Più di due dozzine di banchieri nordcoreani accusati di riciclaggio di denaro per 2,5 miliardi di dollari

Ventotto cittadini nordcoreani affrontano una moltitudine di accuse relative a frode bancaria, riciclaggio di denaro e impresa criminale, in quello che sembra essere il primo caso avviato contro membri del sistema finanziario nordcoreano.

L’accusa di 50 pagine, che è stata firmata a febbraio e annullata giovedì mattina a Washington, presso il Tribunale federale, descrive in dettaglio una rete di società di comodo e “filiali” sponsorizzate dallo stato di una banca sponsorizzata dallo stato in paesi stranieri, compresa la Cina. e la Russia per aiutare a eludere le restrizioni internazionali sulla capacità del regime di spendere a livello globale. Anche cinque cittadini cinesi sono stati accusati.

Si dice che il programma, che risale al 2013, sia stato costruito nel mezzo di diversi anni di sanzioni crescenti imposte dagli Stati Uniti e da altre potenze mondiali alla Corea del Nord, che miravano a scoraggiare le armi in crescita del paese e paralizzare la loro economia. La banca al centro delle accuse del Ministero della Giustizia, la State Trade Trade Bank della Repubblica popolare democratica di Corea, è la principale istituzione finanziaria del paese e, nel 2013, è stata designata come entità bloccata dal dipartimento dal Ministero del Tesoro americano.

L’accusa afferma che la banca con sede a Pyongyang ha inviato imputati in paesi come Russia, Cina, Tailandia, Libia, Austria e Kuwait, dove hanno preso residenza e sfruttato le notizie filiali segrete, oltre a oltre 250 società di shell.

Da lì, hanno affermato i pubblici ministeri, hanno lavorato con “facilitatori finanziari di terze parti per acquistare prodotti e facilitare pagamenti in dollari statunitensi per conto delle parti in Corea del Nord”.

“L’accusato e altri complici hanno nascosto le implicazioni (della Foreign Trade Bank) nei pagamenti in dollari americani delle banche corrispondenti al fine di ingannare le banche in modo che elaborino pagamenti che le banche non avrebbero effettuato altrimenti” , indica l’accusa.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *