L’acquisizione della Newcastle Premier League prende una svolta geopolitica mentre il gruppo media BeIN pesa

BeIN, che ha diritti esclusivi per la Premier League in Medio Oriente e Nord Africa, ha scritto lettere separate per la Premier League e diversi presidenti di club alla luce della proposta acquisizione di Newcastle.

Il consorzio tripartito che sta cercando di impadronirsi del club include il Fondo di investimenti pubblici sauditi (PIF), presieduto dal principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

In una lettera del CEO di beIN Yousef Al-Obaidly al CEO della Premier League Richard Masters, Al-Obaidly allude al “ruolo diretto” che l’Arabia Saudita ha svolto nel “lancio, promozione e operazione” di presunto servizio di streaming pirata beoutQ.

“Riteniamo essenziale che la Premier League indaghi a fondo sul potenziale acquirente del club, inclusi tutti i direttori, i dirigenti e gli altri rappresentanti del PIF KSA o di altre entità saudite coinvolte o che forniscano in altro modo finanziamento per l’acquisizione “, ha detto la lettera.

“La nostra richiesta si basa esclusivamente sul furto passato e presente dell’Arabia Saudita dei tuoi diritti di proprietà intellettuale e di quelli dei tuoi club membri.”

Yousef al-Obaidly partecipa alla partita del gruppo di Champions League tra PSG e Shakhtar Donetsk nel 2015.

BeoutQ non ha risposto alle precedenti richieste e-mail di commenti della CNN sulle sue attività negli ultimi mesi.

La CNN ha tentato di contattare il ministero dei media saudita in merito alle accuse di pirateria, ma non ha ricevuto risposta.

La Premier League ha rifiutato di commentare quando contattata dalla CNN.

Premier League regole, i potenziali nuovi proprietari di club devono superare l’organizzazione e il test della persona appropriata.

BeIN precedentemente accusato beoutQ di strappare il suo flusso e il commento sportivo delle partite in diretta, sostituendo il logo beIN con un logo beoutQ.

Un certo numero di altri campionati sportivi, tra cui l’NBA e la US Tennis Association, lo scorso anno ha presentato una denuncia al governo degli Stati Uniti rispetto a beoutQ, sostenendo che trasmette illegalmente beIN copertura.

La Premier League in precedenza aveva accusato BeQ di violare i suoi diritti di proprietà intellettuale “su base sistematica e diffusa”.

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman è presidente del PIF nella speranza di acquistare una partecipazione nel Newcastle United.

La lega ha anche rilasciato una dichiarazione a luglio che aveva contattato nove studi legali in Arabia Saudita per una consulenza legale, che “si è semplicemente rifiutato di agire per nostro conto o inizialmente ha accettato le istruzioni, ma in seguito per ricusati “.

READ  Quanto saranno seri i guadagni? Nessuno lo sa davvero

Le accuse di pirateria arrivano dopo che Amnesty International ha accusato il PIF di “lavaggi sportivi” e di aver usato la Premier League come “strumento di pubbliche relazioni per distogliere l’attenzione dal terribile record sui diritti umani del paese”.

La CNN ha fatto diversi tentativi di contattare i funzionari sauditi e il PIF sulle critiche di Amnesty, ma non ha ricevuto risposta.

Nel settembre 2019, un rapporto della Premier League affermava che le trasmissioni piratesche di beoutQ erano “trasmesse utilizzando infrastrutture satellitari di proprietà e gestite da Arabsat”.

Arabsat non ha immediatamente risposto alla richiesta di commento della CNN.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_sport/~3/f4o-oLvOjdg/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT