Questa startup britannica trasforma il caffè in carburante
Starbucks ((SBUX) ha iniziato il suo processo alternative riciclabili tazze usa e getta. Ma il caffè utilizzato è spesso trascurato. La startup britannica Bio-bean ritiene di aver trovato il modo di trasformare questi rifiuti in una risorsa preziosa.
Il mondo beve in giro 2 miliardi di tazze di caffè al giorno, producendo 6 milioni di tonnellate di suolo usato ogni anno, secondo uno studio del 2011. Quando messa in discarica, la terra in decomposizione rilascia gas serra nell’atmosfera, contribuendo al riscaldamento globale.
Il bio-fagiolo, tuttavia, ne trasforma 7000 tonnellate all’anno nei biocarburanti. Nel 2017 ha sviluppato un biocarburante a base di caffè destinato Autobus diesel di Londra, ma non era commercialmente praticabile, quindi la società si è concentrata sui combustibili solidi per uso domestico e industriale.
Questi combustibili rilasciano gas serra quando vengono bruciati, ma se sostituiscono altri combustibili a base di carbonio, Bio-bean ritiene che il processo di riciclaggio riduca le emissioni di 80% rispetto all’invio di terra in discarica.
Il bio-fagiolo ha raccolto più di $ 7 milioni dalla sua creazione nel 2013. Ricicla i terreni raccolti da aziende tra cui Costa Coffee, L’aeroporto di Londra Stansted e l’operatore ferroviario britannico Network Rail.

“Siamo davvero riusciti con la nostra innovazione [because] siamo riusciti a evolvere “, afferma George May, direttore e direttore delle vendite di Bio-bean”. Altri possono riciclare una o 10 tonnellate di caffè. Nel corso della nostra vita abbiamo riciclato oltre 20.000 tonnellate. ”

Il bio-fagiolo è stato colpito dalla crisi di Covid-19, ma le sue operazioni continuano. Sebbene i punti vendita di caffè nel Regno Unito siano temporaneamente chiusi a causa delle restrizioni del coronavirus, Bio-bean afferma che è sempre stato in grado di ottenere modelli da vari partner di riciclaggio, ma a volumi inferiori al normale .

READ  Ancient Egypt's spellbinding mummy portraits

Caffè come combustibile

Nello stabilimento dell’azienda nel Cambridgeshire, i fondi di caffè utilizzati vengono decontaminati per rimuovere bicchieri di carta o sacchetti di plastica, quindi passati attraverso un essiccatore e altri processi di setacciatura. Alla fine vengono trasformati in prodotti come pellet di biomassa e tronchi d’incendio domestici.

L’azienda produce anche un estratto di aromi naturali dai fondi di caffè attraverso un processo separato.

I pellet possono essere utilizzati per alimentare caldaie industriali, riscaldare serre commerciali o grano secco, mentre i ceppi di caffè possono essere utilizzati nelle stufe a legna.

“Il caffè è altamente calorico e si presta ad essere un carburante davvero fantastico”, afferma May. “Bruciano circa il 20% più caldo e il 20% più lungo dei tronchi di legno.”

Una borsa di tronchi di caffè Bio-chicco costa circa £ 7 ($ 8,70) - simile ad altri tronchi di fuoco disponibili nel Regno Unito, afferma il fondatore dell'azienda.

Jenny Jones, professore di energia sostenibile all’Università di Leeds, afferma che i fondi di caffè riciclato hanno un potenziale di combustibile, ma aggiunge che l’economia globale del carbonio deve essere valutata e confrontata con le alternative per il trattamento dei rifiuti di caffè terra, come l’incenerimento, o trasformarlo in pacciame per le piante.

Jones afferma inoltre che i fondi di caffè, come la maggior parte dei residui di biomassa, sono più ricchi di zolfo e azoto rispetto alla maggior parte dei legni, che emettono gas nocivi come l’anidride solforosa e gli ossidi di azoto quando sono bruciati.

Bio-bean nota che i suoi pellet di biomassa commerciali sono certificati da Registro dei carburanti sostenibili, mentre i chicchi di caffè hanno “emissioni di particelle inferiori rispetto alla maggior parte delle perle di legno”.

Nonostante il ritardo nella pandemia di coronavirus, Bio-bean afferma che prevede di espandere le sue operazioni nell’Europa nord-occidentale nei prossimi cinque anni.

READ  Le accuse contro Jacob Blake cadono. 29enne paralizzato non è più ammanettato al letto d'ospedale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *