Maschere fai-da-te: i cinesi americani sono in prima linea nella difesa dell’uso delle maschere in pubblico

Nata a Pechino, che vive negli Stati Uniti dal 1985, Xue ha affermato che molti cinesi americani come lei hanno capito presto l’importanza di indossare maschere per fermare la diffusione del virus mortale, grazie a un flusso costante di rapporti e opinioni di esperti provenienti dalla Cina, epicentro di origine della pandemia globale.

“Abbiamo letto così tanto di quello che sta succedendo a Wuhan su WeChat”, ha detto, riferendosi alla popolare piattaforma di social media che è diventata una delle principali fonti di informazione per la diaspora cinese. . “Sapevamo quanto fosse grave l’epidemia e abbiamo iniziato a prestare attenzione molto prima degli altri americani”.

Xue e altri membri di un gruppo WeChat locale hanno cucito più di 1.300 maschere in una settimana, consegnandole a diversi ospedali locali. Ma anche quando le istituzioni mediche hanno consigliato loro di smettere di inviare maschere fatte a mano, Xue ha continuato a concentrarsi sul grande pubblico.

Cercare di convincere la maggior parte degli americani del valore di indossare maschere non è stato facile, tuttavia, a causa di credenze culturali di lunga data. Xue ha affermato che anche i suoi figli adulti, nati e cresciuti negli Stati Uniti, hanno resistito all’idea.

“Per me, indossare una maschera mi sembra naturale”, ha detto. “Ma pensano che sia strano – pensano che io stia reagendo in modo eccessivo.”

Xue rimane senza paura, determinata a illuminare i riflettori sull’argomento perché pensa che gli americani siano in ritardo in termini di autoprotezione a causa della mancanza di informazioni precise.

Il gruppo locale WeChat è riuscito a realizzare 1.300 maschere, come queste, in una sola settimana.

Sentendosi incoraggiato dalla vista di un numero crescente di persone che indossano maschere all’esterno – osservato durante i suoi occasionali viaggi in drogheria – Xue pensa che un nuovo orientamento del governo americano sulla questione non incoraggerebbe solo di più Gli americani devono coprire i loro volti in pubblico, ma anche per stimolare la domanda di maschere fai-da-te.

READ  Rebecca e Kimberly Yeung hanno lanciato un pallone meteorologico nello spazio

“Quando vedo i miei amici non cinesi qui, dico loro di indossare una maschera fuori”, ha detto, aggiungendo che aveva appena ordinato altri fogli online. “Dico loro, te ne farò una se non ce l’hai.”

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_americas/~3/5zylZ6UxrM4/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *