Le proteste si evolvono con la diffusione del coronavirus

Incollarono i segni ai lati delle loro macchine e si prepararono a suonare le loro corna.

Quindi guidarono lentamente lungo la strada insieme.

La scena di una recente festa a Eloy, in Arizona, a circa 60 miglia a sud-est di Phoenix, era diversa da qualsiasi altro evento a cui Natally Cruz si fosse unito prima.

“Ho sentito i brividi … solo per vedere quanto sostegno c’è, per vedere come, anche in questi tempi difficili, le persone stanno ancora cercando di trovare un modo per aiutarsi a vicenda”, afferma Cruz, che è andato alla manifestazione con la sua Nissan Maxima nera con diversi pannelli di traino.

Uno ha detto “suonare il clacson per la giustizia”.

Incapace di radunarsi in grandi gruppi a causa della pandemia di coronavirus, sacche di manifestanti in tutto il mondo si stanno rivolgendo a una nuova tattica: cercare di far sentire la propria voce all’interno dei veicoli invece di camminare per le strade.

Uno dei temi delle manifestazioni americane: la detenzione di immigrati

Gli organizzatori hanno detto venerdì in Arizona che circa 200 auto sono andate in cerchio davanti al centro di detenzione di Eloy e al centro di correzione della Palma. Per settimane, proteste simili sono scoppiate fuori dai centri di detenzione per immigrazione in tutto il paese.

Lo sono avvocati come Cruz fare pressione su immigrati e funzionari doganali per liberare i detenuti, che dicono di essere particolarmente vulnerabile alla contrazione del virus in strutture sovraffollate che hanno affrontato a lungo critiche su come gestiscono anche le cure mediche di routine. Disse ICE si è impegnato a prendersi cura di coloro che gli sono affidati e a considerare il rilascio di alcuni detenuti caso per caso. Finora, ci sono almeno 77 casi confermati di Covid-19 tra oltre 33.000 detenuti in custodia dell’ICE, ha affermato l’agenzia.
Manifestanti contro la polizia & # 39; Le auto bloccano il traffico mentre i manifestanti di Filadelfia chiedono alle autorità di liberare le persone dalle carceri, prigioni e centri di detenzione per immigrati il ​​30 marzo.

Durante la manifestazione Eloy, i manifestanti si sono presentati con cartelli che dicevano “liberali tutti” e “l’umanità al di sopra del profitto”. Hanno suonato il clacson ancora e ancora, sperando che i detenuti all’interno potessero sentire.

READ  L'interprete della lingua dei segni traduce informazioni vitali senza dire una parola

“Vogliamo che sappiano che le persone stanno combattendo per loro”, afferma Cruz, “che non sono lasciati soli”.

Le dimostrazioni di automobili scoppiano anche altrove

Non è solo qualcosa che accade al di fuori dei centri di detenzione per immigrazione.

A St. Paul, Minnesota, il mese scorso i manifestanti sono andati alla residenza del governatore quando hanno invitato lo stato a liberare i detenuti.

Attivisti che sono rimasti principalmente nelle loro auto per suonare il clacson a distanza sociale fuori dalla residenza del governatore a St. Paul, Minnesota, il 27 marzo.

A prima vista, le immagini delle dimostrazioni di automobili in alcune città – come le recenti manifestazioni a Filadelfia, San Paolo, Brasile e Cracovia, in Polonia – sembrano essere semplicemente istantanee del traffico dell’ora di punta.

Ma le bandiere che sventolano sul parabrezza e i segni incollati alle finestre mostrano che queste non sono scene di una giornata tipica per le strade.

Il 7 aprile, gli imprenditori partecipano a una manifestazione automobilistica per chiedere sostegno economico agli imprenditori a Cracovia, in Polonia.
Un gruppo di manifestanti, sostenitori del presidente brasiliano Jair Bolsonaro, si è radunato a favore della riapertura del commercio a San Paolo, in Brasile, l'11 aprile.

Non è la prima volta che succede

Non è sorprendente vedere diversi gruppi di attivisti che si rivolgono a simili tattiche di protesta mentre lottano per attirare l’attenzione sulle loro cause e trovare nuovi modi di riunirsi, afferma il professore di sociologia David Meyer e scienze politiche all’Università della California, Irvine.

“Sei sempre alla ricerca di qualcosa che funzioni … Devi cercare costantemente cose”, afferma Meyer, autore di “The Politics of Protest: Social Movements in America”.

E i veicoli sono già stati utilizzati nelle proteste, afferma Meyer. Nel 1964, ad esempio, un gruppo di manifestanti del Congresso sull’uguaglianza razziale organizzò un “stallo“per cercare di impedire alle persone di andare alla fiera mondiale di New York – anche se alla fine sono comparsi molti meno manifestanti di quanto inizialmente promesso dagli organizzatori. E nel 1979, ha detto, gli agricoltori hanno chiesto più salari per le colture guidate a Washington nei loro trattori. Partecipanti al cosiddetto “trattore” occupato il National Mall per settimane.
I trattori si allineano nella 15esima strada a Washington mentre la polizia cerca di mantenere l'ordine il 16 febbraio 1979.

Gli attivisti che cercano di argomentare ora hanno più strumenti a disposizione. Mentre la pandemia di coronavirus si diffonde e gli ordini del governo tengono molti a casa, gli attivisti hanno lavorato online per sviluppare capacità e attenzione per le loro cause, afferma Meyer. Ma ci sono limiti all’organizzazione di Internet.

READ  Il secondo round inizia per il programma di prestiti alle piccole imprese dopo che i problemi hanno ostacolato la prima distribuzione

“Soprattutto, finisce per parlare con persone che sono già d’accordo con te e che sono già con te”, dice. “L’evento automobilistico è un modo per cercare di attraversare questi confini”.

Ma potrebbero esserci delle trappole nelle proteste all’interno dei veicoli, afferma Meyer. È più difficile connettersi con altri manifestanti all’interno di un’auto, dice, e i veicoli possono essere considerati più minacciosi.

“Quando i manifestanti indossano caschi o maschere antigas, quasi sempre la polizia si sente minacciata e reagisce in modo più duro. Anche le auto lo fanno? Non lo so”, ha detto Meyer.

Sono previste altre dimostrazioni di automobili

Attivisti per i diritti degli immigrati hanno dichiarato di aver pianificato altre proteste automobilistiche. E anche altri gruppi.

I critici conservatori del governatore del Michigan Gretchen Whitmer hanno detto che hanno in programma di circondare la capitale dello stato mercoledì – non solo con le automobili, ma anche con veicoli da costruzione, camion per il paesaggio rimorchi che rappresentano industrie colpite dalla permanenza del governatore. – ordini a casa.

I manifestanti affermano che Whitmer è andato troppo lontano.

“Ci porta al fallimento. Andremo a Lansing”, afferma un invito di Facebook per l’evento, che è soprannominato “Operation Gridlock” e organizzato dalla Michigan Conservative Coalition.
Una persona guida un'auto con un megafono attaccato al tetto per protestare contro l'immigrazione e i costumi di Hartford, Connecticut, 2 aprile.
Whitmer si impegna a riaprire lo stato non appena sarà sicuro e chiedi pazienza.

Lunedì ha invitato i partecipanti alla manifestazione a rimanere nei loro veicoli “per non esporre se stessi o nessuno dei nostri primi soccorritori al potenziale di Covid-19”.

“Sostengo il diritto delle persone di manifestare”, ha detto ai giornalisti, “e di usare la loro voce”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_us/~3/2WCt5dxaROk/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *