Prezzi del petrolio in calo: gli Stati Uniti affrontano un calo della produzione “senza precedenti”

I future sul greggio americano sono scesi a $ 19,20 al barile – il loro livello più basso da febbraio 2002 – mercoledì a seguito di un rapporto dell’agenzia con sede a Parigi, che ha anche avvertito che il crollo del consumo globale quest’anno a causa della pandemia di coronavirus spazzerebbe via un decennio di crescita.

L’AIE ha dichiarato nel suo rapporto che prezzi bassi e stock traboccanti ridurrebbero drasticamente la produzione di greggio degli Stati Uniti quest’anno, con una produzione prevista per dicembre inferiore di 2 milioni di barili al giorno rispetto a quella dello stesso mese nel 2019.

I principali paesi produttori di petrolio, tra cui Arabia Saudita e Russia, hanno concordato domenica di tagliare la produzione di 9,7 milioni di barili al giorno a maggio e giugno, un accordo incoraggiato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Questi tagli non hanno precedenti in scala, ma non sono ancora abbastanza grandi da contrastare la distruzione della domanda di prodotti energetici causata dalla pandemia. Quest’anno i prezzi del greggio sono diminuiti di circa i due terzi, con paesi che limitano il lavoro, i viaggi e la vita pubblica.

“Non esiste un accordo realizzabile che possa ridurre l’offerta abbastanza da compensare queste perdite della domanda a breve termine”, ha affermato l’AIE, aggiungendo che i tagli alla produzione sono ancora un “inizio solido” che potrebbe eventualmente aiutare per ridurre l’eccesso di offerta.

L’AIE prevede che la domanda globale di aprile scenderà a 29 milioni di barili al giorno da un anno fa, raggiungendo un livello visto l’ultima volta nel 1995. Domanda per l’anno scenderà da un record di 9,3 milioni di barili al giorno.

READ  I negozi vogliono che gli acquirenti indossino le maschere. Ma alcuni clienti si rifiutano

Il calo della domanda arriva quando il mondo non ha posizioni di stoccaggio del petrolio e l’AIE avverte che l’accumulo “minaccia di sopraffare la logistica dell’industria petrolifera – navi, oleodotti e serbatoi di stoccaggio – in arrivo settimane “.

Un impianto di perforazione è visto vicino a Kennedy, in Texas.

Le brutali dinamiche del mercato lasciano le società di scisto che hanno contribuito a rendere gli Stati Uniti il ​​più grande produttore mondiale di petrolio e gas in gravi difficoltà.

Le aziende con i bilanci più deboli dovranno risparmiare denaro abbandonando costosi progetti di perforazione e mettendo in licenza i propri dipendenti. I produttori, che stavano già programmando di tagliare la spesa quest’anno, stanno già riducendo i loro budget.

I trapani indipendenti hanno ridotto le spese fino al 40%, secondo IEA, e le maggiori compagnie petrolifere come Exxon Mobil (XOM), gallone (CLC) e BP (BP) stanno riducendo le loro stime della produzione americana quest’anno. Nelle ultime quattro settimane, i produttori hanno fatto girare al minimo il 26% delle piattaforme petrolifere attive negli Stati Uniti.
Il mondo non ha vissuto una recessione così grave dagli anni Trenta del secolo scorso. La ripresa è tutt'altro che certa

“Considerando che in passato ci sono voluti dai quattro ai cinque mesi affinché i prezzi più bassi incidessero sulle nuove perforazioni e da cinque a sei mesi perché la produzione iniziasse a diminuire, il ritmo con cui l’industria si adegua i tempi sono stati molto più veloci “, afferma IEA. “Sono previsti ulteriori aggiustamenti al ribasso.”

Il calo atteso della produzione significa che decine di migliaia di posti di lavoro ben pagati sono ora a rischio in stati come il Texas e il Nord Dakota. Sono in gioco ancora più posti di lavoro quando sono incluse le raffinerie.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_us/~3/wS4jYgTkKxg/index.html

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGames.IT