Mentre il coronavirus si diffuse in Asia, l’Occidente ebbe un vantaggio iniziale per prepararsi. Perché non è stato usato?

Alcuni di questi sono semplicemente superati: l’Asia ha lottato con il coronavirus dalla fine dello scorso anno, quindi i governi hanno avuto più tempo per rispondere e ondate di infezioni sono aumentate e diminuite . L’Europa e gli Stati Uniti sono nelle fasi relativamente precoci dei loro focolai e si prevede che anche il numero rallenterà nelle prossime settimane e mesi.

Ma questa spiegazione manca di fatto: l’Occidente non ha dovuto attraversare gli stessi cicli dell’Asia, dove i governi e i sistemi di sanità pubblica erano poco consapevoli del virus e hanno cercato di capirlo mentre reagisce alle epidemie.

Mentre una notevole attenzione è stata prestata alla risposta iniziale della Cina al virus, in particolare al suo minimizzare e all’apparente occultamento delle informazioni chiave durante le prime settimane della pandemia, la rabbia sta crescendo in molti paesi per mancata risposta di altri governi quando la situazione era chiara.
Il dottor Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive degli Stati Uniti, ha confermato domenica che le richieste di misure di allontanamento sociale fondamentali hanno dovuto affrontare “molte battute d’arresto” all’inizio di l’epidemia e ha detto che il paese stava cercando di rispondere in modo più efficace al virus se fosse rimbalzato in autunno.
La scorsa settimana, il capo scienziato dell’Unione Europea ha rassegnato le dimissioni per la risposta del blocco al virus, mentre nel Regno Unito, dove il Primo Ministro Boris Johnson ha lasciato l’ospedale dopo essere stato infettato da un coronavirus, c’è un crescente scandalo per quanto riguarda la mancanza di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari di prima linea.

In Asia, è sempre più sorprendente che i lunghi tempi di consegna di molti paesi altrove non siano stati utilizzati meglio. Ciò è particolarmente vero in Cina, dove i media sostenuti dallo stato hanno sostenuto che la risposta del paese al virus ha salvato il mondo da una pandemia molto peggiore e che i sacrifici fatti dal popolo cinese sono stati sprecati da cattiva gestione dei governi. a ovest.

Molti di questi governi volevano dare la colpa al virus su Pechino, ma mentre i primi insabbiamenti e la mancanza di trasparenza hanno indubbiamente ritardato la risposta internazionale, al più tardi entro febbraio, gran parte di ciò che sappiamo del virus – inclusa la sua gravità e la capacità di diffondersi rapidamente – era ampiamente noto, tuttavia i paesi non hanno ancora agito o rifiutato di agire.

Qualcun altro problema

Mentre è facile dimenticare ora che il coronavirus è esploso in una pandemia globale, all’inizio, il peggio dell’epidemia sembrava essere contenuto in Cina, con la maggior parte delle morti viste a Wuhan, almeno in parte a causa l’assistenza sanitaria traboccava di sistema cittadino.

Focolai sporadici al di fuori della Cina continentale non hanno subito gli stessi livelli di morte di Wuhan. E non c’è stato il tipo di rapida diffusione all’interno della Cina che in seguito arrivò in Europa e negli Stati Uniti.

READ  Starbucks ha un piano per riaprire. Ecco come funzionerà

“Penso che il centesimo non sia diminuito del fatto che continuerebbe davvero a diffondersi”, ha dichiarato Benjamin Cowling, professore alla School of Public Health dell’Università di Hong Kong. “A Hong Kong abbiamo raccolto tutti questi casi e poi controllato i loro contatti, e non sembrava così contagioso. C’era un’opinione che forse al di fuori della Cina le infezioni non si sarebbero diffuse facilmente “.

Cowling ha aggiunto che “è stato solo circa un mese dopo, soprattutto quando il Nord Italia ha vissuto questo focolaio, che all’improvviso è stato riconosciuto che potrebbero esserci molti trasmissione sotto il radar “.

I casi in Italia iniziarono a esplodere alla fine di febbraio, quando il paese si precipitò a bloccare prima la Lombardia, poi gran parte del nord Italia, superando infine la Cina in numero di morti per virus all’inizio di marzo.

Ma mentre le autorità e gli esperti sono stati certamente colti alla sprovvista dalla velocità e dalla portata della diffusione del virus, diversi esperti hanno concordato che c’era anche un sentimento generale di compiacimento tra i governi occidentali come epidemia era un problema cinese o asiatico e non si sarebbe comportato necessariamente allo stesso modo all’interno dei loro confini.

“C’è spesso la sensazione nei paesi che potrebbero essere colpiti in modo diverso perché la loro comunità ha una struttura diversa … o il caldo lo terrà lontano, o la loro comunità è più grande” disse Cowling. “Ma penso che quello che stiamo scoprendo è che Covid-19 sta interessando in tutto il mondo.”

Nadia Abuelezam, epidemiologa e assistente professore alla Connell School of Nursing del Boston College, ha affermato che “nonostante un certo numero di scienziati avvertono i leader (americani) che potrebbe verificarsi un’epidemia di questa portata, poco è stato fatto per preparare “.

Ha attribuito questo in parte al sottofinanziamento del sistema sanitario americano, ma più in generale “c’è ancora molto stigma e xenofobia nella società che i funzionari della sanità pubblica e altri membri della società stanno cercando di Lottare”.

“Sfortunatamente, questo stigma ha provocato una risposta lenta e ha provocato un gran numero di decessi e infezioni in tutto il mondo”, ha aggiunto.

Mancata azione

Nonostante tutta la colpa alla porta della Cina per la sua incapacità di agire all’inizio della pandemia, i funzionari non sapevano cosa stavano affrontando.

In confronto, i funzionari in Europa e negli Stati Uniti sapevano esattamente cosa stavano affrontando una volta che l’epidemia ha raggiunto i loro confini, ma spesso sono stati lenti a rispondere, perdendo tempo mentre il virus si diffondeva Asia e ignorando le lezioni apprese da altri paesi.

Molto di ciò che sappiamo del coronavirus: che è altamente contagioso e si diffonde da persona a persona, che ha un tasso di mortalità relativamente elevato, specialmente per determinate popolazioni, e che l Uno dei modi migliori per contenerlo è attraverso l’allontanamento – è stato istituito all’inizio di febbraio.

Nonostante ciò, i governi occidentali, in particolare gli Stati Uniti e il Regno Unito, sono stati incredibilmente lenti ad agire.

Negli Stati Uniti, le linee guida nazionali per l’allontanamento sociale non sono state messe in atto fino al 16 marzo: il primo caso del paese è stato registrato il 15 gennaio e i primi segni di “diffusione della comunità” sono stati rilevati in ritardo. febbraio. Il Regno Unito ha anche trascinato i piedi per intraprendere un’azione concertata, istituendo blocchi e ordini di sostegno a domicilio a fine marzo, due mesi dopo la registrazione del suo primo caso.
Entrambi i paesi hanno anche lottato per testare un numero sufficiente di persone, con gli Stati Uniti che hanno subito ritardi a causa della pubblicazione di un test difettoso che doveva essere corretto, e il Regno Unito è ancora in ritardo rispetto a molti. i suoi vicini europei, che ha portato alcuni a rivolgersi ai kit di posta. .
Non dovrebbe essere così: dal 21 gennaio, mentre anche le autorità di Pechino stavano solo rafforzando gli sforzi nazionali contro il virus, attraverso lo stretto di Taiwan, le loro controparti di Taipei hanno introdotto nuove restrizioni per i viaggiatori provenienti da dalla Cina continentale. Avrebbero continuato a implementare nuove misure nelle settimane seguenti, che contenevano con successo la diffusione del virus sull’isola.

Ciò non può essere attribuito alla mancanza di informazioni dal Regno Unito e dagli Stati Uniti. Taiwan non è membro dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e si è lamentato pubblicamente della mancanza di condivisione dei dati a causa di ciò (un’accusa che l’organizzazione nega). Tuttavia, è stato in grado di stabilire una risposta di classe mondiale basata su informazioni pubblicamente disponibili.

READ  Il cane scomparso dopo aver avvisato la famiglia del tornado è stato trovato 54 giorni dopo

La Nuova Zelanda, un altro governo che è stato elogiato per aver gestito la pandemia, è stato anche più veloce nell’introdurre restrizioni e test su larga scala rispetto a Washington o Londra.

“Abbiamo lo stesso accesso alla stessa conoscenza di te – il mondo intero l’ha visto accadere, è come uno tsunami a insorgenza lenta, non ha affatto cambiato le sue caratteristiche e il virus è molto stabile”, ha detto ha dichiarato il professore. Michael Baker, che ha contribuito a consigliare il governo della Nuova Zelanda sulla sua risposta, ha dichiarato alla CNN la scorsa settimana.
Non tutti i paesi occidentali hanno reagito così lentamente come il Regno Unito e gli Stati Uniti. La Germania è stata elogiata per la sua risposta: mantenere un basso numero di decessi nonostante un numero crescente di infezioni, in parte grazie a un sistema sanitario universale ben finanziato e test diffusi che consentono alle persone di ricevere cure o ” essere isolato se necessario.

L’ultima guerra

È un cliché ben consunto che gli eserciti falliscono quando provano a scatenare l’ultima guerra nella prossima, ma anche le risposte alla crisi sono modellate dall’esperienza passata, indipendentemente da quanto cerchiamo di guardare oltre. .

Fin dall’inizio, l’attuale pandemia è stata vista come una rinascita della SARS, dal suo inizio in Cina, all’apparente tentativo di questo governo di coprire, fino a quando non si è diffuso in Asia. I due virus sono correlati e presentano sintomi simili, ma il nuovo coronavirus ha superato da tempo la SARS in termini di morte e diffusione.

Tuttavia, l’incapacità di guardare oltre la SARS potrebbe aver modellato le risposte sia in modo positivo che negativo. Nell’Asia orientale, che è stata duramente colpita dall’epidemia del 2003, ha messo in guardia i governi e il pubblico, poiché le persone sono più veloci a indossare maschere e ad esercitare le distanze sociali.

Taiwan è stata duramente colpita dalla SARS e la sua risposta rapida all’attuale pandemia è stata guidata dal National Health Command Center (NHCC), un organo di coordinamento di alto livello istituito nel 2004.

READ  Demi Lovato ha una consulenza sulla salute mentale durante Covid-19

Ma mentre la SARS potrebbe aver portato ad un’azione più rapida in una parte del mondo, l’epidemia del 2003 potrebbe aver portato i funzionari altrove ad adottare l’approccio opposto.

“Mi aspettavo una risposta più rapida dato che abbiamo affrontato la SARS e la MERS e altre recenti minacce per la salute”, ha affermato Henry F. Raymond, professore associato ed epidemiologo presso la Rutgers School of Public Health , sulla gestione americana del coronavirus. “Ma sulla base delle stesse esperienze in cui queste epidemie sono state relativamente lente nel muoversi e per la maggior parte rapidamente contenute, possono aver contribuito a più compiacenza di quanto fosse giustificato.”

Questo compiacimento, combinato con le richieste di preservare l’economia a tutti i costi, sembra aver spinto alcuni funzionari a rifiutarsi di vedere cosa li guardava in faccia o di essere urlati da consulenti scientifici sempre più disperati.

Anche a Hong Kong, Cowling ha affermato di non riuscire a credere che questo virus sarebbe stato molto peggio di quello che avevamo visto in precedenza.

“Scientificamente, sapevo che si stava diffondendo. Ma ancora non sapevo davvero come dirlo”, ha detto. “Ricordo molto bene che c’era un articolo che ho scritto in cui ho cambiato la parola” pandemia “in qualcosa di simile a” epidemia globale “perché pensavo che nessuno mi avrebbe creduto se Ho detto che sarebbe stata una pandemia. ”

source–>https://www.cnn.com/2020/04/16/asia/asia-europe-us-coronavirus-delay-intl-hnk/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *