Le riduzioni della produzione dell’OPEC + non sono abbastanza grandi

Non sarà abbastanza.

L’accordo, annunciato domenica dopo una serie di interventi molto insoliti da parte del presidente americano Donald Trump, ridurrà la produzione mondiale di greggio di circa il 10%. Il problema: il calo della domanda è ancora più significativo.

La pandemia di coronavirus ha drasticamente ridotto la quantità di energia necessaria per alimentare l’economia globale, contribuendo a un drammatico crollo dei prezzi. Gli analisti di Goldman Sachs stimano che la domanda scenderà a circa 19 milioni di barili al giorno in aprile e maggio.

Goldman Sachs ha definito i tagli alla produzione “storici ma insufficienti”, aggiungendo che i tagli erano “ancora troppo piccoli e troppo tardi” per evitare traboccanti strutture di stoccaggio del petrolio.

“Alla fine, ciò riflette semplicemente che nessuna riduzione volontaria potrebbe essere abbastanza grande” per compensare la perdita della domanda, hanno aggiunto.

I mercati sembrano condividere questo punto di vista lunedì. Il greggio Brent, il punto di riferimento mondiale, ha guadagnato all’inizio della sessione ma si è rapidamente invertito. È sceso dello 0,7% per l’ultima volta a $ 31,26, portando il suo calo dal 1 gennaio a quasi il 53%.

I prezzi del greggio USA sono aumentati solo dello 0,6%, ancora al di sotto di $ 23.

Le reazioni del mercato potrebbero favorire ulteriori introspezioni a Mosca, Riyadh e Washington.

Lo storico accordo di produzione arriva poche settimane dopo che l’Arabia Saudita e la Russia hanno abbandonato anni di tagli alla produzione, innescando una guerra dei prezzi che ha inondato il mercato grezzo.

In tal modo, il presidente russo Vladimir Putin e il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman sapevano che i prezzi sarebbero diminuiti. Ma non devono aver anticipato l’entità della distruzione della domanda causata dal coronavirus.

READ  Taylor Swift critica la vecchia etichetta per aver pubblicato il nuovo album

Di fronte a un impatto molto maggiore del previsto sulle loro economie, i leader hanno invertito la rotta.

Trump ha propagandato l’accordo su Twitter, dicendo che domenica “salverà centinaia di migliaia di posti di lavoro negli Stati Uniti”. Ma ciò sarà possibile solo se i prezzi riprenderanno fortemente.

L’elogio dei leader dell’Arabia Saudita e della Russia per aver cercato di aumentare i prezzi segna una svolta drammatica per Trump.

Da quando ha vinto la presidenza, Trump ha ripetutamente martellato l’OPEC per aver escogitato un aumento dei prezzi del petrolio che ha danneggiato i conducenti americani. Ha definito il gruppo un “monopolio” e ha detto “stanno derubando ciecamente il nostro paese”.

“OPEC, rilassati e rilassati. Il mondo non può aumentare i prezzi – fragile!” il presidente ha twittato a febbraio 2019.

Passiamo rapidamente al 2021 e Trump sta aiutando attivamente a negoziare l’ulteriore taglio della produzione del gruppo. Ha anche offerto di prendere parte alla quota del Messico sulla riduzione per aiutare a preparare la strada per l’accordo.

Come farà il mondo a tornare al lavoro?

La Spagna ha sofferto molto della pandemia di coronavirus, con oltre 17.200 morti e 166.000 infezioni. Ma il paese sta ora muovendo i primi passi per allentare le severe restrizioni che hanno costretto le aziende a chiudere.

Le imprese di costruzione e produzione potranno riprendere le operazioni questa settimana, il governo ha annunciato nel fine settimana e alcune altre misure saranno allentate. I parrucchieri saranno in grado di andare dai clienti, ma non saranno in grado di aprire i loro saloni, ad esempio.

Il primo ministro Pedro Sánchez ha affermato che il ritorno del paese alla vita normale sarebbe “graduale”. Per ora, bar e locali di intrattenimento rimarranno chiusi. “Non possiamo nemmeno sapere a che tipo di normalità stiamo tornando”, ha detto Sánchez la scorsa settimana.

READ  Cavalli in miniatura salutano i residenti della casa di cura Lexington attraverso le finestre

La pressione sta aumentando sui governi per spiegare i loro piani a causa dei crescenti costi economici delle misure progettate per contenere il coronavirus. Ma commettere un errore potrebbe portare a più epidemie, una nuova serie di restrizioni sul lavoro e sulla vita pubblica e molta più sofferenza per le imprese.

Negli Stati Uniti, Smithfield fornisce un esempio del danno che il coronavirus può causare quando entra in un posto di lavoro.

Le strutture dell’azienda a Sioux Falls, nel Dakota del Sud, rappresentano tra il 4% e il 5% della produzione di carne suina degli Stati Uniti e danno lavoro a circa 3.700 persone.

Il governatore del South Dakota Kristi Noem ha dichiarato sabato che i lavoratori di Smithfield hanno rappresentato oltre la metà dei 430 casi di coronavirus attivi nello stato. Per questo motivo, ha raccomandato a Smithfield di interrompere le operazioni per almeno due settimane.

La chiusura potrebbe compromettere l’offerta di carne del paese.

“La chiusura di questa pianta, combinata con un elenco crescente di altre colture proteiche che hanno chiuso nel nostro settore, sta pericolosamente spingendo il nostro paese al limite in termini di approvvigionamento di carne”, ha dichiarato Kenneth Sullivan, CEO di Smithfield , in una dichiarazione di domenica.

Bob è tornato

Bob Iger avrebbe dovuto fare un passo indietro alla Disney.

Il veterano dei media si è dimesso da CEO a febbraio, assumendo il ruolo di presidente esecutivo, e la Disney ha nominato il guru del parco a tema Bob Chapek in sostituzione di lui.

Ma il coronavirus ha costretto la Disney a chiudere i suoi parchi e ritardare l’uscita dei film, a costi finanziari enormi. Ha anche riportato Iger in azione, secondo il New York Times.

Il giornale riporta che Iger “è effettivamente tornato al timone dell’azienda” e “ora si sta concentrando intensamente sulla revisione” della sua attività.

READ  Queen e Adam Lambert reinventano la canzone classica con "You Are The Champions", dedicata agli operatori sanitari

Questo è l’ultimo esempio di come il coronavirus sta cambiando radicalmente il mondo degli affari e costringendo le aziende ad adattarsi a una nuova realtà difficile.

“Una crisi di questa portata e il suo impatto sulla Disney porterebbe necessariamente al mio attivo aiuto a Bob [Chapek] e la società ci sta affrontando, soprattutto da quando ho gestito la società per 15 anni! “, ha detto Iger in una e-mail al New York Times.

seguente

Domani:

  • FMI World Economic Outlook
  • Risultati di JPMorgan Chase, Wells Fargo e Johnson & Johnson

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_us/~3/0Mca3DAhou4/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *