Madre di 13 bambini trovati impiccati, aveva giocato a Gravidanze Straordinarie. La donna si è suicidata probabilmente a causa di problemi personali. Il suo corpo è stato trovato in una foresta vicino a casa sua.

La vita del 43enne sembrava felice. La donna in realtà aveva 13 figli ed era apparsa nella serie televisiva Gravidanze straordinarie. Mandy Gardner era scomparsa cinque giorni prima del ritrovamento del corpo.

Leggi anche -> Genova, sua figlia fa a pezzi la madre defunta: “Si è suicidata in bagno”

Potresti anche essere interessato a -> Torino, è morta una bambina di 8 mesi: è caduta dal balcone con la madre

Leggi anche -> Madre di 3 bambini dipendenti da Coca-Cola: morta per crisi epilettica

Madre di 13 figli trovata impiccata in un bosco vicino a casa sua, aveva suonato in Gravidanze straordinarie

La causa del suo gesto insensato potrebbe essere stata probabilmente problemi personali. Il corpo senza vita di Mandy Gardner, 43 anni, è stato ritrovato il 7 aprile in un bosco vicino alla casa dove viveva la donna nel West Sussex, precisamente a Worthing. Quando il corpo di Mandy è stato trovato, era scomparsa da cinque giorni.

Se vuoi conoscere tutte le novità in tempo reale CLICCA QUI

Secondo il medico legale che ha esaminato il corpo di Mandy, la donna è morta suicida. Le indagini sono in corso sul caso e hanno rivelato che la 43enne ha mostrato pensieri di farsi del male prima della sua morte. Il suo corpo ora riposa nella cappella del cimitero di Durrington a Worthing.

Nel 2016, Mandy e suo marito Nathan sono apparsi nello show televisivo sulla gravidanza straordinaria. A questo punto, i due avevano già 11 figli e si stavano preparando per l’arrivo dei 12. Due anni fa, Mandy ha dato alla luce il suo tredicesimo figlio. Aveva detto in più occasioni di adorare la sua famiglia ei suoi figli, spesso protagonisti di certe foto che la donna ha postato sulle pagine dei suoi profili social.
Madre di 13 figli trovata impiccata

READ  Apre la pancia della moglie perché il feto deve essere maschio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *