Markus Braun, ex CEO di Wirecard, arrestato in Germania

I pubblici ministeri di Monaco hanno confermato martedì che Braun, ex CEO di Wirecard, era stato arrestato per sospetto di aver gonfiato il bilancio della società di pagamento digitale e vendite attraverso transazioni false per renderlo più attraente per investitori e clienti. I pubblici ministeri hanno affermato che Braun potrebbe aver agito in collaborazione con altri autori.
Wirecard (WCAGY) ammesso lunedì che 1,9 miliardi di euro (2,1 miliardi di dollari) in contanti inclusi nel bilancio – circa un quarto delle sue attività – probabilmente non è mai esistito in primo luogo. La società ha ritirato i risultati preliminari per il 2019, il primo trimestre del 2023 e le previsioni sugli utili per il 2023.

Lo scandalo è scoppiato la scorsa settimana quando Wirecard ha dichiarato che il suo revisore, EY, non è riuscito a localizzare i fondi nei conti fiduciari e ha rifiutato di firmare i risultati finanziari dell’azienda.

Braun rassegnato le dimissioni da CEO Venerdì, suggerendo che la compagnia avrebbe potuto essere vittima di una grande frode. Jan Marsalek, membro del consiglio di amministrazione e direttore generale di Wirecard, è stato licenziato lunedì.

Fondata nel 1999, una volta Wirecard era considerata una delle aziende tecnologiche più promettenti in Europa. Elabora pagamenti per consumatori e aziende e vende servizi di analisi dei dati. La società ha quasi 6.000 dipendenti in 26 paesi in tutto il mondo.

Braun, un austriaco che è stato anche Chief Technology Officer di Wirecard, gestisce la società dal 2002. L’ex consulente di KPMG è il principale azionista della società, con una quota di poco superiore al 7%, secondo i dati di Refinitiv.

Wirecard è cresciuto rapidamente con Braun al timone. La società ha registrato un fatturato di oltre 2 miliardi di euro ($ 2,2 miliardi) nel 2018, oltre il quadruplo rispetto al 2013. Le azioni hanno raggiunto livelli record sopra 190 euro ($ 213) a settembre 2018, lo stesso mese che Wirecard ha sostituito Commerzbank (CRZBF) nell’elenco delle prime 30 società tedesche. A quel tempo, valeva più di 24 miliardi di euro ($ 26,9 miliardi).

La società sta affrontando una crisi esistenziale. Una frenetica ricerca di soldi mancanti si è conclusa in un vicolo cieco questo fine settimana nelle Filippine, dove la banca centrale ha negato che i contanti fossero entrati nel sistema finanziario del paese. Le azioni della società sono scese lunedì, prolungando un crollo che ha spazzato l’85% del prezzo delle azioni in tre sessioni di negoziazione. Wirecard ha chiuso la giornata con un valore di mercato di 1,7 miliardi di euro (1,9 miliardi di dollari).

READ  Vietnam: come questo paese di 95 milioni di abitanti ha mantenuto il numero di morti per coronavirus pari a zero

Wirecard sta lavorando per tenere a bada i creditori, un compito che potrebbe essere complicato dall’arresto del suo ex CEO. Venerdì sera, la società ha annunciato di aver assunto la banca di investimento Houlihan Lokey per sviluppare una nuova strategia di finanziamento.

Il CEO di Wirecard si dimette dopo la scomparsa di $ 2 miliardi e la caduta delle accuse di frode

L’implosione segue un periodo tumultuoso di 18 mesi per la società punteggiata da accuse di frode, attacchi di venditori allo scoperto e domande sulle sue pratiche contabili.

La storia di successo ha iniziato a svelare a gennaio 2019, quando il Financial Times ha riferito che Wirecard aveva falsificato e retrodatato contratti in una serie di transazioni sospette a Singapore. La società ha negato il rapporto, che è stato prodotto con l’aiuto di un informatore, ma le sue quote sono diminuite. Nel febbraio 2019, le autorità di Singapore hanno annunciato che avrebbero avviato un’indagine.

Un altro colpo ha colpito alla fine dell’anno scorso, quando l’FT ha pubblicato un rapporto e documenti aziendali che suggerivano che i profitti e le vendite erano stati aumentati agli avamposti di Wirecard a Dubai e in Irlanda. Wirecard ha nuovamente negato le accuse. Ma un’indagine della KPMG pubblicata ad aprile ha rilevato che la società non aveva fornito informazioni sufficienti per spiegare appieno i problemi sollevati dall’FT.

Braun ha riferito ai pubblici ministeri lunedì sera dopo l’emissione di un mandato di arresto nei suoi confronti. I pubblici ministeri affermano che un giudice deciderà martedì se restare in detenzione. L’ex CEO ha spiegato la sua decisione di lasciare la scorsa settimana in una lettera a dipendenti e azionisti.

“La fiducia del mercato dei capitali nella società che gestisco da 18 anni è stata profondamente scossa … Rispetto il fatto che la responsabilità di tutte le transazioni commerciali spetta al CEO”, ha affermato Braun.

READ  Forschung: Wissenschaftler wollen Mammuts wieder zum Leben erwecken - News Ausland

– Mark Thompson ha contribuito al rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT