Perché dovresti pensarci due volte prima di ritardare i pagamenti del mutuo

Tolleranza, un accordo con la vostra società ipotecaria che consente di ridurre o ritardare i pagamenti per un determinato periodo, è un possibile rimedio per i proprietari di case che non possono coprire i costi a causa del Pandemia di coronavirus. Nelle ultime settimane, molti amici di Allen hanno perso il lavoro, hanno visto diminuire il proprio reddito o non sono riusciti a farlo fare l’affitto e lo sono ora faticando a pagare la loro ipoteca.

“Tutti quelli che conosco passano di lì”, ha detto Allen, che vive in South New Jersey ed è un marketer indipendente che collega le imprese di costruzione con posti di lavoro.

Ha ancora del lavoro da fare, ma il suo reddito ha calato in modo significativo. Come molti dei suoi amici, ha contattato la sua società di mutui per ritardare i pagamenti.
La legge sugli aiuti, gli aiuti e la sicurezza economica recentemente adottata per il Coronavirus, o Atto CARES, consente ai proprietari di case colpiti con prestiti garantiti a livello federale di ritardare il pagamento del loro mutuo e ottenere una pausa sull’accumulo di interessi fino a un anno.

Ma ottenere sollievo ora potrebbe tornare a perseguitarti più tardi. La tua banca sta ancora aspettando il pagamento ad un certo punto e potrebbe anche richiedere una somma forfettaria alla fine della pausa.

“Questa è l’impostazione predefinita”, ha dichiarato Andrea Bopp Stark, avvocato specializzato in alloggi presso il National Consumer Law Center. “Alcuni agenti e istituti di credito costringeranno i mutuatari a pagare per intero alla fine del periodo di tolleranza. Ma se i mutuatari non possono pagare un mese ora, è difficile vedere come potrebbero pagare l’equivalente di quattro mesi del loro i pagamenti dei mutui contemporaneamente più tardi. “

READ  L'Italia che investe (e ricomincia). Quindi consumi, mobilità e finanza cambieranno

Che cos’è la tolleranza ipotecaria?

I mutuatari dovrebbero tenere a mente: il perdono dei mutui non è un perdono dei mutui.

Un accordo di tolleranza consente a un mutuatario di sospendere o ridurre i pagamenti per un periodo di tempo senza che il prestatore inizi il processo di preclusione. In cambio, il mutuatario si impegna a riprendere i pagamenti quando il tempo è scaduto e a pagare l’importo aggiuntivo differito, inclusi capitale e interessi, per rendere il conto in regola.

“L’accordo di tolleranza rinvia il pagamento solo a una data successiva”, ha detto Stark. “È il prestatore che dice: ti garantiamo un soggiorno temporaneo e alla fine ci paghi.”

Il modo in cui il denaro differito viene rimborsato alla fine può fare la differenza.

Le società ipotecarie possono richiedere ai proprietari di case di pagare la parte differita in un unico pagamento. Ma in alcuni casi, è possibile negoziare con il proprio agente ipotecario per pagare un extra ogni mese fino a quando l’importo differito viene pagato o aggiungere i pagamenti sospesi alla fine del prestito. Un’altra opzione è quella di richiedere una modifica del prestito, in cui la società di prestito potrebbe aggiungere l’importo differito al saldo, aumentare la durata del prestito o ridurre il tasso di interesse.

Una volta superati i lunghi tempi di attesa al telefono o le confuse app Web, ottenere la pazienza è abbastanza facile, ha affermato Stark. Ciò che viene dopo è più difficile: pagare pagamenti sospesi.

Alcune opzioni, come un piano di rimborso a breve termine, possono essere protette telefonicamente con l’approvazione immediata del riparatore. Per soluzioni a più lungo termine, come una modifica del prestito, è necessario presentare una richiesta formale.

READ  Airbnb farà in modo che alcuni proprietari aspettino 24 ore tra gli ospiti

Se paghi direttamente le tasse, le assicurazioni o le spese condominiali, queste spese non sono incluse nella tolleranza. Continuare a pagarli o prendere altri accordi di pagamento.

Ne vale la pena il sollievo?

Quando Allen parlò alla sua compagnia di mutui sulla tolleranza, fu confortato per la prima volta dall’offerta di un blocco di tre mesi sui pagamenti.

“Ma poi tutto sarà dovuto dopo il periodo di 90 giorni”, ha detto. “Tratterò questo conto come somma forfettaria.”

Sebbene la sua società di mutui gli abbia detto che poteva rivedere un piano di pagamento o richiedere una modifica del prestito alla fine del blocco, riteneva che il rischio fosse troppo grande. Decise di non stipulare un accordo di tolleranza.

“Non sono pronto a bloccare i pagamenti solo per essere colpito alla testa con loro tutti in una volta in 90 giorni”, ha detto. “Non dire,” lo ritarderemo “,” poi, oh, a proposito, ci devi migliaia di dollari. ” Non serve a niente “.

Prestatore auto Allen offerto di differire il pagamento sui suoi tre prestiti auto per 60 giorni, e ha accettato di fissare l’importo differito alla fine del prestito.

“Non ho un pagamento in auto fino al 9 giugno e so che sarà un pagamento regolare”, ha detto.

Allen ha detto che avrebbe utilizzato gli sgravi per il pagamento dell’auto per coprire i pagamenti dei mutui.

“Sono fortunato a poter fare questa scelta”, ha detto. “So che gli altri non possono.”

Richiesta di astensione

Se non riesci a pagare i pagamenti del tuo mutuo, il primo passo per stipulare un accordo di tolleranza è contattare il tuo servizio di mutuo, la società che paghi ogni mese. Non puoi semplicemente smettere di pagare senza un accordo in atto.

READ  Birx ha affermato che le proteste nel Michigan sono state `` preoccupanti ''

Quando si richiede la tolleranza, determinare se durante il periodo di tolleranza matureranno interessi e interessi in ritardo. Se la tua tolleranza è ai sensi della legge CARES su un’ipoteca garantita a livello federale, non possono maturare commissioni e interessi aggiuntivi.

Quindi scopri le opzioni di rimborso, ha affermato Stark.

Se il tuo riparatore sta proponendo una modifica del prestito, tieni presente che questo può essere un processo complicato e ad alta intensità di lavoro per presentare la prova del reddito, i dettagli delle prestazioni che ricevi, gli estratti conto bancari e le informazioni fiscali. .

Stark raccomanda di contattare l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano consulente immobiliare certificato o guardando gruppi di assistenza legale locali.

“Devi chiedere aiuto e devi pianificare queste opzioni di pagamento”, ha detto. “Se pensi di averne bisogno, dovresti iniziare a cercarlo ora.”

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_us/~3/6woEK2p_StE/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *