“Sono Joe Biden. Ci sono buone notizie. ho scelto Kamala harris come il mio compagno di corsa. Con te batteremo Trump ”. Così, in un messaggio conciso ai suoi sostenitori, il candidato presidenziale democratico ha annunciato la scelta del senatore Harris come deputato. Tre cose erano più importanti nella decisione. Kamala Harris è uno ha dato. È una donna Nero. Possiede 55 anni, relativamente giovane. Biden e Harris appariranno oggi a Wilmington, Delaware, al loro primo evento pubblico congiunto.

Alla fine Joe biden ha quindi messo da parte dubbi ed esitazioni. Kamala harris era la candidata più popolare per MP, ma anche quella che aveva sollevato importanti perplessità. È la prima persona nera e originale indiano per inserire un biglietto presidenziale e il quarta donna nella storia di stati Uniti partecipare alle elezioni nazionali più importanti. In un anno segnato dalla spaventosa crisi economica seguita al coronavirus e da rivolte razziali senza precedenti, Harris porta nel campo democratico uno stile politico aggressivo e una storia personale e familiare che può rivelarsi particolarmente utile contro Donald Trump. Data la sua età e il fatto che Biden sarà (alla fine) presidente per un solo mandato, Harris è anche il candidato più fiducioso nel Partito Democratico del 2024.

Nato a Oakland, California, madre immigrante dall’India e padre giamaicano (entrambi accademici), Harris era un avvocato, poi un pubblico ministero San Francisco, pertanto Procuratore generale dalla California. Da allora è senatrice 2016, con una storia politica di sinistra moderata – si è battuto per un viaggio civico dei clandestini, per l’estensione dell’assistenza sanitaria, per la legalizzazione delle droghe leggere e per l’aumento delle tasse per i ricchi e società – abbastanza simile a quella di Joe Biden. Il suo “realismo politico” è emerso nelle recenti primarie democratiche, quando Harris ha corso contro Biden per vincere la candidatura presidenziale. In questa occasione, Harris ha dichiarato che “una strategia politica non è un buon sonetto. Deve essere applicabile una strategia politica ”.

Le primarie appena trascorse sono state l’occasione di un durissimo confronto tra di loro Harris e Biden. In un dibattito presidenziale, il senatore ha attaccato Biden per la sua passata opposizione al pulman (la pratica di ridurre la segregazione razziale a scuola allontanando i bambini dagli autobus dai propri quartieri di residenza). “C’era una bambina che veniva portata a scuola in autobus ogni giorno. Quella ragazza ero io “, ha detto Harris, in un’acrobazia che ha lasciato Biden sbalordito e suscitato indignazione da parte di molti democratici, scontenti che le credenziali antirazziste di Biden fossero state contestate. Alcuni hanno parlato di un “agguato” e della moglie di Biden, Jill, ha definito le parole del senatore un “pugno nello stomaco”.

READ  Goldman Sachs' CEO DJ'd at Chainsmokers concert in the Hamptons under investigation

Questo episodio è stato rivisto in numerose occasioni durante il processo di selezione del viceministro. Per alcuni dei più stretti collaboratori di Biden, ad esempio Christopher Dodd – l’attacco dimostrerebbe un cinismo politico e una preoccupante mancanza di scrupoli da parte di Harris, tanto da renderlo inaffidabile. C’era un’altra obiezione che alcuni hanno avanzato: Harris sarebbe stato troppo “lanciato” verso presidenziale 2024, avrebbe quindi trascorso i quattro anni successivi non lavorando come parlamentare ma costruendo la sua prossima avventura presidenziale.

Alla fine Biden – che ha tenuto per sé la scelta finale – ha deciso diversamente. Ha deciso di mettere da parte rancori e disaccordi personali, favorendo ciò che Harris può portare di nuovo e significativo al biglietto presidenziale. Quindi, prima di tutto, c’è la storia personale, che rende Harris un simbolo di un’America sempre più diversificata e multirazziale. In secondo luogo, c’è la questione del genere. Le donne, in particolare le nere, sono uno dei gruppi elettorali più fedeli ai democratici e Biden ha bisogno che votino in gran numero il 3 novembre. La scelta di Kamala Harris è un segno di attenzione e riconoscimento storico per questo elettorato. Nell’anno dell’assassinio di George floyd e le proteste contro il razzismo, la scelta di un nero ha un’altra forte dimensione simbolica – specialmente perché Harris ha marciato al fianco dei manifestanti nelle ultime settimane e ha preso posizione per la riforma della polizia e per rendere il linciaggio un crimine federale. Infine, c’è il personaggio di Harris – tagliente, ironico, aggressivo – che si rivelerà inestimabile durante la prossima infuocata campagna presidenziale e che potrà efficacemente controbilanciare il catarro del 77enne Biden.

Pochi minuti dopo l’annuncio della scelta di Harris, la campagna democratica ha fatto circolare tra i giornalisti un promemoria che vuole proprio sottolineare la vicinanza personale e umana tra i candidati. Il memo menziona Bello, Figlio di Biden, morto di cancro nel 2015, e ricorda come Beau e Kamala Harris lavorassero insieme quando erano entrambi procuratori distrettuali, uno nel Delaware e uno in California. “I due si sono avvicinati mentre combattevano contro le banche – riporta il documento -. Grazie alla sua amicizia con Beau, Kamala ha conosciuto Joe Biden. Grazie alle parole di Beau e vedendo la sua lotta, Joe è rimasto colpito dalla forza di Kamala ”. Anche tra i repubblicani la reazione è stata immediata. il Festa di Trump ha una linea di attacco molto chiara: dipingere Harris come un pericoloso radicale, le cui posizioni di estrema sinistra finiranno per sostituire il moderato Biden.

READ  Diritti civili e politica "senza rancore": così Kamala Harris ha conquistato Biden

La linea è già stata chiaramente espressa proprio da Donald Trump, che ha subito accusato Harris di estremismo in campo ambientale, sanitario – “è favorevole alla medicina socializzata” – e fiscale – “vuole aumentare le tasse” – settori. “È stata la mia scelta numero uno”, ha proclamato Trump, suggerendo di essere contento di una scelta che avrebbe portato i democratici a posizioni così estreme. È significativo che Trump abbia anche alluso alla posizione particolarmente dura di Harris durante le udienze al Senato. Brett M. Kavanaugh, il giudice di Corte Suprema accusato di molestie sessuali. Harris è stato “cattivo” con Kavanaugh, ha detto Trump, anticipando una questione che potrebbe avere un peso nella campagna elettorale: una di quelle che in passato il presidente ha lanciato con attacchi palesemente sessisti.

Se la scelta di Kamala Harris è storica e dimostra quanto sia necessario ora per i democratici aprirsi a nuovi e diversi settori della società, i dubbi e le critiche abbondano. Harris non è una scelta che le piace a sinistra del gruppo – anzi, tra tutti i candidati presi in considerazione negli ultimi mesi, il senatore californiano è stato il meno apprezzato dai progressisti. In qualità di avvocato della California, ricorda la sua politica arresti indiscriminati per reati legati al consumo di droghe leggere e alla scelta di difendersi in un tribunale della California condanna a morte (nonostante lei, personalmente, sia contraria alla pena di morte). E nonostante nelle ultime settimane si sia schierata a favore di chi protesta contro la brutalità della polizia, Harris da Procuratore generale non ha mai messo in dubbio il comportamento particolarmente violento di polizia contro le minoranze. Mai, nemmeno una volta, ha avviato un’indagine o un procedimento amministrativo contro un agente. C’è anche chi fa notare che nelle precedenti primarie Harris non ha davvero brillato per la sua capacità di raccogliere consensi elettorali. Harris, secondo i critici, non ha un vero movimento politico alle spalle (a differenza di Elizabeth warren, un altro considerato per la scelta del deputato); e, secondo alcuni sondaggi, non sembra destinato a suscitare particolare entusiasmo tra gli afroamericani.

READ  François Fillon: ex primo ministro francese condannato a cinque anni di carcere

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, facciamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom di accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Coronavirus, focolaio di casi in Germania: 1.226 in un giorno, mai più alti dal 9 maggio. Negli Stati Uniti sono state registrate 46.808 infezioni in 24 ore

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *