Peste bubbonica: la Cina chiude il villaggio dopo la morte nella Mongolia interna
La morte è stata segnalata domenica ai funzionari sanitari nella città di Baotou e giovedì la vittima è stata confermata essere un paziente di peste bubbonica, ha detto in una dichiarazione la Commissione sanitaria municipale di Baotou. dichiarazione sul suo sito web.

Il paziente è morto per un guasto del sistema circolatorio, afferma il comunicato. Non ha menzionato come il paziente abbia avuto la peste.

Per frenare la diffusione della malattia, le autorità hanno isolato il villaggio di Suji Xincun, dove viveva il paziente deceduto, e hanno ordinato la disinfezione quotidiana delle case. Finora tutti gli abitanti del villaggio sono risultati negativi alla malattia, afferma il comunicato.

Nove contatti stretti e 26 contatti secondari del paziente sono stati messi in quarantena e risultati negativi, ha detto la commissione.

Damao Banner, il distretto in cui si trova il villaggio, è stato messo in allerta di livello 3 per la prevenzione della peste, il secondo più basso in un sistema a quattro livelli, fino alla fine dell’anno.

Questo è il secondo caso – e il primo decesso – di peste bubbonica che la Cina ha confermato quest’anno. Il caso precedente era stato scoperto a luglio a Bayannur, un’altra città della Mongolia Interna, portando all’emissione di un altro allarme di livello 3 e alla chiusura di diversi siti turistici.

La peste, causata da batteri e trasmessa da morsi di pulci e animali infetti, uccise circa 50 milioni di persone in Europa durante la pandemia della peste nera nel Medioevo.

La peste bubbonica, che è una delle tre forme di peste, provoca linfonodi dolorosi e gonfi, nonché febbre, brividi e tosse.

READ  +215 in 24 ore. Mai così tanto in un giorno. Passata Lombardia

L’avvento degli antibiotici, che possono curare la maggior parte delle infezioni se presi abbastanza presto, ha contribuito a contenere i focolai di peste, prevenendo il tipo di diffusione rapida osservata in Europa durante il Medioevo.

Ma non l’ha completamente eliminato – ed è tornato di recente, portando l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a classificarlo come una malattia riemergente.

Ricorrenza comune

Ogni anno da 1.000 a 2.000 persone contraggono la peste, secondo l’OMS. Ma questo totale è probabilmente una stima troppo piccola, in quanto non tiene conto dei casi non segnalati.

Secondo i dati del 2016, la possibilità di peste esiste in quasi tutti i continenti, in particolare negli Stati Uniti occidentali, parti del Brasile, aree sparse nell’Africa sud-orientale e vaste aree della Cina, India e Medio Oriente.

Negli Stati Uniti, ci sono state alcune o poche decine di casi di peste ogni anno, secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Nel 2015 due persone in Colorado sono morte a causa della peste e l’anno prima sono stati segnalati otto casi nello stato.
Perché la peste bubbonica è ancora presente?

In Cina, 31 casi di peste sono stati segnalati tra il 2009 e il 2019, di cui 12 decessi, secondo i dati diffusi dalla National Health Commission.

Le autorità di Baotou giovedì hanno avvertito del rischio di “un’epidemia di peste umana che si diffonde nella città” e hanno esortato il pubblico a prendere ulteriori precauzioni e consultare immediatamente un medico se mostrano sintomi di febbre o tosse.

Hanno inoltre esortato le persone a ridurre il contatto con la fauna selvatica durante i viaggi e ad evitare di cacciare, scuoiare o mangiare animali che potrebbero causare infezioni.

Il mese scorso, due casi di peste bubbonica sono stati confermati in Mongolia – fratelli che avevano entrambi mangiato carne di marmotta, secondo l’agenzia di stampa statale cinese Xinhua. Nel maggio 2019, un’altra coppia in Mongolia è morta di peste dopo aver mangiato il rene crudo di una marmotta, considerato un rimedio popolare per una buona salute.

READ  Due giocatori della NFL volevano presumibilmente rubare i festaioli sotto tiro

Marmotte, un tipo di grande scoiattolo di terra mangiato in alcune parti della Cina e nella vicina Mongolia, che storicamente hanno causato epidemie di peste nella regione.

Si ritiene che la marmotta abbia causato l’epidemia di peste polmonare del 1911, che uccise circa 63.000 persone nel nord-est della Cina. È stato cacciato per la sua pelliccia, che ha guadagnato popolarità tra i commercianti internazionali. I prodotti di pelliccia malati sono stati commercializzati e trasportati in tutto il paese, infettando migliaia di persone lungo la strada.

source–>https://www.cnn.com/2020/08/07/asia/china-mongolia-bubonic-plague-death-intl-hnk-scli-scn/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *