Prezzi del petrolio: i prezzi del petrolio negli Stati Uniti scendono di quasi $ 4 al barile. Le azioni globali sono miste

I future sul petrolio negli Stati Uniti sono scesi del 78% a $ 4,04 al barile, i loro livelli peggiori da quando il NYMEX ha aperto i future sul petrolio nel 1983. La caduta di lunedì arriva dopo i prezzi hanno toccato un minimo di 18 anni la scorsa settimana poiché i mercati hanno capito che i cali della produzione record concordati da OPEC, Russia e altri produttori non sono sufficienti per compensare il calo della domanda.

“Non ci è voluto molto perché il mercato riconoscesse che l’accordo OPEC +, nella sua forma attuale, non sarà abbastanza per bilanciare i mercati petroliferi”, ha scritto Stephen Innes, capo stratega del mercato globale di AxiCorp, in un nota di ricerca.

Maggio Scade il contratto future sul Texas International May, e il frenetico trading dell’ultimo minuto è Secondo Bjornar Tonhaugen, capo dei mercati petroliferi di Rystad Energy, si accentuano le preoccupazioni sulla quantità di petrolio che gli Stati Uniti saranno in grado di immagazzinare man mano che la domanda si asciugherà. Ha detto che ha portato a queste “grandi oscillazioni dei prezzi”.

I future sul petrolio degli Stati Uniti a giugno sono scesi di oltre il 7% a $ 23,25. Brent, il punto di riferimento globale, è sceso del 3,9% a poco meno di $ 27 al barile.

Nel frattempo, Londra FTSE 100 (UKX) e dalla Germania DAX (DAX) ha aperto leggermente più in alto, ma la Francia CAC 40 (CAC40) era leggermente negativo.
L’apertura tiepida dell’Europa ha seguito una giornata difficile in Asia, dove il Giappone Nikkei 225 (N225) chiuso quasi dell’1,2% in meno, il paese ha dichiarato che le esportazioni sono diminuite drasticamente il mese scorso mentre il coronavirus ha pesato sull’attività economica. Corea del Sud Kospi (KOSPI) ha chiuso in calo dello 0,8% dopo aver lottato per la gestione per gran parte della giornata.
Hong Kong Hang Seng Index (HSI) ha chiuso in calo dello 0,2%, mentre la Cina Shanghai composito (SHCOMP) chiuso 0,5% in più. La Banca popolare cinese ha ridotto il suo anno lunedì Tasso di prestito principale da 20 punti base al 3,85%. Il taglio dei tassi era ampiamente previsto dopo la banca centrale ridurre un altro tasso di polizza la settimana scorsa.
Dow (INDU) I contratti a termine, nel frattempo, sono scesi di 235 punti, pari a circa l’1%. S&P 500 (SPX) i futures sono scesi dello 0,9% e Nasdaq (COMP) i contratti a termine sono diminuiti dello 0,6%.
La scorsa settimana, Wall Street ha registrato la sua seconda settimana di guadagni consecutivi. Gli investitori sembravano ottimisti su un potenziale trattamento per i coronavirus e discussioni sulla riapertura di una parte dell’economia americana. L’aumento è arrivato nonostante un disastroso rapporto sul PIL cinese e la notizia che 22 milioni di americani hanno presentato richieste di disoccupazione iniziali nelle ultime quattro settimane.
La prossima settimana porterà maggiori informazioni su come le grandi aziende statunitensi sono state colpite dalla pandemia di coronavirus, come ad esempio Netflix (NFLX), Delta Airlines (DAL) e Chipotle (CMG) riferire entrate per i primi tre mesi del 2020.
Ma potrebbe anche portare sollievo alle piccole imprese in tutto il paese. Il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha detto a Jake Tapper della CNN che domenica è stato raggiunto un accordo con i leader democratici del Congresso per fornire miliardi di dollari in più alle piccole imprese attraverso il programma di protezione della busta paga.

– Julia Horowitz ha contribuito a questo rapporto.

source–>https://www.cnn.com/2020/04/19/tech/global-stocks/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *