Ci sono 135 nuovi casi di coronavirus a Roma, registrato il 23 settembre. Secondo i dati odierni, su oltre 9mila tamponi nel Lazio, sono 195 i casi in totale e tre i decessi. Quarantacinque, invece, nuovi contagi nella capitale provincia.

“Mantieni l’attenzione ad alto livello”, è il monito del consigliere sanitario della Lazio Alessio D’Amato che aggiunge: “Ci aspettiamo un leggero aumento di RT, ma inferiore al valore 1. Dal 24 settembre , verranno distribuite le prime 400.000 dosi del vaccino. anti-influenzale presso l’Asl. L’obiettivo è vaccinare 2,4 milioni di cittadini “.

Contagi da coronavirus a Roma

In ASL Roma 1 ci sono 55 casi nelle ultime 24 ore e di questi cinque sono tornati, tre con collegamenti dalla Sardegna, uno dalla Francia e uno dalla Romania. Ventotto sono i casi con un legame familiare o un contatto con un caso già noto e isolato. In ASL Roma 2 ci sono 49 casi nelle ultime 24 ore e tra questi tre casi hanno legami con la comunità in Perù. Sei sono i contatti di casi già noti e isolati e dieci individuati su indicazione del medico di base. In ASL Roma 3 ci sono 31 casi nelle ultime 24 ore e undici casi di rimpatrio, uno con collegamenti dalla Sardegna, due dalla Romania, uno dalla Repubblica Ceca, uno dalla Spagna, due dalla Campania e quattro con collegamenti alla comunità peruviana. Sono quattordici i contatti di casi già noti e isolati.

I casi di Covid-19 nella capitale provincia

In ASL Roma 4 ci sono stati 6 casi nelle ultime 24 ore e si tratta di contatti di casi già noti e isolati. In ASL Roma 5 sono 19 i casi nelle ultime 24 ore e si tratta di due casi individuati in fase di preospedalizzazione e quindici sono i contatti di casi già noti e isolati. In ASL Roma 6 ci sono 20 casi nelle ultime 24 ore e si tratta di circa diciotto contatti di casi già noti e isolati.

READ  Il successo di Taiwan nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la sua posizione globale. Ha reso Pechino furiosa

15 casi e nessun decesso in altre città della regione

Nelle province ci sono 15 casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore. Nella Asl di Latina i casi sono quattro e si tratta di un caso di rientro dalla Romania e di un caso individuato in fase di preospedalizzazione. C’è un caso nell’ASL di Frosinone. Nella ASL di Rieti i casi sono sei e ci sono tre casi con collegamenti ad un cluster noto e isolato e un caso di ritorno dalla Romania. Nella ASL di Viterbo i casi sono quattro e si tratta di contatti di casi già noti e isolati.

Caso Covid nel Lazio

Ad oggi, nel Lazio, sono attualmente 6.030 i casi positivi di Covid-19, di cui 5.517 isolati in casa. Mentre 482 persone sono ricoverate, di cui 31 in terapia intensiva. Alla fine, 899 persone sono morte e 7851 si sono riprese. Sono stati esaminati un totale di 14.780 casi. Lo riporta il bollettino della regione Lazio.

Guida pediatrica attiva a Roma

Il nuovo drive-in pediatrico è attivo presso l’ospedale Sant’Eugenio nella fascia di età da 0 a 6 anni in collegamento con l’ospedale pediatrico Bambino Gesù, punto di riferimento per tutte le attività pediatriche (accesso al centro di viale Rhodesia).

Il drive-in è attivo anche presso l’IRCCS Santa Lucia (Asl Roma 2 – ingresso via Ardeatina 354) con l’obiettivo di aumentare la sicurezza e l’inclusione delle persone con disabilità.

Spallanzani: “Ok per i test salivari nei fine settimana”

“Entro questo fine settimana inizieremo la convalida del test della saliva”. Lo ha confermato il direttore medico dello Spallanzani, Francesco Vaia, nel programma “Radio Anch’io” di Rai Radio1, in merito ai test messi a punto per rilevare la positività del coronavirus. Vaia ha sottolineato che “non è solo assolutamente affidabile, ma anche minimamente invasivo”.

READ  Filippo Limini, ragazzo di Spoleto ucciso a Bastia Umbra: tre arresti

Vaia ha poi chiarito che il test “non richiede un doppio prelievo, come nel caso del tampone, perché la saliva prelevata la prima volta viene poi utilizzata per confermare il risultato”. Il test di conferma molecolare deve quindi essere eseguito, ma sul campione di saliva stesso. Secondo il direttore medico, il test “non è da considerare un dispositivo miracoloso, perché il test molecolare resta la norma, ma nelle comunità, come la scuola, è importante perché permette di intercettare il caso positivo asintomatico” . Per questo, ha spiegato, “stiamo lavorando anche su laboratori mobili che possono recarsi sul campo per fare le prove”.

Spallanzani: 110 Sars-CoV-2 positivi ricoverati

Sono 110 i pazienti ammessi allo Spallanzani positivi al tampone di ricerca Sars-CoV-2. Lo spiega lo stesso istituto in una nota. 14 pazienti in terapia intensiva, mentre i pazienti dimessi o trasferiti a casa o in altre strutture locali sono, questa mattina, 713.

Realizzato con Flourish

Realizzato con Flourish

Realizzato con Flourish

D’Amato: “C’è una ripresa del virus, ma il quadro è diverso”

“C’è una ripresa, seppur in un quadro completamente diverso: oggi prevalgono le persone asintomatiche e i gruppi familiari”, ha detto il consigliere regionale per la salute Alessio D’Amato, commentando il bollettino del 22 settembre sui casi di Covid nel Lazio.

“Al momento non abbiamo situazioni di sofferenza in rete, ma dobbiamo necessariamente mantenere alta l’attenzione”, aggiunge D’Amato.

A lanciare l’allerta anche Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani, che ricorda come il virus sia spietato “con i soggetti più fragili, gli anziani”. Per questo spera in “interventi rapidi nel quartiere”, con una migliore assistenza domiciliare e una rete sociale più ampia a sostegno dei più deboli.

READ  L'agente del biglietto ferroviario britannico muore per Covid-19 dopo essere stato sputato

Gruppo di lavoro sul vaccino antinfluenzale

Martedì è stato effettuato anche un aggiornamento sulla vaccinazione antinfluenzale, dal 24 settembre le prime 400.000 dosi saranno distribuite ad Asl Roma 1, Asl Roma 2, Asl Roma 6, Asl di Viterbo e Asl di Latina.

L’obiettivo è vaccinare 2,4 milioni di cittadini. Il nuovo drive-in pediatrico per la fascia di età da 0 a 6 anni sarà attivo da oggi presso l’Ospedale Sant’Eugenio in collaborazione con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, punto di riferimento per tutte le attività pediatriche. Un percorso protetto dedicato ai bambini con accesso al centro di raccolta del sangue di Viale Rhodesia.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare il blocco degli annunci per riprodurre il video.

Suono mutoSuono mutoSuono mutoAbilita l’audio


Piazza

Abilita lo schermo interoDisabilita lo schermo intero

Il video non può essere riprodotto – riprova più tardi.

Aspetta solo un momento...

Forse potrebbe interessarti...

È necessario abilitare javascript per riprodurre il video.

Articolo aggiornato alle 16:27 del 23 settembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *