Questi paesi riaprono dopo il coronavirus: ecco come lo fanno

Per l’atleta professionista Irena Gillarova della Repubblica Ceca, l’allentamento delle restrizioni di giovedì gli ha permesso di riprendere gli allenamenti allo stadio Juliska di Praga per la prima volta da quando il suo paese ha chiuso.

“È stato fantastico, onestamente. Ero pieno di eccitazione e mi sento benissimo”, ha detto il lanciatore di giavellotto alla CNN venerdì. “Queste due settimane a casa mi hanno aiutato a godermi il lavoro ancora più di prima e a non darlo per scontato.”

Gli atleti hanno un programma per garantire che solo un certo numero di persone sia allo stadio alla volta. “Mi sono sentito al sicuro al 100%”, ha detto il 28enne. “Penso che il sistema sia abbastanza buono e stiamo cercando di essere intelligenti. Lo prendiamo tutti responsabilmente.”

La Svezia sfida Trump - e la scienza tradizionale - rifiutando di bloccare

Il dottor Peter Drobac, un esperto di salute globale presso la Oxford Said Business School, ha dichiarato alla CNN che questi paesi ora allentando le loro restrizioni erano “esempi importanti e incoraggianti” per l’Occidente.

“Abbiamo ancora molto da imparare su come usciremo dai blocchi stradali in modo sicuro ed efficiente”, ha affermato.

Qualsiasi allentamento dei limiti comporta rischi. Il direttore regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità, il dott. Hans Kluge, ha avvertito questa settimana che la situazione in Europa è ancora “molto preoccupante” e ha sottolineato che “ora non è il momento. vieni a rilassare le misure “.

L’Europa “rimane molto al centro della pandemia”, ha detto mercoledì con sette dei 10 paesi più colpiti situato a livello globale sul continente.
E uno studio basato sull’epidemia cinese, pubblicato sulla rivista medica The Lancet, ha suggerito che i blocchi di coronavirus in tutto il mondo non deve essere completamente rimosso prima di un vaccino perché si trova la malattia.

“In un posto molto migliore”

Nessuno di coloro che intendono allentare le restrizioni nei prossimi giorni sono tra i paesi più colpiti in Europa e vorranno evitare una seconda ondata di infezioni. Come sono arrivati ​​qui?

Drobac ha affermato che i paesi in procinto di allentare le restrizioni avevano qualcosa in comune: erano tra i primi in Europa ad attuare misure di blocco o di allontanamento sociale e avevano rapidamente intensificato i test sul coronavirus.

“Avevano queste cose a posto e, quindi, hanno già superato il picco di infezioni lì”, ha detto. Il numero di decessi correlati al coronavirus in questi paesi è di diverse decine o centinaia, anziché migliaia, ha affermato, e “sono molto meglio collocati attraverso un’azione proattiva”.

Ciò che hanno annunciato su come intendono ridurre gradualmente le restrizioni “sembra ragionevole e intelligente”, ha affermato Drobac.

“È un processo molto graduale e saranno in grado di imparare e seguire le cose in termini di nuove infezioni. Ma se si allentano troppo e le infezioni iniziano ad aumentare, possono recedere un po ‘. Ecco come dovrà farlo ogni paese “.

READ  Dominic Thiem rifiuta i piani per aiutare i giocatori in difficoltà attraverso la crisi del coronavirus

Altri paesi che vogliono seguire la propria strada devono soddisfare tre criteri generali, ha aggiunto, soprattutto se vogliono evitare una seconda ondata.

In primo luogo, devono aver “piegato la curva” e visto una costante riduzione del numero di nuovi casi, ha detto. In secondo luogo, i loro sistemi sanitari devono essere in grado di far fronte senza ricorrere a misure di crisi come gli ospedali di emergenza.

In terzo luogo, hanno bisogno di un sistema in atto per test di massa, tracciabilità dei contatti e isolamento, in modo che i malati possano essere isolati prima di infettare gli altri, ha detto: ” cos’è la sanità pubblica 101 e cosa vorrei che facessimo tutti fin dall’inizio “.

La Danimarca cammina sul filo del rasoio

La Danimarca ha annunciato l’intenzione di far tornare i bambini a scuola e all’asilo dal 15 aprile se i casi di coronavirus rimangono stabili.

Ma la vita sarà ancora lontana dalla normalità.

Molte restrizioni rimarranno in atto e la loro rimozione potrebbe essere graduale, ha detto il governo. Il divieto di raduni di oltre 10 persone è stato prorogato fino al 10 maggio e tutti i servizi religiosi, i cinema e i centri commerciali rimarranno chiusi.

Tutti i festival e le grandi riunioni saranno ancora vietati fino ad agosto, ha dichiarato il Primo Ministro Mette Frederiksen. I confini della Danimarca rimarranno chiusi.

Il primo ministro Mette Frederiksen parla in una conferenza stampa sui coronavirus a Copenaghen, in Danimarca, lunedì.

“Probabilmente sarà un po ‘un filo sul filo del rasoio”, ha detto Frederiksen alla disponibilità dei media lunedì, secondo l’agenzia di stampa Reuters. “Se restiamo fermi lungo la strada, potremmo cadere e se andiamo troppo veloce, può andare storto. Pertanto, dobbiamo fare un passo attento alla volta.”

La nazione di 5,8 milioni di persone è stata tra i primi europei a chiudere i suoi confini il 13 marzo. Durante la stessa settimana, ha chiuso scuole, caffè e negozi, vietato incontri di oltre 10 persone e visite agli ospedali.

“L’unico modo in cui abbiamo evitato scenari tragici in luoghi come l’Italia e gli Stati Uniti è [Denmark] ha agito rapidamente “, ha detto Frederiksen alla televisione nazionale danese.

Riapertura dei negozi cechi

La Repubblica ceca ha inoltre agito rapidamente per imporre restrizioni sui viaggi, vietare eventi importanti e chiudere attività non essenziali, dopo aver dichiarato lo stato di emergenza il 12 marzo. Eccezionalmente in Europa, ha anche richiesto che i suoi 10,7 milioni di persone si coprano il viso con maschere o sciarpe fuori casa dal 19 marzo.

Questi severi sforzi di contenimento ora sembrano dare i loro frutti, con il governo che ha annunciato lunedì che inizierà questa settimana alleggerendo alcune restrizioni sui coronavirus.

Da martedì, alle persone è permesso di allenarsi da soli senza maschera. Negozi come negozi di costruzione e ferramenta, negozi di biciclette e centri di riparazione bici sono tra quelli che possono riaprire da giovedì. Anche le strutture all’aperto per i singoli sport riaprono, ma solo fino a un certo punto: non più di due persone possono trovarsi nello stesso spazio e non possono usare docce o armadietti.

READ  Dozzine di casi di coronavirus legati al voto alle elezioni primarie negli Stati Uniti

Il viaggio essenziale fuori dalla Repubblica Ceca sarà consentito dal 14 aprile, secondo un comunicato stampa del governo.

Gillarova, l’atleta, rimane fiducioso che la competizione internazionale ricomincerà ad un certo punto quest’anno – forse con i campionati europei di atletica leggera a Parigi ad agosto – dopo la delusione dei Giochi Olimpici rinviato al 2021.
La gente aspetta in fila per entrare in un negozio riaperto nella città di Havirov, Repubblica Ceca, giovedì.

Austria: approccio graduale

La vicina Austria, dove si trovava la famosa località di sport invernali di Ischgl, nella provincia del Tirolo legato alla diffusione del coronavirus il mese scorso ad altre parti d’Europa, adottare un approccio diverso in quanto allevia le restrizioni.

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha annunciato questa settimana che il Paese si sta preparando per una “resurrezione” dopo Pasqua, riaprendo alcuni piccoli negozi, ferramenta e negozi di giardinaggio dal 14 aprile. mezzi di trasporto.

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz indossa una maschera protettiva al suo arrivo in una sessione straordinaria del Consiglio nazionale il 3 aprile a Vienna.

Dal 1 maggio apriranno tutti i negozi, i centri commerciali e i parrucchieri; nel frattempo, ristoranti e hotel apriranno da metà maggio al più presto con un processo graduale. Questo accadrà “ovviamente in condizioni di sicurezza rigorose”, ha affermato Kurz.

Ha anche avvertito che il pericolo del coronavirus non è ancora passato, citando Singapore, che ha visto una rinascita di casi negli ultimi giorni. “Chi pensa che la situazione sia sotto controllo ha torto”, ha detto.

Alla fine di aprile, il governo deciderà di estendere la scuola a casa oltre la metà di maggio e nessun evento importante si svolgerà prima della fine di giugno.

“Il nostro obiettivo deve essere quello di eliminare gradualmente la malattia”, ha detto Kurz. “Mettiamoci tutti insieme per un’altra settimana.”

La scorsa settimana, l’Austria ha testato 1.500 persone in tutto il paese per misurare l’estensione della diffusione del coronavirus. Lo studio ha trovato meno dell’1% della popolazione non ospedalizzata era infetta. In precedenza, l’Austria aveva concentrato i test su coloro che erano gravemente malati con i sintomi associati al virus.

Il numero di casi confermati di coronavirus in Austria ha raggiunto giovedì 12.969, ha dichiarato il ministero della salute del paese. Il bilancio delle vittime è di 295 morti.

Norvegia: cauto ottimismo

La Norvegia sta di nuovo adottando un approccio diverso, dando la priorità alla riapertura delle scuole poiché facilita le misure di contenimento introdotte a metà marzo.

I blocchi non devono essere completamente rilasciati fino a quando non viene trovato il vaccino contro il coronavirus

Inizierà a ridurre i blocchi dal 20 aprile, ha affermato il primo ministro Erna Solberg quando gli asili iniziano a riaprire. Una settimana dopo, le scuole riapriranno per gli studenti dai gradi 1 a 4.

“La nostra ambizione è che in qualche modo tutti gli studenti tornino a scuola prima dell’estate”, ha detto Solberg.

READ  Negli Stati Uniti, potrebbe essere necessario mantenere la distanza sociale fino al 2022 se non viene trovato rapidamente un vaccino, affermano gli scienziati

Il governo ritiene che le ultime statistiche forniscano una base per un “cauto ottimismo”, indicando che il tasso di infezione si è stabilizzato, ha affermato il Primo Ministro.

“Lavorando insieme, abbiamo il virus sotto controllo e possiamo iniziare a sollevare le restrizioni a poco a poco. Lo faremo insieme, con attenzione e prendendoci il nostro tempo.”

Secondo l’Istituto norvegese di sanità pubblica, la Norvegia ha avuto 6.244 casi confermati di Covid-19 giovedì e 92 morti venerdì mattina.

Germania: “Una prudente speranza”

Altri stanno adottando misure provvisorie per alleviare i loro blocchi, pur non fissando una data fissa.

Come riaprire l'economia dopo il coronavirus? Gli esperti tedeschi hanno un piano

Giovedì, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha affermato che gli ultimi dati sui coronavirus nel suo paese hanno dato ragione a “caute speranze”, ma hanno avvertito che i tedeschi devono rispettare le attuali restrizioni durante il fine settimana di Pasqua.

Ha detto che una decisione su se e come allentare le misure si baserebbe su un ampio studio scientifico che sarà pubblicato la prossima settimana.

Il ministro della Sanità Jens Spahn ha affermato in precedenza che il paese aveva subito un “appiattimento” delle nuove infezioni segnalate, mentre stavano prendendo effetto misure restrittive sulla vita pubblica. La Germania attualmente esegue 100.000 test di coronavirus al giorno, ha detto, e il 40% dei suoi letti di terapia intensiva rimangono vacanti nonostante la crisi.

“Vogliamo tornare gradualmente alla normalità – ma siamo ancora lontani dalla vita di tutti i giorni come lo sapevamo prima della corona”, ha detto Spahn. “Tutto non tornerà più come prima. Continueremo a vivere in Germania e con la pandemia. ”

Come vincere la lotta contro un virus che non conosce confini

Anche la Svizzera sta valutando un’uscita dall’internamento. Nonostante l’estensione delle restrizioni all’espulsione sociale fino al 26 aprile, il suo governo ha indicato che altre misure potrebbero essere allentate entro la fine del mese, tra cui controlli alle frontiere, chiusure delle scuole e divieto di manifestazioni – se la diffusione del virus è sotto controllo.

Dato che questi e altri paesi sono sul filo del rasoio tra la protezione della salute pubblica e il mantenimento in vita della loro economia, è chiaro che ci sono molte insidie.

L’OMS Kluge ha sottolineato che era “tempo di raddoppiare e triplicare nuovamente i nostri sforzi collettivi” per sradicare il virus.

“Pensare che ci stiamo avvicinando a un punto finale sarebbe una cosa pericolosa da fare”, ha detto. “Qualsiasi cambiamento nella nostra strategia di risposta, allentamento dello stato di blocco o misure della distanza fisica, richiede un’attenzione speciale.”

Ivana Kottasova, Nadine Schmidt, Stephanie Halasz, Arnaud Siad, Seb Shukla, Niamh Kennedy, Vasco Cotovio e Ingrid Formanek della CNN hanno contribuito a questo rapporto, così come la giornalista Susanne Gargiulo.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/VEtX7ME7iJc/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *