Premier Leaguue: riavviare il calcio è una battaglia “soldi per la salute”, afferma l’ex medico del club

La decisione è stata accolta con entusiasmo dai fan di tutto il mondo, ma per molti c’è un senso di apprensione.

Il numero totale di decessi per coronavirus nel Regno Unito è ora di 37.919, ma si dice che il vero bilancio delle vittime sia molto più alto.

Poco prima della conferma della ripresa della stagione della Premier League, Patrick Vallance, capo consigliere scientifico del governo britannico, durante il briefing quotidiano sul coronavirus ha dichiarato che il numero di nuovi casi è di circa 8.000 al giorno.

“Non è un piccolo numero”, ha detto Vallance.

Numerosi giocatori di spicco, tra cui Troy Deeney, Sergio Aguero e N’Golo Kante, hanno tutti espresso la paura di tornare in azione quando c’è ancora tanta incertezza e tanta parte del virus che rimane sconosciuto .

Dr. Ralph Rogers, che ha lavorato in Premier League, ha detto a CNN Sport che questi giocatori erano preoccupanti.

“Posso immaginare che come giocatore sarei molto riluttante a tornare”, afferma il dottor Rogers. “Soprattutto perché c’è così tanto in questo coronavirus [we don’t know] e la gente muore. Lo capisco perfettamente.

“Quello che sappiamo di questo virus è che dovremmo essere a distanza sociale. Non puoi nemmeno entrare in Waitrose [supermarket] senza essere a sei piedi di distanza, quindi a meno che non cambino le regole del calcio, potrebbe essere un po ‘prematuro “, ha aggiunto il dott. Rogers.

“Il virus è cieco, attaccherà chiunque”.

Nonostante il numero delle vittime ancora in aumento – nuovi dati mostrano che il Regno Unito ha il secondo più alto tasso di mortalità per milione nel mondo – La Premier League, dato il via libera secondo le direttive del governo, continua ad andare avanti con i piani per rilanciare temporaneamente la stagione il prossimo mese.

Ma il ritorno della lega è in linea con una riapertura graduale per il resto dell’economia britannica; Il primo ministro Boris Johnson ha annunciato all’inizio di questa settimana che tutti i negozi non essenziali riapriranno da metà giugno.

Il dottor Rogers afferma che si tratta di “soldi per la salute” – e al momento sembra che i soldi stiano vincendo.

“È più grande del calcio”, afferma il Dr. Rogers. “Dobbiamo seguire il virus. Ecco di cosa si tratta. Il virus ci detterà ciò che facciamo nella società e, a meno che non cambino le regole del calcio, non affrontino, non conducano la palla insieme … è un contatto tra lo sport e le persone sono molto vicine tra loro.

“Quindi c’è una grande possibilità, una grande opportunità per questo virus di diffondersi attraverso il calcio e senza la quantità di denaro nel calcio, non so se avremmo questa conversazione, che è, penso, davvero il problema di fondo.

“Vogliamo tutti il ​​calcio perché è così interessante per la società. È divertente, è quel piccolo strato nel nostro stile di vita, è intrattenimento. Ma a quale costo?”

La Premier League non è stata immediatamente disponibile per un commento quando contattata dalla CNN.

Poco più di una settimana fa, Deeney ha stimato che “dal 65% al ​​75%” dei giocatori era preoccupato per l’allenamento dei contatti in futuro e che il numero era “ancora più alto” per coloro che pensavano che la stagione non riprenderà.

Il capitano di Watford ha scelto pubblicamente di non tornare alla prima fase di addestramento, una decisione per la quale è stato maltrattato – “Spero che tuo figlio ottenga il coronavirus”, ha detto una persona – ma tornerà per la seconda fase.

Deeney afferma che migliorare la comunicazione con la Premier League è stato un fattore, ma ha aggiunto che c’è anche un elemento di dimissioni secondo cui i giocatori non possono più impedire il riavvio della lega.

“Sono sinceramente convinto che molti giocatori siano giunti alla conclusione che ciò sta accadendo”, ha detto alla CNN. “C’è [a sense of]: “Non possiamo fermarlo.”

“Alla fine, tutti sanno che sta succedendo, la stagione sta per finire e tu controlli i controllabili, che è quello che dovevamo fare.”

Paure per i giocatori di BAME

I dati ufficiali dell’Ufficio per le statistiche nazionali (ONS) pubblicati all’inizio di maggio mostrano che i neri in Inghilterra e Galles sono più di quattro volte più probabilità di morire di coronavirus rispetto ai bianchi.

Anche eliminando i fattori socio-economici, le statistiche hanno dimostrato che hanno ancora quasi il doppio delle probabilità di morire per Covid-19. I motivi per cui rimangono poco chiari.

Quando fu annunciato per la prima volta che i club della Premier League sarebbero tornati ad allenarsi, Deeney era uno dei numerosi giocatori di Black, Asian ed Ethnic Minority (BAME) che esprimevano preoccupazione per queste statistiche , che ha portato la Professional Footballers ‘Association (PFA) a chiedere alla Premier League di fare ulteriori ricerche sui numeri.

“È positivo riconoscere che esiste un rischio maggiore nei gruppi BAME”, ha dichiarato il dott. Mark Gillett, capo consigliere medico della Premier League, in un recente briefing.

“Per mitigare questo, il rischio tra i giovani atleti in forma è ancora molto, molto basso e penso che sia un fattore importante. Torno al fatto che stiamo cercando di creare l’ambiente di lavoro più sicuro possibile per questi persone.

“Sono contento di aver mitigato tutti i rischi che possiamo comprendere a questo punto e quando saranno disponibili ulteriori informazioni faremo ovviamente tutto il possibile per mitigare questo. Sicuramente ci evolveremo con più “le informazioni diventano disponibili.”

Deeney elogia anche il modo in cui la Premier League ha gestito le sue preoccupazioni da quando ha parlato per la prima volta.

Il capitano Watford afferma di aver avuto “quattro o cinque” incontri con la lega e ha anche parlato con il professor Jonathan Van-Tam, vice capo ufficiale medico del governo britannico, che ha alleviato alcune delle sue paure.

Deeney afferma di essere consapevole che come calciatore professionista, anche di BAME, il rischio di soffrire di gravi problemi di salute a causa di Covid-19 è molto basso.

Tuttavia, è il rischio di trasmetterlo ad amici e parenti che lo preoccupa di più; Deeney ha un figlio di cinque mesi che è nato prematuro e ha difficoltà a respirare.

“Quando parlo di giocatori neri, non sono necessariamente io, è se torniamo da mamme e papà”, ha detto. “Abbiamo un giocatore nella nostra squadra che vive con i suoi genitori e i nonni vivono con lui, e lo è [minority] etnia.

“Quindi non solo è a rischio, ma quando arriva a casa, mette sicuramente le persone nella categoria ad alto rischio [in danger]. “

Dopo aver parlato a lungo con la Premier League e Van-Tam, Deeney afferma che alcuni dei maggiori impatti sulla salute di Covid-19 sono dovuti a comportamenti culturali di fronte alla malattia.

“I neri non vanno tanto dal dottore”, spiega. “Aspetteremo fino all’ultimo minuto, stiamo riscontrando sintomi ma non necessariamente andiamo direttamente dal medico, cercheremo di essere pazienti.

“Anche economicamente, a seconda di dove vieni e in quali regioni vivi, tutto ciò può colpirti, ma alla fine diranno ai calciatori che non rientriamo in queste categorie.

“Ma è anche il più grande quadro delle nostre famiglie ed è più importante per me di alcune note di un libro nella nostra tasca posteriore.”

Il costo del coronavirus

Pandemic potrebbe finire per costare al Regno Unito fino a £ 298 miliardi [$368B] per l’anno in corso, secondo l’Ufficio della responsabilità di bilancio.

Nonostante i suoi stipendi da milioni di dollari, le commissioni di trasferimento e le transazioni di trasmissione di miliardi di dollari, l’industria del calcio ha anche fortemente risentito dell’impatto finanziario del coronavirus.

A riunione delle parti interessate all’inizio di questo mesei migliori club di volo in Europa hanno stimato che potrebbero perdere fino a £ 6,2 miliardi [$7.7B] se la stagione corrente non può essere completata.

Il dottor Rogers afferma di aver parlato in privato con altri operatori sanitari e la maggior parte concorda sul fatto che il calcio stia cercando disperatamente di riavviare la campagna in corso.

“Le stesse cose che dico riguardano i soldi”, dice. “Non voglio dirlo così chiaramente, ma la gente vuole che questa cosa sia aperta, sai, è un business. I miei colleghi, i ragazzi che conosco in medicina dello sport, in pratica dicono che dobbiamo prenderci cura della salute dei giocatori.

“Uno dei lavori che svolgo è nelle cure di emergenza e ricordo le prime settimane in cui ho lavorato, ero spaventato, non avevo paura di dire che ero spaventato. non posso dire che ho meno paura ma sto provando a metterlo nella mia mente ora e continuare il mio lavoro ma è serio

“È un virus molto grave e le persone che non si trovano in campo medico hanno sicuramente paura. È il calcio, è un gioco. Mi rendo conto che è un business ma alla fine , è un gioco e ci sono molte altre cose importanti rispetto al calcio: odio dirlo anche se sono un appassionato di calcio, ma qui la gente muore “.

Uno studio indipendente pubblicato l’anno scorso da Ernst and Young ha rivelato che la Premier League e i suoi club hanno contribuito con 3,3 miliardi di sterline [$4B] in tasse e aggiunto £ 7,6 [$9.3B] miliardi al prodotto interno lordo del Regno Unito nella sola stagione 2016/17.

Quasi 100.000 posti di lavoro nel Regno Unito sono supportati dalla Lega e quasi tutti avranno risentito dell’impatto economico della pandemia, ma non sono stati i giocatori o gli allenatori ben pagati a risentirne maggiormente.

“Pensa ai ragazzi che puliscono le tribune, pensa alle persone che vendono hot dog, c’è proprio una rete sul perché il calcio è così importante in questa economia e inizi a vedere quanto sia importante. è importante “, ha detto Rogers.

“È un business, quindi vogliono ricominciare, ma di nuovo capisco perfettamente le preoccupazioni dei giocatori. Ci saranno opportunità per le persone di sfidarsi l’una contro l’altra per uno stretto contatto e c’è possibilità per le persone di trasmettere questo virus “.

Nonostante le persistenti preoccupazioni per la sicurezza dei giocatori, la Premier League tornerà il 17 giugno – e uno sguardo alla Bundesliga tedesca, che è ora al suo terzo turno di partite dal suo ritorno, darà speranza che può essere condotto in sicurezza.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *