Le soap opera egiziane sfidano un virus mortale in prima serata durante il Ramadan. Ma a quale costo?

Le strette strade della capitale egiziana erano un alveare di attività con dozzine di membri dell’equipaggio che andavano su e giù per la strada o che riposavano su sedie di plastica sui marciapiedi. il

Negli anni precedenti, la folla, sei camion e 32 veicoli che fiancheggiavano le strade circostanti avrebbero attirato i passanti nella speranza di vedere le loro star del cinema preferite. È uno spettacolo comune nelle settimane che precedono il Ramadan, una stagione di punta per la televisione, quando le squadre lavorano dalle 16 alle 20 ore al giorno per rispettare le loro scadenze.

Yehia lavora in una commedia, ma la sua esperienza è rappresentativa dell’industria cinematografica egiziana prima del Ramadan.

Il governo egiziano scoraggia le attività che coinvolgono folle e multe solo coloro che violano il coprifuoco, che era dalle 19:00 alle 6:00. Il presidente Abdel-Fattah el-Sisi, che ha promesso sconti in denaro ai lavoratori colpiti dal virus, ha dichiarato la scorsa settimana in un discorso televisivo che non voleva “sospendere completamente il lavoro in tutti i settori”.

Festeggia la Pasqua ebraica durante una pestilenza moderna

Dall’inizio dell’epidemia, il governo ha sospeso scuole e università, chiuso la maggior parte dei voli e chiuso moschee e chiese nel tentativo di contenere la diffusione del nuovo coronavirus. Ha consigliato a coloro che possono, di lavorare da casa, ma ha incoraggiato la produzione in vari settori, tra cui la televisione, che è principalmente controllata da società private collegate allo stato.

Addetti ai lavori del settore televisivo multimilionario hanno avvertito che continuare a lavorare in posizioni sovraffollate per lunghe ore potrebbe essere fatale. il

“Come possiamo guadagnarci da vivere se noi e i nostri cari siamo morti?” lo sceneggiatore Mariam Naoum ha dichiarato in una chiamata pubblica su Facebook di interrompere le produzioni il 22 marzo. A quella data, il virus aveva ufficialmente ucciso 14 persone, tra cui due generali militari, e i casi confermati nel paese ammontavano a 327. Le stazioni televisive stavano facendo pressioni sui produttori, che stavano facendo pressioni sugli attori affinché continuassero film, ha detto Naoum.

Anche se era in grado di lavorare da casa come sceneggiatrice, sentiva che stava facilitando il lavoro in questi ambienti sovraffollati, ha aggiunto: “Sento che con ogni scena, io [write and] invia, ho ferito persone che amo moltissimo. “

READ  La NASA lavora con Tom Cruise per girare un film nello spazio

“Il Ramadan è il nostro Super Bowl”

Milioni di persone in Egitto e nel mondo arabo rimarranno bloccati dai drammi e dai thriller dell’alta produzione durante il mese sacro del Ramadan, che inizia il 23 aprile.

Le discussioni sui colpi di scena dominano le riunioni di famiglia tradizionali dopo il digiuno della giornata. Negli anni buoni, l’Egitto può produrre fino a 80 serie per questo singolo mese, trasmesse su canali arabi locali e internazionali vendendo spazi pubblicitari a società pazze di grandi star e produzioni costose. “Il Ramadan è il nostro Super Bowl”, ha dichiarato il regista Tamer Mahdy del settore pubblicitario.

Questa lotta tra la protezione delle persone dal virus senza fermare l’economia in modo brusco si riflette in tutto il mondo, in tutto, dalle risposte del governo alle scelte quotidiane delle persone.

Cartelloni pubblicitari per una serie TV Ramadan al Cairo nel 2018.

L’Egitto ha quasi 100 milioni di persone che vivono in città e villaggi densamente popolati. Il suo fragile settore sanitario si sta riprendendo dai tagli di bilancio e la sua leadership politica è ampiamente percepita come carente in trasparenza e che infrange le proprie regole. il

Un terzo della popolazione vive in condizioni di povertà e almeno la metà dell’economia è costituita da lavoratori che dipendono dai salari giornalieri per sopravvivere

“Non esistono dispositivi di protezione. Ed è per questo che i medici sono ad alto rischio”, ha detto alla CNN il dott. Mohammed Hassan, un medico ed ex capo del sindacato egiziano dei medici. Ma per una popolazione delle dimensioni dell’Egitto, gli esperti si preoccupano della capacità del paese, con solo 346 fan riservati al trattamento dei pazienti con coronavirus.

I funzionari della sanità e del governo non hanno risposto alle molteplici richieste di commento della CNN nella scorsa settimana. il

Ramadan: una storia

Il ministro della sanità egiziano Hala Zayed ha ripetutamente citato il basso numero di casi confermati in Egitto come motivo di orgoglio per il governo egiziano. L’Egitto ha riferito 2.505 casi e 183 decessi mercoledì e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha raccomandato i suoi primi interventi per contenere il virus.

READ  Gli inquilini dell'appartamento Grandview Pointe manifestano dopo essere stati minacciati di sfratto durante la pandemia

Ma gli esperti avvertono che il settore sanitario non è attrezzato per affrontare un’epidemia come quella vista in Europa e che la carenza di attrezzature sta colpendo gli ospedali in tutto il paese. “Siamo stati in grado di raccogliere donazioni e acquistare forniture mediche di base”, ha detto un cardiologo in un ospedale pubblico alla CNN. “Il Ministero della Salute sta facendo del suo meglio”, ma “un sistema corrotto e povero” non può essere riformato durante una pandemia, ha aggiunto. Il cardiologo ha parlato a condizione di anonimato per evitare misure punitive.

Almeno tre medici sono deceduti a causa del nuovo coronavirus e altri 43 operatori sanitari sono risultati positivi, ha affermato il sindacato dei medici, portando alla chiusura parziale degli ospedali pubblici che offrono assistenza gratuita a migliaia di persone più vulnerabili. Uno degli ospedali che ha dovuto ridurre la sua capacità è il National Cancer Institute. L’OMS ha affermato che il 13% dei casi confermati in Egitto erano professionisti della salute.

E anche dove esiste ancora la capacità, alcuni pazienti affermano di non sentirsi al sicuro. Vedendo come alcuni medici e infermieri non usavano l’equipaggiamento di protezione di base o osservavano le distanze sociali in un ospedale pubblico, Amr Asaad, un malato di cancro, disse alla CNN che era “riluttante a riprendere la chemioterapia. ”

L’arresto non è un’opzione

“Rimandare o non girare non è un’opzione”, ha detto il produttore Mohammed Gamaleddine alla CNN in un film drammatico del Ramadan. “Siamo liberi professionisti, non stelle facoltose. Ci sono centinaia di persone che lavorano in questo settore e la maggior parte di noi può rimanere a casa senza lavoro o denaro anno dopo anno. Potrebbe essere l’unico concerto che abbiamo “, ha aggiunto.

Nonostante questi appelli e le preoccupazioni espresse dalle squadre e dagli attori, le riprese si sono fermate solo nelle produzioni così in ritardo nel loro programma che non hanno potuto rispettare le scadenze mentre lavoravano sotto il coprifuoco , secondo diversi addetti ai lavori che hanno parlato con la CNN. Coloro che hanno completato il 70% delle riprese ottenute hanno ottenuto il permesso di lavorare al coprifuoco, hanno ridotto la produzione, hanno dimezzato il numero di membri dell’equipaggio su set appena sterilizzati e hanno portato i medici sul posto.

Una strada deserta al Cairo durante la pandemia di coronavirus.

Ashraf Zaki, il capo del sindacato semi-ufficiale degli attori, ha detto all’inizio di aprile che solo il 25% delle soap opera in programma sarebbe arrivato sugli schermi del Ramadan.

READ  Il Gran Premio d'Australia avrebbe potuto essere svolto in sicurezza, afferma il boss della Formula 1

“Il governo vuole che finiamo la serie, così le persone possono trovare qualcosa per farli divertire durante il blocco. La società di produzione pagherà una multa enorme [to TV networks] se non consegnano prima del Ramadan “, ha detto alla CNN Yehia, la produttrice che ha lavorato alle riprese del parrucchiere.

Una settimana dopo, la squadra di Yehia si è trasferita in un hotel per girare diverse altre scene. Le riprese alla reception dell’hotel hanno coinvolto 130 persone. La scena seguente è stata girata in una stanza d’albergo, con un minimo di 20 persone “dopo aver rimosso tutto il personale non necessario”, ha detto. Per ridurre i costi, pagando l’hotel per un giorno anziché due, l’equipaggio ha continuato a lavorare per 20 ore, una pratica comune nella gara annuale.

“In questo momento, indosso una maschera e guanti, ma tra poche ore – come ogni giorno – sarò troppo occupato o stanco e li getterò via”, ha detto Yehia al telefono della CNN dall’hotel. “Siamo tutti affollati in un unico posto. Non c’è modo di distanziarsi dalla società.”

“Preferiamo tutti essere a casa con le nostre famiglie. Sono così spaventato per la mia famiglia. Sono d’accordo con mia moglie che i bambini sarebbero più al sicuro nella nostra città natale di Alessandria e non li ho visti o mia madre nelle ultime tre settimane “, ha aggiunto Yehia.

il

Lina Wardani ha riferito dal Cairo. Sarah El Sirgany ha scritto da Abu Dhabi.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_world/~3/Fw7w_ber9T4/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *