L’amministrazione Trump ha apportato cambiamenti radicali al sistema di immigrazione degli Stati Uniti durante la pandemia di coronavirus

In poco più di un mese, ci sono state più di una dozzina di cambiamenti nel sistema, che vanno dal rinvio delle udienze sull’immigrazione alla sospensione dei voli di espulsione verso determinati paesi, alla rapida espulsione di migranti arrestati alla frontiera e sospensione delle ammissioni di rifugiati. Le modifiche al sistema stanno avvenendo gradualmente, ma rapidamente, poiché la pandemia continua a diffondersi in tutto il paese.

Ecco un elenco delle modifiche al sistema di immigrazione.

Gli Stati Uniti espandono le restrizioni di viaggio in Canada e Messico

20 aprile: Il segretario ad interim della sicurezza nazionale Chad Wolf ha esteso le restrizioni sui viaggi non essenziali ai confini nord e sud. Le restrizioni sarebbero scadute dopo essere state in vigore per quasi un mese.

L’amministrazione ha inoltre esteso i poteri che autorizzano gli Stati Uniti a espellere immediatamente i migranti incontrati alla frontiera, compresi i bambini. All’inizio di questo mese, CBP ha dichiarato che avrebbe sfrattato l’80% di tutti coloro che ha incontrato in meno di due ore.

L’amministrazione afferma che sta cambiando temporaneamente i requisiti per i visti per i lavoratori stranieri

15 aprile Il cambiamento è progettato per aiutare i datori di lavoro agricoli americani che fanno affidamento su lavoratori stranieri. I datori di lavoro qualificati che sono lavoratori interessati non saranno in grado di entrare negli Stati Uniti a causa delle restrizioni di viaggio possono assumere quelli già negli Stati Uniti con un determinato status di visto.

Tra i motivi elencato dal Ministero della sicurezza nazionale e dal Ministero dell’agricoltura per il temporaneo cambio di regole protegge la catena di approvvigionamento alimentare del paese.

La Casa Bianca pubblica un memorandum che autorizza il Dipartimento di Stato a imporre sanzioni sui visti ai paesi che non riescono a rimpatriare i cittadini durante la pandemia

10 aprile La casa bianca pubblicato un memorandum che consente sanzioni in materia di visti se un paese rifiuta di rimpatriare i propri cittadini, sostenendo che il loro rifiuto costituisce un rischio per gli Stati Uniti nel mezzo della pandemia di coronavirus.

“I paesi che negano irragionevolmente o ritardano l’accettazione dei loro cittadini, soggetti, cittadini o residenti negli Stati Uniti durante la pandemia in corso causata da SARS-CoV-2 creano rischi inaccettabili per la salute pubblica per gli americani”, ha detto il promemoria. “Gli Stati Uniti devono essere in grado di rimpatriare i cittadini stranieri che violano le leggi degli Stati Uniti”.

Il Guatemala ha espresso preoccupazione per i voli di rimpatrio. Alla fine del mese scorso, un guatemalteco espulso dagli Stati Uniti è risultato positivo al coronavirus. Da allora, i funzionari guatemaltechi hanno avvertito di casi più positivi tra i deportati e i voli sospesi.

La nota rileva che gli ordini sono temporanei e “cesseranno di applicarsi il 31 dicembre 2021, salvo proroga”.

ICE rilascia i detenuti caso per caso

7 aprile I funzionari dell’immigrazione e delle dogane hanno riferito al personale del Congresso che stanno indagando su casi di persone in detenzione che potrebbero essere vulnerabili al coronavirus a seguito di ripetute chiamate da parte dei legislatori per liberare i detenuti.

L’agenzia ha affermato di aver chiesto ai suoi uffici sul campo di “continuare a valutare e considerare il rilascio di determinate persone ritenute a maggior rischio di esposizione, in conformità con le linee guida del CDC, esaminando il casi di persone di età pari o superiore a 60 anni, nonché di donne in gravidanza “.

READ  Chernobyl spara sotto controllo, secondo le autorità ucraine

“Inoltre, sono in corso gli sforzi per identificare altre persone che potrebbero essere più vulnerabili a COVID-19, sulla base di fattori di rischio identificati dal CDC, diversi dall’età e dalla gravidanza Raccomandazioni CDC “, ha detto l’ICE.

Da allora, Ken Cuccinelli, Vice Assistente alla Segreteria della Sicurezza Nazionale, ha detto ai giornalisti che l’ICE ha rilasciato circa 700 persone dopo aver effettuato esami medici a causa delle preoccupazioni sul coronavirus.

L’amministrazione Trump estende il rinvio delle audizioni sull’immigrazione per i casi di “soggiorno in Messico”

1 aprileL’amministrazione Trump ha prolungato il rinvio delle audizioni di immigrazione programmate fino al 1 maggio per i migranti in attesa in Messico, secondo una dichiarazione congiunta del Dipartimento di sicurezza nazionale e del Dipartimento di giustizia.

Tutte le audizioni programmate saranno posticipate.

Migliaia di migranti stanno aspettando in Messico la data del loro tribunale per l’immigrazione negli Stati Uniti come parte della cosiddetta politica “rimanere in Messico” dell’amministrazione.

L’agenzia di frontiera afferma che i minori migranti non accompagnati saranno soggetti a nuove regole di frontiera

30 marzo: Customs and Border Protection, un’agenzia DHS, ha dichiarato in una nota che i minori possono essere inclusi nelle nuove restrizioni al coronavirus di frontiera, il che significa che i bambini che arrivano da soli alla frontiera potrebbero essere inviati nel loro paese di origine invece di essere consegnati al Dipartimento della sanità e dei servizi sociali, che di solito è responsabile delle loro cure. L’agenzia inizialmente disse che i bambini sarebbero stati esenti.

Degli oltre 6.000 migranti deportati a marzo in base alle nuove restrizioni, 299 erano bambini single e 393 membri della famiglia.

Il Dipartimento di Stato sospende i servizi di visto ordinari

20 marzo: Il dipartimento, citando le sfide globali associate alla pandemia di Covid-19, temporaneamente sospeso servizi di visto di routine presso ambasciate e consolati statunitensi. I servizi ai cittadini americani continuano.

Il Dipartimento di Stato ha successivamente aggiornato le sue linee guida per indicare agli operatori sanitari stranieri la cui domanda di visto è stata approvata o che sono eleggibili per un programma di scambio approvato, per richiedere un appuntamento con il ambasciata o consolato più vicini.

Stati Uniti, Messico limitano i viaggi transfrontalieri

20 marzo: Gli Stati Uniti e il Messico hanno annunciato che stanno limitando i movimenti non essenziali attraverso i loro confini condivisi per frenare i movimenti durante la pandemia. Le eccezioni includono viaggi per scopi medici o professionali o per andare a scuola, tra gli altri, secondo un avviso normativo previsto per il 24 marzo.

Gli Stati Uniti hanno anche preso la decisione di negare l’ingresso ai migranti che attraversano illegalmente il confine meridionale. Sotto la guida dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, il Dipartimento per la sicurezza nazionale sospenderà l’ingresso di tutti i migranti “che cercano di entrare negli Stati Uniti senza adeguati documenti di viaggio” – per il confine settentrionale e meridionale, ha affermato il segretario ad interim, Chad Wolf.

I migranti arrestati alla frontiera saranno espulsi rapidamente o rimpatriati nel loro paese di origine.

READ  Sean 'Diddy' Combs e Jennifer Lopez si riuniscono per una festa da ballo

L’ICE modifica le operazioni di applicazione della legge sull’immigrazione

18 marzo: L’ICE ha riferito al personale del Congresso di aver temporaneamente adattato la sua “posizione di applicazione”, secondo un memo ottenuto dalla CNN, che segnava un cambiamento nelle operazioni a seguito della pandemia. L’agenzia ha affermato che si concentrerà su coloro che rappresentano un rischio per la sicurezza pubblica e sono “soggetti a detenzione obbligatoria per motivi penali”.

I sostenitori degli immigrati hanno invitato l’ICE a riprendere le operazioni nel mezzo dell’epidemia di coronavirus, sostenendo che l’agenzia ha instillato paura nella comunità degli immigrati e potrebbe scoraggiare alcuni dal vedere un medico.

L’agenzia ha dichiarato nella sua nota al personale che non effettuerà operazioni di contrasto all’interno o nelle vicinanze di strutture sanitarie “, tranne nelle circostanze più straordinarie”, aggiungendo che le persone non dovrebbero evitare di cercare cure mediche per paura di essere applicate.

DOJ chiude più tribunali per l’immigrazione, rinvia le audizioni

18 marzo: Ministero della giustizia ha chiuso altri 10 tribunali per l’immigrazione, si è diffuso in tutto il paese e ha rinviato tutte le audizioni degli immigrati che non sono in detenzione. L’ufficio esecutivo per la revisione dell’immigrazione del Dipartimento di giustizia, che sovrintende ai tribunali per l’immigrazione, aveva precedentemente apportato modifiche graduali alla frustrazione di giudici, avvocati e pubblici ministeri dell’immigrazione. Immigrazione e dogane, che ha sollecitato l’amministrazione a chiudere i tribunali per la sicurezza del personale e degli immigrati.

Sospensione delle ammissioni di rifugiati

18 marzo: Gli Stati Uniti sospensione delle ammissioni di rifugiati. La mossa arriva dopo che l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, responsabile della prenotazione del viaggio per i rifugiati, e l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati hanno annunciato una sospensione del viaggio di reinsediamento. Le agenzie hanno condiviso le loro preoccupazioni in una dichiarazione, affermando che i viaggi internazionali “potrebbero aumentare l’esposizione dei virus ai rifugiati”.

ICE sospende i voli di espulsione

18 marzo: L’ICE ha dichiarato alla CNN che i voli di ritorno per l’Italia, la Cina e la Corea del Sud sono stati sospesi. Tuttavia, poiché la situazione cambia rapidamente, l’ICE continua a espellere gli immigrati. Prima dell’imbarco, tuttavia, gli immigrati vengono sottoposti a un test di temperatura. Chiunque abbia una temperatura di 100,4 gradi o più viene riferito a un medico, secondo Sito web ICE. Da allora l’ICE ha aggiornato le sue linee guida per includere qualsiasi detenuto la cui temperatura sia di 99 gradi o più.

USCIS sospende i servizi di persona

17 marzo: Cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti annunciato che sospenderà i servizi di persona, comprese tutte le interviste e le cerimonie di naturalizzazione, per aiutare a mitigare la diffusione del coronavirus. L’USCIS è responsabile dell’amministrazione del sistema di immigrazione legale del Paese, inclusi i green card, la cittadinanza e il trattamento delle domande di asilo e rifugiati. Gestisce cerimonie di naturalizzazione in tutto il paese, una delle funzioni più pubbliche e apprezzate dell’agenzia. La sospensione rimane in vigore.

L’ICE segnala di persona le registrazioni e rifiuta la cronologia dei recenti arrivi

17 marzo: L’ICE ha informato lo staff del Congresso che rinvierà temporaneamente le riunioni faccia a faccia degli immigrati che non sono in stato di detenzione per “ridurre al minimo l’impatto” del coronavirus. L’agenzia consentirà inoltre alle persone recentemente rilasciate dal confine meridionale di registrarsi per 60 giorni, anziché 30 giorni.

READ  "Avengers: Endgame" è stato creato un anno fa. Molto è cambiato da allora

Il Guatemala afferma di sospendere l’accordo di asilo con gli Stati Uniti

17 marzo: Un accordo di asilo tra gli Stati Uniti e il Guatemala è stato sospeso per precauzione riguardo al coronavirus, Annuncio del governo del Guatemala, una battuta d’arresto per l’amministrazione Trump, che fa sempre più affidamento sul suo accordo con il paese per limitare l’asilo. La mossa è arrivata il giorno dopo che Alejandro Giammattei, presidente del Guatemala, ha dichiarato che il paese stava chiudendo i suoi confini per impedire la diffusione del virus.

Gli Stati Uniti espandono le restrizioni di viaggio nel Regno Unito e in Irlanda

16 marzo: Gli americani, i residenti permanenti legali e le loro famiglie immediate di ritorno dall’Irlanda e dal Regno Unito hanno iniziato a essere indirizzati verso 13 aeroporti statunitensi selezionati, dove sono stati sottoposti a screening migliorato, secondo il dipartimento di sicurezza nazionale. Entrambi i paesi sono stati inizialmente esclusi dalle restrizioni di viaggio legate al coronavirus.

L’ICE annuncia la fine temporanea delle visite sociali nei centri di detenzione

13 marzo: L’ICE ha dichiarato di aver interrotto le visite sociali in tutti i suoi centri di detenzione. L’agenzia aveva precedentemente annunciato di aver messo in atto protocolli, come diretto dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, per proteggere il personale e i detenuti.

Gli Stati Uniti applicano restrizioni di viaggio in Europa

13 marzo: Amministrazione di Trump ha aggiunto altri paesi al suo elenco di restrizioni di viaggio per fermare la diffusione del coronavirus. All’inizio di quest’anno, l’amministrazione ha limitato i viaggi dalla Cina e dall’Iran. La maggior parte dei cittadini stranieri che sono stati nell’area Schengen europea – 26 paesi che si estendono dall’Islanda alla Grecia – negli ultimi 14 giorni non possono entrare negli Stati Uniti. I cittadini statunitensi, i titolari di carta verde e i membri della loro famiglia immediata sono esenti dal divieto di viaggio ma dovranno affrontare ulteriori controlli sanitari e restrizioni all’arrivo. Le restrizioni hanno comportato tempi di attesa prolungati in alcuni aeroporti, con i passeggeri rannicchiati insieme e in attesa di sdoganare le dogane statunitensi dopo il ritorno dall’estero.

I bambini migranti non vengono più collocati nello Stato di Washington e in California

10 marzo: L’Ufficio per il reinsediamento dei rifugiati, l’agenzia federale responsabile dell’assistenza ai bambini migranti, ha smesso temporaneamente di mettere bambini che arrivano negli Stati Uniti senza genitori o tutori in rifugi in California e Washington, tranne in circostanze limitate. Il Dipartimento della sanità e dei servizi umani finanzia una rete di oltre 100 strutture in cui i bambini migranti vengono assistiti fino a quando non vengono rilasciati dagli sponsor negli Stati Uniti. I bambini vengono consegnati all’HHS dopo essere stati messi in custodia di polizia dal Dipartimento della sicurezza nazionale.

Da allora l’agenzia ha smesso di investire a New York.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/MOoO3bTnNNI/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *