Più della metà delle donne in gravidanza negli ospedali del Regno Unito con Covid-19 sono minoranze, secondo uno studio

I ricercatori guidati dal Dipartimento della salute della popolazione di Nuffield presso l’Università di Oxford hanno avvertito che sebbene la trasmissione del virus ai neonati sia rara e la maggior parte delle donne abbia “buoni risultati”, l’elevata percentuale di donne infette da esso “Origine nera o appartenenza a minoranze” richiede un’indagine e una spiegazione urgenti “.

L’ultimo studio si basa sui dati del sistema di sorveglianza ostetrica del Regno Unito, un sistema nazionale creato per studiare una serie di rari disturbi della gravidanza.

I ricercatori hanno affermato che delle 427 donne in gravidanza ricoverate in ospedale con Covid-19 tra il 1 ° marzo e il 14 aprile, più della metà apparteneva a gruppi minoritari, tra cui il 25% di asiatici e il 22% di neri.

La maggior parte delle donne era alla fine del secondo o terzo trimestre, il 70% era in sovrappeso o obeso, il 40% aveva 35 anni o più e un terzo aveva condizioni preesistenti, hanno detto i ricercatori..

Lo studio ha osservato che sebbene i dati pubblicati sulla velocità, la trasmissione e gli effetti dell’infezione da coronavirus durante la gravidanza siano limitati, alcuni dati suggeriscono che le donne in gravidanza e i loro bambini aumento del rischio di malattie gravi E i morti.
però, uno studio di aprile pubblicato sull’American Journal of Obstetrics & Gynecolocy ha rivelato che la maggior parte delle donne in gravidanza con diagnosi di coronavirus non soffre di una malattia più grave della popolazione generale.
La pandemia di coronavirus colpisce americani neri e marroni particolarmente duri su tutti i fronti

Dodici bambini nati da madri nello studio sono risultati positivi per il coronavirus, sei dei quali entro le prime 12 ore di vita.

Il segretario alla salute britannico Matt Hancock ha avvertito che essere neri o appartenenti a una minoranza etnica era un “importante” fattore di rischio Covid-19.

READ  Il presidente bielorusso ha chiamato la "psicosi" di Covid-19, ora afferma di averlo avuto

In un discorso al Parlamento della scorsa settimana, Hancock ha affermato che “c’è ancora molto lavoro da fare per comprendere i principali fattori trainanti di queste disparità, le relazioni tra i diversi fattori di rischio e ciò che possiamo fare per colmare il divario”. ‘differenza”.

L’analisi di Public Health England ha rilevato che il legame tra etnia e salute era “complesso e probabilmente il risultato di una combinazione di fattori”.

“Innanzitutto, le persone di BAME [black and minority ethnic] è probabile che le comunità siano a maggior rischio di contrarre l’infezione “, ha affermato il governo, rilevando che le minoranze hanno maggiori probabilità di vivere nelle aree urbane, nelle famiglie sovraffollate, nelle aree svantaggiate e di avere lavori che li mettono a rischio più elevato.

“Le persone nei gruppi BAME hanno anche maggiori probabilità di nascere all’estero rispetto alle persone di origine britannica bianca, il che significa che potrebbero dover affrontare ulteriori ostacoli nell’accesso ai servizi creati, ad esempio, da differenze culturali e linguistiche “, ha aggiunto.

È probabile che i gruppi “abbiano anche un aumentato rischio di scarsi risultati dopo aver contratto l’infezione”, secondo il rapporto dell’agenzia.

L’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha anche avvertito che Covid-19 aveva esposto disuguaglianze nella società e ha avuto un impatto sproporzionato sulle minoranze razziali ed etniche, comprese le persone di origine africana.

Zamira Rahim della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *