Quanta pensione riceve un lavoratore con 25 anni di contributi INPS?

Con i consigli della redazione capiremo l’ammontare della pensione che percepisce un lavoratore con 25 anni di contributo INPS. L’indennità pensionistica per chi ha 25 anni di contribuzione non è elevata. Soprattutto se lo confrontiamo con quanto paga l’INPS al lavoratore che ha una lunga storia di contributi da 40 anni e oltre. Molto spesso si raggiunge l’età pensionabile con pochi anni di contribuzione per la difficoltà di trovare un lavoro con regolare contratto. Per altri, invece, la presenza di lacune contributive nelle carriere professionali è il risultato di frequenti interruzioni e periodi di disoccupazione.

Nell’articolo “Cosa fare se i contributi versati non sono sufficienti per la pensione “ il lettore potrà ricavare informazioni utili. È infatti possibile recuperare alcuni anni di contributi, ad esempio attraverso contributi volontari. Il lavoratore ha così la possibilità di aumentare il peso dell’importo del contributo che è fondamentale per determinare l’importo maggiore o minore della rata mensile. Per avere un’idea dell’importo della pensione che percepisce un lavoratore con 25 anni di contributi INPS è necessario valutare alcuni dati. Possiamo fare previsioni abbastanza accurate sulla base di variabili specifiche come l’età e il salario medio annuo percepito dal lavoratore.

Quanta pensione riceve un lavoratore con 25 anni di contributi INPS?

Per calcolare l’importo mensile della pensione, è necessario tener conto della durata del contributo che il lavoratore acquisisce fino all’età pensionabile. A questo vanno aggiunti gli stipendi medi degli ultimi 5 anni per il quota A e le ultime 10 per la quota B. La quota A si riferisce al pagamento dei contributi entro il 31 dicembre 1992 e quella B all’anzianità contributiva fino a dicembre 2011.

READ  Il nuovo volto del fisco: chi si occuperà del "sanguinamento"

L’importo dell’assegno dovuto corrisponde al 2% dell’importo della pensione per ogni anno di contribuzione. Da ciò si deduce facilmente che il lavoratore che richiede il trattamento previdenziale con 25 anni di contribuzione ha diritto al 50% dello stipendio. In altre parole, chi richiede una pensione con un importo contributivo di soli 25 anni riceverà la metà dell’assegno di vecchiaia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *