L’Italia chiude i porti per salvare le navi, colpendo i migranti

“Data la diffusione di Covid-19, i porti italiani non possono garantire i presupposti necessari per qualificarsi come” luoghi di sicurezza “”, ha affermato il decreto del governo.

Sebbene non menzioni specificamente i migranti, l’ordine si riferisce alle operazioni di ricerca e salvataggio, che sradicano migliaia di migranti dal Mediterraneo ogni anno.

Rimarrà in vigore per la durata dell’emergenza sanitaria innescata dalla pandemia di coronavirus, ha aggiunto il decreto.

La misura è stata condannata da diverse organizzazioni non governative (ONG), tra cui Sea Watch, MSF e Open Arms, in una dichiarazione congiunta.

L’Italia dovrebbe “mostrare la stessa solidarietà con le persone vulnerabili che rischiano la vita in mare perché non hanno altra scelta”, ha detto il comunicato stampa, in un momento in cui il paese sta cercando assistenza internazionale per far fronte. la pandemia.

Fornitura di aborto messa in discussione dalla pandemia di coronavirus

“Con un decreto il cui ovvio obiettivo è fermare le operazioni di salvataggio nel Mediterraneo, senza fornire alternative per salvare la vita a coloro che fuggono dalla Libia, l’Italia ha privato i suoi porti della connotazione di” luoghi sicuri ” “, afferma il comunicato stampa congiunto.

Nessuna delle ONG firmatarie attualmente ha navi di salvataggio in mare, secondo la loro dichiarazione.

Ma il decreto arriva quando la nave battente bandiera tedesca Alan Kurdi, gestita da Sea-Eye, è attualmente in acque internazionali al largo della costa libica con 150 sopravvissuti a bordo, tra cui una donna incinta, secondo la loro dichiarazione. di stampa.

Il Ministero dei trasporti italiano ha chiesto al governo tedesco di “assumersi la responsabilità” del porto di sbarco della nave Alan Kurdi, ha affermato in una nota.

L’Italia è stata uno dei paesi europei più colpiti dalla pandemia. Secondo la John Hopkins University, A partire da mercoledì, il paese ha 139.422 casi confermati e 17.669 morti.
Nel 2018, l’ex ministro degli Interni di estrema destra, Matteo Salvini, ha chiuso i porti italiani per le navi di salvataggio dei migranti. E nel 2019, L’Italia ha adottato un decreto che poteva vedere le navi attraccare senza autorizzazione e incorrere in multe fino a $ 57.000.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_europe/~3/0e3tbxiZoy4/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *