Perché le piccole decisioni sembrano difficili come quelle grandi in questo momento di crisi

In un mondo scosso dalla pandemia di coronavirus, le decisioni banali possono sembrare difficili quanto le decisioni esistenziali. Il vero problema non è qualcosa di così piccolo come scegliere un pasto, ma capire come, quando vengono prese così tante decisioni, possiamo sentirci paralizzati di fronte a quelli che dobbiamo ancora prendere. Il tuo cervello non distingue più tra decisioni consecutive e banali. Il confine tra loro è offuscato dall’incertezza.

Nel mio lavoro di neuroscienziato, cerco di far luce su ciò che accade nel nostro cervello quando stiamo deliberando. Progettiamo esperimenti di laboratorio che sfidano il processo decisionale e testiamo come il cervello risponde a queste sfide. E mentre la nostra ricerca non può dirti quale decisione prendere, aiuta a rivelare perché è così difficile per molti di noi prendere una decisione – grande o piccola – proprio ora.

La risposta sta nel modo in cui i nostri cervelli usano la memoria. Di fronte a una decisione, il nostro cervello stima i possibili risultati per aiutarci a fare la scelta migliore. Questa stima si basa sull’esperienza passata. È facile decidere quale caffè ordinare dal nostro caffè preferito come l’abbiamo ordinato più volte in precedenza. Prendiamo molte delle nostre altre decisioni quotidiane sulla stessa base. Il cervello impara per esperienza cosa funziona meglio.
Fuoco fauci? Che disastro sarebbe per Trump e gli Stati Uniti

Quindi, cosa succede quando ti trovi di fronte a decisioni in un contesto molto diverso da qualsiasi cosa tu abbia mai sperimentato? La memoria gioca un ruolo quando tutto cambia e tutto è incerto – quando non hai un modello chiaro di scelte passate per l’apprendimento?

Sì. In effetti, la memoria è particolarmente importante per prendere decisioni di fronte a una grande incertezza. Questo è fondamentale per la nostra sopravvivenza e la nostra prosperità. In effetti, la memoria non è solo un record del passato, è anche il fondamento di la nostra abilità immaginare il futuro.

La parte del cervello necessaria per creare ricordi è l’ippocampo, una struttura dell’ippocampo situata proprio dietro le nostre orecchie. Le persone con i cavallucci marini non sono in grado di creare nuovi ricordi. Né possono immaginare chiaramente cosa potrebbe accadere loro in futuro. E poiché non riescono a immaginare il futuro, trovano anche difficile prendere semplici decisioni nel presente.

In a studio recente, abbiamo esaminato il cervello delle persone mentre facevano scelte minori tra due snack, soppesando patatine contro pretzel o Kit Kat contro M&M. Più persone pensavano, più attivavano l’ippocampo. Le persone con ippocampo hanno impiegato più del doppio del tempo per prendere queste decisioni apparentemente semplici.

Questo profondo legame anatomico tra la formazione dei ricordi e l’immaginazione del futuro indica che il cervello non rispetta i limiti del tempo. Senza ancorarsi al passato, fa fatica a costruire ponti verso il futuro.

Ore prima della sua morte per Covid-19, un capitano della polizia di Detroit voleva tornare al lavoro

La memoria non è solo una registrazione di qualcosa che è successo. È un dispositivo creativo e che trascende il tempo che ci aiuta a generare versioni plausibili del futuro. Potresti non saperlo a livello cosciente, ma è così che i nostri cervelli elaborano regolarmente decisioni semplici e complesse.

READ  Welsh Raider Potters Corner vince il Grand Virtual National

Se il tuo cervello si affida alla memoria per prendere decisioni, dovresti essere preoccupato di volare alla cieca, il tuo cervello cerca invano di prevedere un futuro imprevedibile? O il tuo sforzo è un segno che il tuo cervello è sulla buona strada, anche se la fatica mentale può causare un mal di testa temporaneo o due?

La risposta è entrambe. Senza accesso a prove affidabili del passato, il tuo cervello usa ciò che può pianificare per il futuro. Non è solo un’ipotesi. In situazioni di grande incertezza, il cervello si rivolge alle informazioni più facilmente accessibili, per quanto errate possano essere. Ma se capisci il potere della memoria nel prendere le tue decisioni, puoi esercitare un certo controllo su di essa. Puoi rallentare e assicurarti di utilizzare i ricordi più rilevanti per il futuro che desideri.

Ad esempio, i newyorkesi che hanno risposto alla pandemia di coronavirus possono ricordare la paura che abbiamo provato dopo gli attacchi dell’11 settembre. Tuttavia, quando ricordi l’oscurità dell’11 settembre, ricordi anche l’incredibile solidarietà; l’erogazione di supporto che ha mantenuto intatte le comunità. Potresti ricordare come le nostre peggiori paure di ciò che potrebbe accadere non si siano avverate.

Un tale ricordo può aiutarti a decidere che non hai davvero bisogno di rischiare un viaggio al supermercato; che è molto più importante dedicare i vostri sforzi e pensieri ad aiutare i nostri vicini, amici e familiari più vulnerabili.

Inoltre, il senso di sforzo che accompagna le decisioni non è di per sé un problema. L’esercizio fisico è solo un segno del fatto che il tuo cervello sta facendo il suo lavoro, cercando di raccogliere quante più informazioni possibili per aiutarti a fare delle buone scelte per la tua sopravvivenza. In tempi come questi – quando il divario tra la vita prima e dopo il nuovo coronavirus sembra così ampio – le prove che raccogli sono naturalmente incerte, quindi il tuo cervello continua a cercare di più.

READ  I bambini spagnoli godono del loro primo assaggio di libertà dopo aver trascorso sei settimane al chiuso

Improvvisamente, ogni decisione comporta l’esame di una nuova serie di fattori e dimensioni che sembrano essere in costante cambiamento. Questa ricerca di informazioni avviene inconsciamente, ma è laboriosa e richiede tempo – prestando alla sensazione sfrenata che tutti abbiamo sperimentato nelle ultime settimane.

Milioni di anni di evoluzione hanno dato al tuo cervello la capacità di prendere decisioni quando le cose sono incerte. In effetti, è così che il tuo cervello prende costantemente decisioni. Può essere fonte di confusione riconoscere la parte del futuro nelle tue decisioni. Ma anche di fronte a una realtà molto diversa da qualsiasi cosa abbiamo conosciuto prima, il cavalluccio marino può essere all’altezza dell’occasione, unendo il passato al futuro.

Ci vuole tempo e fatica, ma aiuta a sapere che il tuo cervello ha molta esperienza in questo settore.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/cIQmIiE0h20/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *