Questi film non aiutano la conversazione sul razzismo

Con una conversazione nella nostra cultura incentrata sul razzismo sistematico e sul trattamento dei neri dopo la morte di George Floyd mentre era sotto la custodia della polizia di Minneapolis, alcuni stanno rivalutando le rappresentazioni sullo schermo del razzismo a Hollywood.

E dobbiamo dirti che alcuni di loro non hanno invecchiato bene.

Twitter stava ribollendo dopo il film diretto da Tate Taylor e basato sullo stesso romanzo intitolato nel 2009, scritto da Kathryn Stockett, che iniziò a tendere mentre le proteste scoppiavano dopo la morte di Floyd.

C’erano preoccupazioni anche prima che il film fosse distribuito.

In parte perché Taylor è un uomo bianco, a cui è stato commissionato di condurre una storia su una coppia di cameriere oscure, Aibileen Clark (interpretato da Viola Davis) e Minny Jackson (interpretato da Octavia Spencer), che si svolge a Jackson , Mississippi durante il movimento per i diritti civili.

Queste voci sono diventate più forti dopo che il film è uscito nei cinema, poiché molti si sono lamentati del fatto che si concentrava maggiormente sul personaggio bianco di Eugenia “Skeeter” Phelan (interpretato da Emma Stone).

E mentre la sua interpretazione ha meritato l’Oscar come migliore attrice non protagonista per Spencer, da allora la Davis ha detto che si rammarica di aver accettato il ruolo.

“Ho appena sentito che alla fine della giornata non sono state ascoltate le voci delle cameriere”, ha detto Davis al New York Times nel 2018.

All’inizio di questa settimana, Bryce Dallas Howard, che ha interpretato Hilly Holbrook in “The Help”, ha suggerito altri dieci film da considerare per conoscere meglio la storia della disuguaglianza razziale negli Stati Uniti.

READ  Filippo massacrato dai bulli: "Per i ragazzi picchiare è una moda"

“La leggenda di Bagger Vance” (2000)

Diretto da Robert Redford e con Will Smith, Matt Damon e Charlize Theron, “The Legend of Bagger Vance” è stato più volte criticato per aver fatto avanzare il trope “magico negro”.

Questa terminologia è stata resa popolare all’inizio dal regista nero Spike Lee e si riferisce all’uso da parte di Hollywood di un personaggio nero che serve a migliorare la vita dei personaggi bianchi.

In alcuni casi, il personaggio nero ha qualità soprannaturali, come nel caso del personaggio di Smith nel film, il misterioso carrello da golf, Bagger Vance.

“I neri linciano a destra e sinistra, e [Bagger Vance is] più interessato a migliorare lo swing del golf di Matt Damon, “Lee detto in una conferenza nel 2001 a Yale.

“Green Book” (2018)

Acclamato dalla critica (ha vinto un’immagine migliore, la migliore sceneggiatura originale e la stella Mahershala Ali ha vinto il miglior supporto Oscar), il film è stato anche molto controverso.

Situato nel 1962, Ali interpreta il musicista Dr Donald Shirley contro Viggo Mortensen nel ruolo di pilota e guardia del corpo, Tony Vallelonga, in una drammatizzazione della vera amicizia della coppia.

I membri della famiglia di Shirley si sono lamentati del fatto che il film fosse una “sinfonia di bugie” in termini del suo lontano ritratto della sua famiglia.

“È stato molto doloroso”, ha detto suo nipote Edwin Shirley III ha detto Shadow & Act. “È solo al 100% sbagliato.”
Ci sono state anche critiche sul fatto che la trama del film abbia contribuito a far avanzare il trope cinematografico del “salvatore bianco”, qualcosa Il regista e co-sceneggiatore Peter Farrelly ha detto a Vanity Fair.

“Questi ragazzi si aiutano a vicenda” disse Farrelly. “Tony Lip toglie a Don Shirley alcuni problemi terreni, ma Don Shirley salva l’anima di Tony Lip.”

READ  Il nuovo singolo di J. Cole 'Snow on Tha Bluff' affronta il movimento dei Black Lives Matter

“Song of the South” (1946)

Disney + ha rifiutato di pubblicare “Song of the South” come parte dei loro classici con il servizio di streaming che ha debuttato.

La combinazione del film d’animazione e dell’azione dal vivo offre quelle che oggi sono considerate rappresentazioni stereotipate e offensive degli afroamericani, che vanno dal dialetto del personaggio nero alla loro sottomissione ai personaggi bianchi.

La trama è incentrata su un ragazzo di nome Johnny (interpretato da Bobby Driscoll), che viene educato e intrattenuto dalle lezioni insegnategli da un ex schiavo di nome Uncle Remus (narrato da James Baskett).

“Anche le sequenze animate non sono prive di controversie”, Ha osservato CinemaBlend. “Uno dei piani di Br’er Fox per catturare Br’er Rabbit prevede l’uso di un golem di catrame nero che la volpe chiama un … catrame di bambino.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *