Monte Everest: arrampicati sulla montagna più alta del mondo nel comfort di casa tua

Quattro giorni dopo, dopo 1.363 viaggi all’ultimo piano della sua casa – 40.846 gradini in totale – era in piedi Monte everest – circa 8.850 metri.
“Il lato mentale di vedere la stessa scala più e più volte mi ha davvero esaurito”, ha detto Griffin, 53 anni, che vive a Shoreham-on-Sea nel sud dell’Inghilterra. Sport della CNN.
Nel processo, lì soldi raccolti per beneficenza delle banche alimentari, The Trussell Trust, dopo aver assistito alla mancanza di forniture fornite nel suo supermercato locale.

La sua avventura interiore è stata inizialmente ispirata da uno dei suoi compiti quotidiani al mattino presto.

“Vivo in un’alta casa georgiana e bevo una tazza di tè con mia moglie e ho detto che una volta chiuso questo blocco, mi sarei sentito come se avessi scalato l’Everest”, ha detto a CNN Sport.

“Ero più concentrato sulla mia consapevolezza e sui miei sforzi di raccolta fondi piuttosto che su come avrei fatto”.

John Griffin ha scalato l'altezza dell'Everest sulle sue scale.

Terrazza sul tetto

Quando Griffin ha finalmente raggiunto l’ultimo piano della sua casa per l’ultima volta, ha festeggiato con sua moglie e sua figlia battendo una bandiera dell’Unione dalla terrazza sul tetto.

Misurò i suoi progressi usando uno speciale tracker adattato, fermandosi per una pausa ogni volta che saliva l’altezza dell’edificio più alto del Regno Unito, The Shard (1.016 piedi).

“È stato grandioso, non mi sono lasciato andare sulla terrazza sul tetto, quindi l’ho tenuto per qualcosa da sperare. Come in ogni vera sfida, si tratta di stabilire piccoli obiettivi”, ha detto. ha dichiarato.

READ  Goldie Hawn, Kate Hudson, piccola scriva la storia su People

Con il lancio della sua nuova attività di consegna vegana sospesa a causa della pandemia, Griffin ora trascorre la maggior parte dell’isolamento nella scuola di casa di sua figlia e fa tutto il possibile per sostenere sua moglie – un Medico del SSN che lavora in prima linea nella crisi del coronavirus.

Spera che la sua nuova iniziativa abbia fornito un po ‘di tregua alla situazione attuale per altre persone, ma ammette di essere stato sorpreso dall’interesse internazionale per la sua impresa.

“È un segno dei tempi in cui le persone sono alla ricerca di cose per distrarsi. Non seguire costantemente le notizie può essere una parte importante del benessere mentale”, ha aggiunto Griffin.

“Spero sia stata una distrazione divertente per le persone, se non altro”.

Rory Southworth prevede ulteriori sfide indoor nelle prossime settimane.

Sii positivo

Griffin non è l’unico britannico a mettere in quarantena un passo alla volta.

Un appassionato corridore di resistenza, Rory Southworth Si è anche trovato alla ricerca di alternative cardio creative durante il blocco.

Quindi ha scalato l’altezza di Ben Nevis, la vetta più alta del Regno Unito, sulle orme del suo giardino prima di concentrarsi sulla misurazione dell’altezza di Snowdon, la montagna più alta del Galles, usando solo il primo passo.

“Le persone hanno iniziato a interessarsi molto a ciò che potevano fare ed era qualcosa in cui volevano essere coinvolti”, ha detto Southworth a CNN Sport da casa sua vicino al Lake District, nel Regno Unito.

“Così ho pensato di creare un gruppo che, per cinque giorni, avrebbe percorso il campo base dell’Everest.

“È un trekking che molte persone conoscono, l’elevazione è abbastanza accessibile e puoi fare l’altezza che dovresti fare ogni giorno prima di colazione, se ti svegli abbastanza presto.”

Momenti emotivi

utilizzando Instagram, l’uomo di 27 anni ha riunito un gruppo di 30 persone per raccogliere la sfida di salire i 5.364 metri.

Tenendo traccia dei loro progressi online, Southworth è stato in grado di incoraggiare i suoi nuovi amici a soddisfare le loro esigenze quotidiane di scale, sia che salgano le scale, i gradini del giardino o semplicemente una scala.

READ  La nazione musulmana più popolosa dell'Indonesia vieta i viaggi di vacanza durante il Ramadan

Oltre a rimanere fisicamente attivo durante il periodo di quarantena, il trekking virtuale ha anche aiutato psicologicamente i partecipanti.

Alcuni scalatori hanno recentemente perso il lavoro, sono stati lavoratori chiave in ruoli stressanti o hanno avuto problemi ad adattarsi alla vita nel vuoto.

“Per molti di noi nella comunità all’aperto che praticano molti sport all’aria aperta, la nostra salute mentale è intrinsecamente legata al nostro sport”, ha affermato Southworth, ammettendo che l’escursionismo è stata un’esperienza emotiva intensa per alcuni.

“Non siamo abituati a gestire lo stress senza avere la capacità di liberarlo attraverso l’attività fisica nella natura e nei luoghi selvaggi.

“Quindi è stato molto importante avere qualcosa su cui ci concentriamo, darci un obiettivo e avere una squadra che ci supporti attraverso di essa.”

Southworth desidera continuare ad aiutare le persone a rimanere attive durante il blocco e sta già ospitando un’altra sfida in cui le squadre partono ogni mattina su una montagna virtuale diversa.

“Il mio piano è di continuare a migliorare queste sfide, di continuare a migliorare i concetti e di continuare a coinvolgere l’aspetto del lavoro di squadra per cercare davvero di spingere la positività nella comunità esterna”, ha aggiunto. .

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_sport/~3/n0mDgLrd5ks/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT