Le donne combattono le stelle per l’accettazione del corpo

La stella atletica Marilyn Okoro, il cui braccio destro ha un tatuaggio “Saved by Grace”, correva con orgoglio per la Gran Bretagna.

GB era originariamente al quinto posto ai Giochi di Pechino del 2008, ma nel 2016 la Russia e la Bielorussia erano state squalificate dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO) a causa di violazioni del doping, piazzando Okoro e la sua squadra al terzo posto.

Negli ultimi dieci anni ha anche partecipato a vari campionati europei e mondiali, collezionando un totale di tre pezzi d’argento e quattro pezzi di bronzo.

“Riesco a vedere le tue vene”

Ma mentre guarda indietro alla sua carriera, Okoro pensa che bronzo e argento potrebbero non essere stati abbastanza buoni. Vieni a pensarci bene, forse anche una medaglia d’oro non sarebbe stata abbastanza buona.

Vuole anche iniziare una conversazione più ampia su questioni riguardanti le donne e l’accettazione del corpo.

Okoro dice che ha iniziato a sentire che non era solo costretta a competere in pista. Ha dovuto competere con le aspettative e le richieste della gente su come dovrebbe essere un atleta.

Secondo Okoro, questo aspetto era magro, magro e alto.

“Oh, posso vedere le tue vene, deve significare che sei in buona forma,” Okoro ricorda una conversazione che ebbe con l’allenatore Charles van Commenee, che ha lavorato con la squadra nazionale britannica. atletica leggera per diversi anni, durante il campo di preparazione che porta agli Europei 2010.

Okoro dice che Van Commenee gli ha chiesto del suo peso.

“Con orgoglio, ero tipo” 60 chilogrammi “, rispose Okoro, che considera il suo peso ideale per la corsa personale.

Okoro afferma che è più pesante di 15 kg rispetto agli altri atleti con cui ha corso, posizionandola al di sopra dei tradizionali standard di peso in atletica leggera.

Secondo Okoro, Van Commenee ha poi risposto: “Oh, devi essere pesantemente disossato!”

Van Commenee, che ora lavora come oratore motivazionale sulla “cultura delle alte prestazioni”, ha dichiarato a CNN Sport: “Essere troppo leggeri o troppo pesanti può causare lesioni e, quindi, il personale, guidato dal capo allenatore, il dovere di risolvere questo problema.

“Sarebbe poco professionale chiudere un occhio, ma è ovvio che le parole giuste e il tono giusto devono essere usati per risolvere il problema”, ha aggiunto.

Okoro ha gareggiato nell'evento di 800 metri del Norwich Union International Athletics Competition 2006 all'Alexander Stadium di Birmingham il 20 agosto 2006. Okoro era quarto con un tempo di 2,03,08 minuti.

Dopo i campionati, Okoro afferma di aver iniziato a lavorare con un nutrizionista e le è stato consigliato di seguire una dieta priva di carboidrati.

“Stavo solo pensando, ‘Okay, mi hai appena tolto tutti i carboidrati, quindi non avrò energia’ … Inizi a dubitare di te stesso.”

Parlando specificamente di Okoro, Van Commenee ha affermato di non voler discutere pubblicamente con l’atleta atletico. Ha continuato, “Se ha un problema con tutto ciò che ho detto o non ho detto, mi aspetto che lei mi parli, cosa che non ha fatto.”

Tuttavia, Van Commenee ha ricordato una conversazione con il suo ex atleta in cui ha descritto Okoro “declamare della sua non selezione per gli 800m” alle Olimpiadi di Londra 2012 aggiungendo: “È stata un’esperienza molto dolorosa per lei. “

READ  Bubba Wallace: secondo NASCAR è stato trovato un cappio nel garage di un pilota

Okoro ricorda la conversazione in modo diverso.

“Nel 2012, Charles e io abbiamo avuto uno scambio riguardo alle selezioni, beh, mi stava solo urlando contro nel centro di addestramento che mi ha messo in imbarazzo.”

Okoro, 35 anni, ha aggiunto: “Sono passati due giorni prima che i test britannici e la stampa lo prendessero perché influiva potenzialmente sulla mia (scarsa) prestazione ai campionati e correva con la storia”.

Okoro ha sottolineato che non aveva nulla a che fare con il suo peso in questa occasione.

“Ha avuto più a che fare con il fatto che doveva farsi strada e rovesciare il suo dominio”, ha detto.

Le britanniche Lee Mcconnell, Christine Ohuruogu, Nicola Sanders e Okoro festeggiano sul podio dopo la finale della staffetta 4x400m femminile, il 02 settembre 2007, all'11 ° Campionato mondiale di atletica leggera IAAF di Osaka. Gli Stati Uniti hanno vinto davanti a Giamaica e Gran Bretagna.

“L’atletica leggera è uno sport complicato”

Lo stesso anno, Okoro perse i finanziamenti per l’atletica britannica nell’ambito del programma della lotteria britannica.

British Athletics ha dichiarato alla CNN che non commenterà alcuna decisione individuale, ma che gli stanziamenti di finanziamento vengono effettuati per “motivi di performance”.

I criteri che determinano le decisioni di performance e finanziamento vengono pubblicati annualmente dall’organizzazione.

La politica del programma di classe mondiale UK Athletics (UKA) 2021 afferma: “Dobbiamo essere realistici – l’atletica leggera è uno sport complicato con molte discipline diverse, quindi una taglia non può andare bene per tutti”.

Un’altra sezione sottolinea che gli atleti devono raggiungere le soglie individuali di prestazione e dimostrare “un potenziale di medaglia mondiale continuato” per ricevere finanziamenti.

La UKA segue un quadro di dati e analisi “Cosa serve per vincere” per valutare la capacità di medaglia di un atleta.

Il quadro parla delle “caratteristiche fisiche e tecniche chiave degli atleti di medaglia”, che faranno parte del processo di esame dell’atleta di persona con il suo allenatore.
Charles Van Commenee, Marilyn Okoro e Greg Rutherford della Gran Bretagna parlano prima dei campionati europei di atletica indoor all'Oval Lingotto il 5 marzo 2009 a Torino, Italia.

Secondo il noto scienziato sportivo Simon Brundish, queste caratteristiche sono create da dati storici sulle prestazioni.

“Ci sono reali benefici genetici e barriere genetiche per essere un velocista d’élite o un corridore di resistenza d’élite”, ha detto Brundish, che ha lavorato nello sport internazionale per 22 anni, ha detto a CNN Sport.

“Probabilmente Van Commenee aveva ragione sul fatto che Okoro era al di sopra degli indicatori di soglia, ma il problema è che questi indicatori erano sbagliati.”

“I dati saranno basati su standard storici. BMI, forse anche pieghe della pelle. Il che è buono per il tennis, ad esempio, negli anni ’80, quando tutte le donne si assomigliano. Poi appare Serena. Improvvisamente , i “requisiti del gioco” stanno cambiando.

“Presenta un elemento di potenza e velocità che non esisteva prima. Il prezzo di questa potenza è il muscolo. Il muscolo aumenta il peso. Una cosa simile è accaduta con 800 me in tutti gli eventi a media distanza negli ultimi 10 anni.

“La forma delle donne in particolare è cambiata perché i requisiti sono cambiati. Potenza e velocità negli ultimi 200 metri sono aumentate, quindi è aumentata la necessità di una maggiore massa muscolare.”

Okoro partecipa agli 800 metri femminili nel primo giorno dei Sainsbury's Birthday Games - IAAF Diamond League 2013 al Queen Elizabeth Olympic Park il 26 luglio 2013 a Londra.

“Nessun supporto di output”

La perdita di fondi ha colpito duramente Okoro, dice.

READ  Netflix annuncia una serie diretta da Ava DuVernay su Colin Kaepernick

“Sono stato interrotto bruscamente dal finanziamento senza aiuti d’uscita o preoccupazioni per il mio benessere da allora in poi, che è troppo comune per molti atleti nel Regno Unito.

“È, come tanti atleti internazionali, l’inizio di molti ostacoli psicologici e fisici che ho dovuto affrontare”, ha dichiarato Okoro, che da allora ha autofinanziato la sua carriera.

Non è raro che le donne si autofinanzino durante la loro carriera sportiva. Tulshi Varsani, un allenatore accreditato di forza e condizionamento, ha dichiarato alla CNN Sport: “Le donne devono pagare per giocare”.

Okoro e Mariya Savinova della Russia si sfidano nella finale femminile di 800 m durante la terza giornata dei Campionati europei di atletica indoor all'Oval Lingotto, 8 marzo 2009 a Torino, Italia.

“Fisicamente, ho un aspetto diverso …”

Okoro si è trasferita negli Stati Uniti prima di tornare nel Regno Unito nel 2017. Da allora ha vissuto a Wigan, nel nord dell’Inghilterra, a più di 200 miglia dalla sua città natale, Londra.

Okoro è orgogliosa della sua eredità nigeriana e guardando indietro, dice che la sua storia familiare l’ha aiutata a far fronte a ciò che considerava un’attenzione non necessaria alla forma del corpo.

“Fisicamente, sono diverso e molto più robusto e muscoloso rispetto alla maggior parte delle ragazze che ho corso. La mia origine nigeriana … era qualcosa a cui dovevo attenermi”, ha detto appassionatamente.

“Ha un ruolo enorme nei miei successi e nei miei sforzi per avere successo”.

Se è convinta del riconoscimento della sua eredità nigeriana, Okoro è anche appassionata dell’orgoglio nella forma del suo corpo.

“Ci esprimiamo; sai, i muscoli organizzano campagne forti e sexy.”

Secondo Okoro, durante la sua carriera mentre lavorava con diversi allenatori, alcuni pensavano che avesse trascorso troppo tempo in palestra, ma la realtà è che si allena principalmente all’esterno.

“Ero diverso da quello che gli allenatori britannici percepivano come l’immagine e la forma di un corridore di 800 metri”, ha detto Okoro.

“Questi presupposti erano lì molto prima di Charles [Van Commenee]. “

Okoro afferma che i suoi allenatori si sono concentrati sull’allenamento sprint e non abbastanza sulla resistenza.

Fu solo quando iniziò ad avere lesioni che Okoro iniziò a mettere in discussione il modo in cui era allenata.

“Questo coach capisce davvero? E sono davvero lì per me?” lei pensa. “Ero sfinito mentalmente e fisicamente.

“È stata una vera lotta per mettermi alla prova come uno dei migliori corridori di 800 metri che abbiamo avuto in questo paese e persino nel mondo”.

Okoro, Jenny Meadows of England ed Eunice Jepkoech Sum of Kenya competono nella semifinale femminile di 800 m a Hampden Park l'ottavo giorno dei Glasgow Commonwealth Games 2014 il 31 luglio 2014 a Glasgow.

L’atleta “ideale”

Al giorno d’oggi, tutte le forme e dimensioni sono celebrate in riviste di lifestyle, tappeti rossi, spot di bellezza e marchi di moda

READ  Prime pagine | "L'Inter spinge fuori Conte"; "CR7: Dzeko sì!"

Ma è questo il caso dello sport?

“Prima le donne, le seconde degli atleti”, ha dichiarato alla CNN Sport la dott.ssa Emily Matheson, ricercatrice presso il Center for Appearance Research.

Il dottor Matheson afferma che viene prestata maggiore attenzione alla loro forma corporea piuttosto che alle loro prestazioni e che l’atleta “ ideale ” è un termine per descrivere un corpo elegante con grasso corporeo minimo, che è ispirato da una visione occidentalizzata più generalizzata che la magrezza è uguale alla bellezza.

Ciò potrebbe essere in gran parte dovuto a “stereotipi di genere”, afferma il dott. Matheson. “È molto comune che la vergogna corporea derivi dagli stereotipi di genere, quindi più specificamente, cosa significa essere donne e uomini e come il nostro corpo sfida lo stereotipo”.

Sottolinea che ci sono stati piccoli cambiamenti, come il movimento dell’immagine positiva del corpo, e sottolinea che è stato originariamente sviluppato da donne nere che stavano cercando di recuperare i loro corpi e usare la parola “grasso”.

Tuttavia, il Dr. Matheson afferma anche che il movimento positivo dell’immagine corporea è stato “cancellato”. “Alla fine, queste campagne possono essere superficiali”, ha detto.

GB & # 39; s donne & # 39; s Il team di staffetta 4x400m celebra la ricezione delle loro medaglie di bronzo riassegnate dai Giochi Olimpici di Pechino 2008 durante il primo giorno dei Muller Anniversary Games allo Stadio di Londra il 21 luglio 2018 a Londra, Inghilterra.

Modelli reali

Okoro spera di terminare la sua carriera ventennale con una medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo del 2021, ma altrettanto importante nel combattere le aspettative sull’immagine corporea.

“Hai un corpo, e per me andava benissimo, quindi dovevo occuparmene” disse Okoro, che trasse ispirazione da Serena Williams.

Come riferimenti Brundish, Williams è stato un punto chiave nella conversazione sull’immagine del corpo. La 23 volte campionessa del Grand Slam è stata criticata per la sua forma e dimensione. Due anni fa, Williams ha pubblicato una lettera online a sua madre condividendo le sfide che ha affrontato con le aspettative delle persone sull’immagine corporea.

Lei scrisse: “È stato detto che non appartengo allo sport femminile – che appartengo agli uomini – perché sembro più forte di molte altre donne.

“No, sto solo lavorando duramente, e sono nato con quel corpo tosto e orgoglioso di esso.”

Williams afferma che la figlia Olympia condivide lo stesso fisico e nella lettera dice “Non so come reagirei se lei [her daughter] devo passare attraverso quello che ho passato da quando avevo 15 anni e anche oggi. “

“Non siamo tutti uguali. Siamo curvi, forti, muscolosi, alti, bassi, per citarne alcuni, e tutti uguali: siamo donne e orgogliosi!” Disse Williams.

Okoro è stato anche ispirato dal rugby femminile e dagli atleti di calcio.

“Non sono le tue regine stereotipate di bellezza, ma si preoccupano meno del loro aspetto, si sporcano e si comportano in modo superbo.”

Okoro vuole una nuova era di modelli di ruolo, o come li chiama “modelli reali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *