programma di restauro – o su il realismo dei piani iniziali di Macron di riaprire il benchmark entro il 2024 .. Le priorità del presidente francese sono altrove, e lunedì sera ha usato un indirizzo televisivo annunciare che la chiusura nazionale sarebbe continuata per un altro mese.
Una foto della ricostruzione di Notre Dame scattata a luglio 2019.

Una foto della ricostruzione di Notre Dame scattata a luglio 2019. di credito: Bertrand Guay / AFP / Getty Images

READ  Coronavirus ha costretto un gruppo di adolescenti a tornare a casa attraverso l'Atlantico

In bilico

Tra le molte altre incertezze c’è se il processo di progettazione di un nuovo boom sarà influenzato dalla serratura. L’anno scorso, il primo ministro francese Edouard Philippe ha annunciato a concorso internazionale scegliere un nuovo design, con una proposta vincente che dovrebbe essere inizialmente annunciata nella prima metà di quest’anno. Se questa nuova freccia debba essere copiata da quella perduta – essa stessa il risultato di un restauro del 19 ° secolo – o qualcosa di più contemporaneo è stato un argomento di dibattito acceso.
Resta anche da determinare la quota di 850 milioni di euro ($ 928 milioni) promessi dai donatori per gli sforzi di ripristino si materializzeranno. Una delle organizzazioni che ha raccolto fondi per il progetto, la Heritage Foundation, ha dichiarato la scorsa settimana che oltre il 92% dei 228 milioni di euro (249 milioni di dollari) che aveva promesso erano “impegni ferma e definitiva “, sebbene sia stato raccolto solo il 38% di questo importo.

La Fondazione Notre Dame, creata per raccogliere fondi a seguito dell’incendio, ha dichiarato di aver raccolto finora 55,8 milioni di euro ($ 60,9 milioni), più di quanto già investito.

L’organizzazione ha inoltre dichiarato ulteriori 319 milioni di euro (348 milioni di dollari) in impegni, con il Centre des monumenti nationaux e anche la Fondation de France raccogliere donazioni.
Il vescovo ausiliare di Parigi Denis Jachiet, al centro, e l'arcivescovo di Parigi Michel Aupetit, a sinistra, partecipano a una cerimonia di meditazione per celebrare il Venerdì Santo in una zona sicura di Notre-Dame.

Il vescovo ausiliare di Parigi Denis Jachiet, al centro, e l’arcivescovo di Parigi Michel Aupetit, a sinistra, partecipano a una cerimonia di meditazione per celebrare il Venerdì Santo in una zona sicura di Notre-Dame. di credito: Ludovic Marin / Piscina / AFP / Getty Images

Il sito non era completamente silenzioso durante il blocco. L’arcivescovo di Parigi Michel Aupetit era una delle sette persone – alcune delle quali indossavano maschere per il viso e Buon venerdì servizio TV in una parte sicura della cattedrale la scorsa settimana.
“Un anno fa, la cattedrale fu distrutta”, ha detto Aupetit. ha detto all’affiliata della CNN BFMTV prima del servizio.

“Oggi, il paese è devastato da una pandemia. C’è sempre un messaggio di speranza, e questa celebrazione nel cuore della cattedrale sarà il segno della nostra speranza.”

READ  La Fed ha ridotto i tassi a zero e prestato miliardi di dollari. Il suo prossimo passo è complicato

Hanno contribuito a questo rapporto Pierre Bairin, Ya Chun Wang, Benjamin Berteau e Fanny Bobille della CNN.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/jXjKwlNIowY/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *