Quanto guadagna o perde per mantenere i soldi in un conto corrente? Questi sono tempi di magra per gli investitori obbligazionari. Gli interessi sul conto corrente sono ormai inesistenti. Quelli su obbligazioni statali sono sempre inferiori. La motivazione ora conosce anche le pietre. Massicci interventi di politica monetaria a sostegno delle economie. Ovunque, in tutte le regioni del mondo. Gli aiuti delle banche centrali sono onnipresenti. Tuttavia, ciò significa che i tassi nominali e reali (al netto dell’inflazione) sono prossimi allo zero o negativi.

Esistono alternative al conto corrente? Sì, sono qui. E sono costituiti da conti di deposito. Cos’è un conto deposito? È un conto in cui il denaro viene depositato per un certo periodo di tempo. Da 3 a 18 mesi al massimo, generalmente. Per questo parcheggio, durante il quale non possono essere toccati, la banca paga il cliente. In alcuni casi, anche in anticipo. E, come accennato, c’è una grande differenza tra i rendimenti di molti titoli di stato e quelli di diversi conti di deposito. E fino a 100.000 euro questi conti sono garantiti dal Fondo interbancario di protezione dei depositi. Ma quanto guadagnano?

Quanto guadagna o perde per mantenere i soldi in un conto corrente?

Il confronto con i titoli di Stato è spietato. Il BOT annuale restituisce lo 0,1%. Un conto di deposito annuale è in media dello 0,7%. Sette volte di più. Non male non è vero? La gamma va da conti che guadagnano lo 0,22% all’1,1% netto. Certamente non male. E qual è l’account migliore? Sarebbe naturale rispondere che questo è ciò che rende di più. Ma dipende davvero. Dipende dalle tue esigenze, ovviamente. E le condizioni applicate. Che variano molto da un’istituzione all’altra. E che può riservare anche sorprese positive, come leggerete a breve.

READ  Banche, cosa offrono per il superbonus

Perché anche i conti di deposito hanno soglie di ingresso. In altre parole, le cifre minime. Che possono essere molto diversi l’uno dall’altro. Si va infatti dai 500 euro ai 10.000 euro. Tuttavia, va anche detto che a volte i conti di deposito possono anche essere soggetti a condizioni migliorate. Le condizioni si applicano se lasci i soldi per un periodo più lungo del tempo stabilito. In alcuni casi, questi tassi di miglioramento raggiungono anche l’1%. E di solito si attivano quando è trascorso l’anno di deposito senza mai prelevare i soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *