Pechino affronta la crisi diplomatica dopo che le notizie di maltrattamenti degli africani in Cina suscitano indignazione

La scorsa settimana gli studenti e gli espatriati africani nella città di Guangzhou, nel sud della Cina, sono stati sottoposti a test di coronavirus forzati e auto-quarantena arbitraria di 14 giorni, indipendentemente dalla storia recente dei viaggi, a tra la paura crescente di infezioni importate.

Avendo presumibilmente contenuto il virus in Cina, nelle ultime settimane sono cresciute le preoccupazioni per una cosiddetta seconda ondata, portata nel paese da viaggiatori stranieri.

In Africa, tuttavia, i governi, media i media e i cittadini hanno reagito con rabbia all’apparente aumento del sentimento anti-alieno, mentre i video di africani molestati dalla polizia, dormivano per strada o chiusi nelle loro case in quarantena venivano pubblicati online.
Sabato, la prima pagina del più grande giornale del Kenya condurre con il titolo, “Keniani in Cina: salvaci dall’inferno”, come un membro del parlamento del paese ha invitato i cittadini cinesi a lasciare il Kenya immediatamente. Canali TV a Uganda, Il Sudafrica e la Nigeria hanno anche pubblicato articoli sul presunto maltrattamento.
Gli africani a Guangzhou in allerta dopo molti senzatetto nel mezzo della crescente xenofobia mentre la Cina combatte la seconda ondata di coronavirus

La ricaduta minaccia di minare gli sforzi diplomatici della Cina in Africa. Negli ultimi anni, i paesi africani sono diventati partner diplomatici e commerciali chiave di Pechino, con il commercio della Cina con l’Africa del valore di $ 208 miliardi nel 2019, secondo i dati ufficiali dell’Amministrazione doganale cinese.

In una dichiarazione rilasciata domenica, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha negato che la Cina abbia scelto gli stranieri.

“Stiamo ancora affrontando grandi rischi di casi importati e di risorgiva nazionale. In particolare, poiché la pandemia si diffonde in tutto il mondo, i casi importati stanno causando una crescente pressione”, ha affermato Zhao.

“Tutti gli stranieri sono trattati su un piano di parità. Rifiutiamo il trattamento differenziato e non tolleriamo discriminazioni”, ha aggiunto.

Una rottura nelle relazioni

I paesi africani sono spesso caratterizzati come il partner più debole nelle relazioni bilaterali con Pechino, con ripetutamente funzionari statunitensi avvertimento le nazioni diffidano della diplomazia della trappola del debito cinese, in cui i paesi sono costretti a restituire beni chiave al servizio di prestito, non possono effettuare rimborsi per violazione della loro sovranità.

Ma nei giorni scorsi i governi africani hanno rapidamente chiesto a Pechino risposte sul trattamento dei loro cittadini.

Il legislatore nigeriano Oloye Akin Alabi ha pubblicato a video su Twitter dell’ambasciatore cinese in Nigeria, Zhou Pingjian, bruciato da un politico nigeriano a causa dei maltrattamenti degli africani a Guangzhou.

Durante lo scambio, Zhou è costretto a guardare video di africani che si dice siano stati maltrattati in Cina. Oloye ha accompagnato il video con il messaggio che il suo governo “non tollererà il maltrattamento dei nigeriani in Cina”.

I governi di Uganda e si dice anche che il Ghana abbia convocato i rispettivi ambasciatori cinesi su ciò che i ghanesi chiamavano “il trattamento disumano inflitto”. Inoltre, il Ministero degli Affari Esteri del Sudafrica, che attualmente presiede l’Unione Africana, ha dichiarato di essere “profondamente preoccupato” da queste informazioni.
Sabato, forse nel segno più grave di malcontento in tutto il continente, Moussa Faki Mahamat, Presidente della Commissione dell’Unione Africana, ha twittato di aver invitato l’ambasciatore cinese presso l’UA a personalmente discutere delle accuse di abuso.

La reazione cinese

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha risposto domenica alla crisi, promettendo che le autorità provinciali “attribuiranno grande importanza” alle preoccupazioni di alcuni paesi africani e cercheranno di migliorare le misure di quarantena. , in particolare fornendo un alloggio speciale per gli stranieri sottoposti a osservazione medica.

READ  Gruppo di casi di coronavirus della California rintracciati per tossire il paziente alla festa di compleanno

Tuttavia, facendo eco alle autorità della città di Guangzhou, Zhao non ha avanzato accuse specifiche secondo cui le autorità avevano applicato una politica di test obbligatori e di quarantena di 14 giorni a tutti gli africani, anche quando non lo hanno fatto non aveva lasciato la Cina negli ultimi mesi; non era stato in contatto con un noto paziente Covid-19; aveva appena completato una segregazione di 14 giorni; o con certificati attestanti che erano privi di virus.

I media statali cinesi hanno riferito in precedenza che cinque nigeriani si sono dimostrati positivi per il virus a Guangzhou.

Domenica la polizia locale ha dichiarato che tutti gli stranieri devono rispettare rigorosamente le leggi cinesi e che coloro che rifiutano di presentare un documento di identità su richiesta della polizia saranno soggetti a sanzioni. I sospetti abbondano che molti africani stiano superando i loro visti a Guangzhou, dove le autorità hanno dichiarato di aver contato 4.553 africani che vivono legalmente in città la scorsa settimana.

Domenica, la compagnia statale Global Times ha rotto il silenzio sulla persistente ricaduta diplomatica, scrivendo che “i resoconti virali nei media occidentali che affermano che gli africani sono discriminati e maltrattati in città” sono stati “usati” da alcuni media occidentali per causare problemi tra Cina e paesi Africani “.
I migranti africani abbandonano il sogno cinese

Negli ultimi anni, legioni di diplomatici cinesi hanno aderito a Twitter, una piattaforma di social media vietata in Cina.

In Africa, la CNN ha contato almeno 25 conti appartenenti a diplomatici o consolati cinesi. Ma questi account Twitter, che hanno difeso ripetutamente gli sforzi di aiuto della Cina in Africa nelle ultime settimane, sono stati particolarmente silenziosi sulla questione della diaspora africana a Guangzhou.

READ  Pandemia di coronavirus: aggiornamenti in tutto il mondo

Dopo la dichiarazione di Zhao di domenica, molti hanno iniziato a twittare i suoi commenti.

Lina Benabdallah, assistente professore di politica alla Wake Forest University, specializzata nelle relazioni sino-africane, ha affermato che la natura “delicata” della questione richiede una “risposta coordinata” perché i diplomatici cinesi dovrebbero impedire un ritorno di attaccare contro più di uno. milioni di cinesi che vivono attualmente in Africa.

“De-escalation in questa direzione è probabilmente una priorità”, ha detto. “È una cosa delicata.”

Relazioni interpersonali

Alla fine del fine settimana, la maggior parte degli sfollati africani a Guangzhou, principalmente commercianti e studenti che costituiscono la più grande popolazione africana della Cina, avevano trovato rifugio, secondo gli intervistati della CNN in città.

Eserciti di volontari che si erano radunati su WeChat, un’applicazione di messaggistica cinese, si erano radunati per collegare gli africani a proprietari e hotel che avrebbero ancora accettato gli stranieri. Altri sono stati arrestati dalle autorità locali e messi in quarantena in hotel assegnati dal governo, secondo gli africani e i volontari che hanno parlato alla CNN.

“Loro (le autorità) semplicemente non li vogliono per strada”, ha detto un volontario, che ha chiesto di non essere nominato per paura delle rappresaglie del governo.

Shen Shiwei, un membro non residente presso l’Istituto per gli studi africani presso la Zhejiang Normal University, ha affermato che le relazioni interpersonali sono un pilastro delle relazioni della Cina con l’Africa e dovrebbero essere protette.

Shen ha invitato le autorità cinesi a migliorare la comunicazione con la diaspora africana a Guangzhou, suggerendo segni in inglese e nelle lingue locali per aiutare a spiegare le decisioni della polizia. “Penso che ci siano due lati per ogni storia”, ha detto.

READ  Covid-19 provoca il caos nella comunità blues

Hannah Ryder, un’anglo-keniota che ha lavorato per le Nazioni Unite in Cina ed è ora CEO di una società keniota a Pechino, ha affermato che questi tipi di incidenti possono avere un impatto enorme sul modo in cui gli africani percepiscono la Cina. “Se non curati adeguatamente, possono avere conseguenze molto maggiori rispetto alle persone che dormono per strada. Possono avere ripercussioni sulle relazioni internazionali, sul commercio e persino sulla diplomazia”, ​​ha affermato Ryder.

“Dato che la Cina è stata la prima a occuparsi e riprendersi da Covid-19, il mondo può imparare molto dall’esperienza cinese”, ha detto.

“Spero che in termini di xenofobia legata al virus, la Cina possa mostrare il modo di combatterlo ed essere un esempio che il mondo può seguire”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_africa/~3/TmYii-xC0ng/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *