“Queen of Speed” Valerie Thompson batte record e soffitti di vetro

“Stavano … dipingendo cose sul mio rimorchio, macchiando i miei denti, mettendo del fango sulla mia bici da corsa quando vado o mettendo del fango sulle maniglie della mia porta, come olio o grasso.

Thompson con Treit & amp; Davenport Target 550 Streamliner.

L’inizio

I corridori sono spesso nati in una famiglia di corse, ma Thompson no.

Ha provato le corse su strada, ma ammette di essere “un po ‘fuori controllo” prima di laurearsi in gare di resistenza. Anche allora, solo per supportare i suoi amici come spettatore, la necessità di velocità non ha completamente trattenuto Thompson.

Tuttavia, tutto ciò è cambiato nel momento in cui l’ha provato lei stessa. “Quando l’ho fatto da solo, mi sono davvero innamorato della pista, e non ho mai guardato indietro.”

Il nativo di Washington ha lavorato in una banca per 13 anni prima di avere la possibilità di trasferirsi in Ohio con la sua compagnia o di ricominciare da capo in Arizona – l’opportunità di avventurarsi e iniziare una carriera agonistica era troppo bello per rifiutarlo.

Dopo una partenza lenta, la fortuna di Thompson ha iniziato a cambiare quando ha iniziato a vincere le gare. Tuttavia, data la sua precedente carriera bancaria, il denaro rimane molto nella sua mente.

“Ora sto andando in pensione, spendendo soldi per viaggi e spese (perché) più veloce vuoi andare, più costa”, ha detto “Queen of Speed”. “Ora vivo da stipendio a stipendio.

“Va bene, posso almeno godermi quello che sto facendo perché le persone nella loro vita non sanno nemmeno quale sia la loro passione.”

Abbattere le barriere

Accanto a Thompson, il ritardo Jessi Combs – conosciuta come la “donna più veloce su quattro ruote” – fu una delle poche donne a gare di velocità su terra.

Mentre apriva la strada in uno sport prevalentemente maschile, Thompson sviluppò una “pelle più spessa” mentre cercava di evitare di arricciare troppe piume facendo dimenticare ai ragazzi “che era una donna”.

READ  Siya Kolisi: un eroe del rugby aiuta i cantoni durante il blocco

“Mi sono vestita un po ‘, non aggiungerei il mio lato femminile. Non indosserei le canotte e vorrei esporre le braccia”, ha detto. “Vorrei solo coprire il mio corpo e proteggerlo un po ‘.”

Tuttavia, gradualmente, ha abbracciato la sua femminilità e la sua carriera è fiorita.

“Quando ho iniziato a uscire dalla falegnameria nel 2008, avevo una bici rosa, avevo le pelli rosa e abbagliavo il casco e le scarpe con il sangue”, ricorda.

“E poi ho iniziato a diventare un vero corridore perché ero molto più sicuro di me come donna in uno sport dominato dagli uomini.

“Ha appena portato la mia carriera agonistica a un livello completamente nuovo. Quando ho iniziato a vestirmi come una donna, comportarmi come una donna e mettermi in mostra e mostrare il mio bling, è stato quando il mio mondo ha iniziato a ‘aprire.”

Come una delle poche donne in questo sport, riceve spesso messaggi di supporto dai fan, esprimendo spesso ammirazione per lei. Ma sebbene apprezzi la sua posizione di influenza, non pensa che il sesso del conducente sia importante.

“Quando sei in una macchina, una bicicletta, un’auto o qualsiasi altro tipo di gara, anche in un’auto normale, un’auto, una bicicletta, non sa se sei un uomo o una donna.”

Thompson indossa tacchi alti su una bicicletta.

Nei libri di storia

Con otto record di velocità al suolo, Thompson è ora membro del leggendario Sturgis Biker Hall of Fame, vincendo un ingresso con sette gare da 200 mph e una da 300 mph.

“Parlare” dopo il ritiro è una delle cose che motivano Thompson.

READ  Blue Bell accetta $ 19 milioni di multa per il gelato legato allo scoppio della listeria del 2015

“Per essere nei libri dei registri e parte della storia, voglio dire, non ci sono soldi che possono pagare per questo”, ha detto.

“Non puoi pagare per avere il tuo nome entro 200 miglia all’ora Bonneville club di appartenenza a vita. Sei lì per la vita, non lo lasci.

“I club sono molto prestigiosi. È come la giacca verde Tiger Woods dove puoi indossarla. È una cosa di prestigio. È come vincere un campionato, il tuo nome non viene portato via a meno che non non togliere il campionato “.

Un primo piano di Thompson.

Sebbene abbia inciso il suo nome nel libro discografico australiano nel 2018, non tutto è andato bene come le sarebbe piaciuto.

Pochi giorni prima della sua corsa record, nel tentativo di battere il record di velocità al suolo della moto di 376 mph, Thompson si è schiantata mentre viaggiava a 343 mph – in qualche modo è riuscita miracolosamente partire con solo pochi tagli e contusioni.

Da allora, si è concentrata su tutte e quattro le ruote e sull’opportunità di tornare in Australia – quando è così – dopo averle detto che “non può farlo” da “così tante persone persone “e esibirsi di fronte alla folla è qualcosa che l’ha spinta.

“Non vedo davvero l’ora di … mostrare loro che torno indietro con una vendetta perché (l’ultima volta) mi sono schiantato”, ha detto l’ex banchiere.

“Molte persone sono venute a questo evento solo per guardarci e sono rimaste giorni extra solo per guardarci. Ma purtroppo ci siamo schiantati l’ultimo giorno dell’evento.”

L'interno della cabina di pilotaggio di Thompson.

“I 55 secondi più lunghi della mia vita”

La gara record di Thompson nel BUB 7 Streamliner – ha raggiunto una velocità di 328.467 mph – è oggetto del documentario “Rockets and Titans”, che è in post-produzione.

READ  Il fratellastro di Boris Johnson critica il trattamento del PM in ospedale

“Dall’esterno, tutto sembra molto veloce e molto semplice”, spiega. “Ma (dentro) dentro, quando guardi e hai il primo rango nella storia, l’accelerazione è mostruosa.

“È un’immagine di follia. Sei concentrato, tutto è rumoroso, eccitante, irregolare, calmante e tutto è completamente lento nella mia vista e nel mio corpo. E lo faccio solo per 55 secondi. Ma è i 55 secondi più lunghi della mia vita “.

Nello sport professionistico, c’è poco spazio per l’errore. Nello sport di Thompson in particolare – dove gli atleti spingono anche i limiti tecnologici dei loro veicoli – il margine di errore diventa ancora più piccolo.

Valerie Thompson alle Bonneville Salt Flats.

L’anno scorso, Combs è morto all’età di 39 anni mentre cercava di battere un record di velocità terrestre.

“Devi essere perfetto al 100%, ma a volte ci sono cose che non sono perfette e la vita non è un mondo perfetto”, ha detto Thompson, riflettendo sui pericoli del suo sport.

“Quando ho battuto un record di 328 mph sulla mia bici, circa cinque o sei cose sono andate male. cilindri, non quattro cilindri, era accidentato e non era mai stato irregolare perché funzionava così bene. “

Attualmente, Thompson è il più veloce su due ruote e Late-Combs è il più veloce su quattro ruote.

Ma mentre il suo tentativo di fine marzo doveva essere sospeso, Thompson punta fermamente a fare la storia.

“La mia missione è quella di diventare la donna più veloce del mondo su quattro ruote e la più veloce su due ruote”.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_sport/~3/1qt8zxqSD8E/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *