Nigeria: i lavoratori informali affrontano scelte difficili quando si chiude la più grande megalopoli dell’Africa

Lunedì sera, la Nigeria è diventata l’ultimo paese del continente a imporre un blocco di 14 giorni sui principali stati del paese quando il presidente Muhammadu Buhari ha invocato la legge sull’era coloniale di un paese.

Ma milioni di nigeriani come venditori di generi alimentari, parrucchieri, addetti alle pulizie e altri che guadagnano i loro salari giornalieri e compongono il mercato del lavoro informale affermano di dover affrontare scelte difficili.

Cecilia Achonwa gestisce un ristorante locale lungo la strada a Yaba, un sobborgo della terraferma Lagos, vendendo pranzi al sacco a prezzi accessibili per studenti e aziende locali.

Il governo, le banche e gli individui con un patrimonio netto elevato contribuiscono a miliardi per combattere i coronavirus in Nigeria

Prima del coronavirus, la sua compagnia alimentare vedeva file di persone che si formavano per comprare i loro pasti. Ora se ne sono andati tutti e i suoi affari sono quasi crollati, dice.

La donna di 53 anni afferma di essere responsabile del benessere di cinque chef assunti nella vicina Africa occidentale, il Togo.

“Ciò che gestiscono ora è la loro indennità e il resto del cibo che avevo conservato nel ristorante in vendita questo mese alla fine, non avremo nulla”, ha detto. alla CNN.

Mentre la chiusura si avvicinava, Lagos, una vivace metropoli con circa 20 milioni di persone, si affollò con la folla mentre gli acquirenti si affrettavano a fare scorta e battere fino alle 23:00. termine per la chiusura della città contro il coronavirus.

La gente cammina in un mercato affollato in disprezzo di un ordine di spazio sociale, per fare acquisti dell'ultimo minuto prima di un coprifuoco, al mercato Mushin di Lagos.

Ma molti potrebbero a malapena permettersi di provvedere all’aumento dei prezzi.

“Alcune persone piangono, piangono e vanno a casa senza comprare nulla. Le cose sono troppo costose”, ha detto Felicia Emmanuel, un commerciante nel mercato di Obalende, alla CNN.

“È brutto ooo, molte persone, è il profitto che fanno un giorno, è quello che stanno andando a mangiare. Preghiamo che il governo faccia qualcosa al riguardo. Li stiamo implorando, dovrebbero aiutarci “, ha aggiunto.

Un altro residente, Abiodun Gaji, ha detto alla CNN. “Non ci sono disposizioni, non ci sono strutture disponibili per cucinare. Quindi la gente si fa prendere dal panico acquistando prodotti e cibo … È pazzesco. Le persone hanno fame, alcune persone, milioni di persone dipendono dalle vendite quotidiane. Non fanno vendite, non mangiano “.

READ  L'aeroporto di Hong Kong porta robot di pulizia e cabina di disinfezione

Un venditore di cibo locale nella capitale nigeriana Abuja ha rifiutato di essere nominato, ma ha detto alla CNN: “Non posso permettermi di stare a casa e di non dare da mangiare ai miei figli. So che è rischioso essere qui, ma se non esco a cercare qualcosa per sfamare la mia famiglia, moriremo di fame più velocemente che essere uccisi dal virus “.

Un venditore di generi alimentari nella capitale nigeriana Abuja ha detto alla CNN che non poteva permettersi di rimanere a casa. Foto di Osaze Efe.

Un’altra sfida per i Lagosiani e altri come loro nel paese è che le infrastrutture elettriche della Nigeria sono deboli e le interruzioni di corrente sono frequenti.

Un acquirente, Amaka, un impiegato di banca, dice che non vuole comprare troppo perché finirà per buttare via gli oggetti.

“Non c’è luce e non puoi tenere gli oggetti. Non abbiamo una luce fissa in Nigeria e anche nella mia zona. Speriamo che finisca il prima possibile. Stiamo tutti comprando per paura perché non puoi andare lì. sul mercato ogni giorno. Speriamo solo che finisca presto “.

Distribuzione alimentare

Si stanno compiendo sforzi per alleviare l’onere della preclusione sui membri vulnerabili della società, secondo il governo nigeriano.

Il governatore dello stato di Lagos Jide Sanwo-Olu sta affrontando la sua prima grande crisi dalla sua elezione lo scorso anno ed è ampiamente elogiato per i suoi sforzi nella gestione della crisi.

Dice che la sua amministrazione distribuirà inizialmente cibo a 200.000 famiglie con circa sei persone per famiglia. Tuttavia, altri milioni vivono in estrema povertà in città.

In una riunione speciale alla CNN, il vicepresidente del Paese ha dichiarato che il benessere dei membri più vulnerabili della società era importante per il presidente, aggiungendo che aveva assegnato una sovvenzione di $ 10 miliardi naira (25 milioni di dollari) a Lagos, che è l’epicentro del coronavirus in Nigeria, con 81 casi su 131 segnalati da lunedì mattina.
Il vicepresidente nigeriano Yemi Osinbajo.

“Il presidente ha istituito un comitato per la sostenibilità economica su come alleviare la sofferenza dei nigeriani in quel momento”, ha dichiarato Yemi Osinbajo. “Il comitato deve affrontare le sfide economiche e le conseguenze della pandemia”, ha aggiunto.

READ  Covid-19 mette fine ai piani dell'uomo di visitare tutti i paesi senza volare

Il ministro umanitario del paese ha anche annunciato lunedì che i trasferimenti di denaro sono stati effettuati alle famiglie più povere.

Milioni di dollari hanno anche individui ricchi come l’uomo più ricco dell’Africa Aliko Dangote e le compagnie.

Tuttavia, a Ikorodu, una comunità a basso reddito alla periferia di Lagos, le promesse del comitato sembrano lontane.

“Abbiamo fame, abbiamo fame”, ha raccolto una folla di donne arrabbiate, incapaci di comprare cibo.

Tra questi, una donna d’affari popolare di Lagos e stilista Toyin Lawani.

Lawani, che gestisce 33 aziende da un unico edificio a Lekki, Lagos, ha distribuito imballaggi per alimenti, disinfettanti per le mani e maschere che ha prodotto nella sua fabbrica.

Ha detto alla CNN: “Ho dovuto venire qui perché la maggior parte dei miei dipendenti è di qui e mi hanno raccontato di questa situazione”.

Comunità sovraffollate

Nigeria, con il maggior numero di persone che vivono estrema povertà nel mondo, ha un patrimonio abitativo inadeguato, qualificato dalle Nazioni Unite di “crisi totale”.
“Gli insediamenti informali stanno salendo dove le condizioni sono disumane e forse le più gravi che abbia mai visto al mondo”, Leilani Farha, relatore speciale su alloggi adeguati l’anno scorso, ha detto l’anno scorso.

Molte famiglie vivono in appartamenti con una o due camere da letto colloquialmente noti come case faccia a faccia, dove i residenti condividono un bagno e una cucina condivisi.

Il distanziamento sociale diventa quasi impossibile in tali condizioni.

Abdulwahab Abubakar, un motion designer, afferma di dover lasciare la sua casa a Shomolu, una regione in gran parte popolata di Lagos.

“Sono partito perché è angusto ed è quasi impossibile evitare le persone lì. Volevo anche stare con la famiglia, non riesco a immaginare come sarebbe stare da soli in questo momento “, ha detto alla CNN.

Abubakar disse che quando lasciò la sua comunità, i residenti erano ignari delle regole del distanziamento sociale mentre svolgevano la loro vita quotidiana come al solito.

Élite politica e coronavirus

C’è molta incertezza sul coronavirus, ma ciò che è chiaro è che milioni di vite dei poveri sono minacciate in Nigeria da una malattia trasmessa da membri più ricchi della società durante i loro viaggi intorno al mondo. mondo.

READ  Pechino affronta la crisi diplomatica dopo che le notizie di maltrattamenti degli africani in Cina suscitano indignazione

“Ogni caso di cui ho sentito parlare è quello di qualcuno che ritorna dall’estero, qualcuno che può permettersi di andare all’estero. Gli altri casi provengono da contatti con coloro che sono tornati e che non possono non sono auto-isolati “, afferma Rolayo Subair, ricercatore legale a Lagos. .

Molti di quelli a cui è stato diagnosticato il coronavirus facevano parte dell’élite nigeriana e dei politici senior, molti dei quali hanno continuato a partecipare a conferenze, feste di compleannoed eventi di alto profilo in tutto il mondo.
Alcuni legislatori del paese hanno anche violato le procedure di filtraggio e non sono riusciti a isolarsi, spingendo il capo di stato maggiore del presidente, Abba Kyari, a sollevare un avviso di sanità pubblica in un memo.
In un colpo di destino, Kyari ha confermato lunedì a dichiarazione pubblicata su Twitter che anche lui era risultato positivo al coronavirus al suo ritorno da una riunione in Germania.
Seyi Makinde, governatore dello stato di Oyo, ha partecipato a una manifestazione politica il 18 marzo, quando lo era filmato facendo luce sul coronavirus vestito con i suoi colori festosi. Egli annunciato lunedì di essere risultato positivo per Covid-19.

Ci sono timori di diffusione della comunità in Nigeria se la traccia dei contatti è inadeguata perché alcuni leader non rivelano la loro diagnosi.

Gruppo della società civile EiENigeria, ha recentemente pubblicato una dichiarazione in cui invita “i rappresentanti e le élite della Nigeria a parlare apertamente e onestamente se loro o il loro personale, i familiari allargati … sono stati esposti a COVID19 … per fornire sufficienti “informazioni disponibili per tutte le ricerche di contatti urgenti necessarie”.

Come spiega il ricercatore legale Subair, “se queste persone sono abbastanza carine da isolarsi, penso che coloro che non hanno viaggiato non avranno nulla da temere”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_africa/~3/kLcvrdN2ixE/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT