Recensione di ‘Hannah Gadsby: Douglas’: il fumetto sente la pressione del suo successo nel seguire ‘Nanette’

I fumetti australiani iniziano essenzialmente ricapitolando il fenomeno che era “Nanette” – un’introduzione ardente e profondamente personale alla sua esperienza di vita – scherzando sulla saggezza, con il senno di poi, di aver esaurito tutto questo materiale di auto-rivelazione e trauma in un unico grande scoppio.

Quindi procede, scherzosamente, a descrivere con precisione dove andrà l’ultimo spettacolo e in che modo le sue diverse parti avranno un impatto sul pubblico. Come “Nanette”, aggiunge un altro livello alla commedia lasciando l’ascoltatore sul suo piano attentamente costruito, quasi come un artista di effetti speciali che ti invita nel suo studio.

È audace, o almeno lo sarebbe, se non sembrasse un risveglio del suo lavoro precedente. E anche se ci sono pezzi molto divertenti, osservazioni intelligenti e sì, informazioni personali sparse lungo la strada, forse inevitabilmente non sorge nulla con tutta l’intensità cruda dei suoi inizi.

In “Nanette”, che ha attraversato l’universo di Netflix con il passaparola, Gadsby ha sottolineato che la sua intenzione era quella di confrontare il pubblico con la sua storia. Se questo ti ha messo a disagio, il messaggio è sparito, guardati allo specchio.

Qui, l’anticipazione di un livello più profondo di risonanza rispetto allo speciale stand-up medio è integrata nell’atto di Gadsby. Ed è una barra alta da cancellare.

Il pubblico apprezzato, in particolare, non sembra particolarmente preoccupato. Da questo punto di vista, “Douglas” non è certo deludente, ma i bersagli del telegrafo – dalla folla anti-vaccino (“La poliomielite è cattiva!”) A Louis CK, in particolare, al patriarcato e alla misoginia di più ampiamente – non trasmettono lo stesso senso di rischio.

Certo, l’elenco degli attori che possono affrontare i temi con la miscela sparsa di commenti sociali e lo spirito lacerante di Gadsby rimane un piccolo club, soprattutto se limitato ai praticanti attuali. E la natura unica della sua voce, come una lesbica dal basso che ha combattuto con forza contro la discriminazione, va ben oltre la sua nascita fortemente accentuata.

Durante questa summenzionata introduzione, Gadsby affronta i suoi critici, compresi quelli che, dice, deridono “Nanette” come “discorso TED glorificato”.

“Douglas” può essere molte cose, ma non è certo quello. Eppure non è nemmeno l’esperienza singolare che “Nanette” ha fornito, dimostrando che la sfida più scoraggiante che un artista deve affrontare dopo una svolta artistica e commerciale è sapere cosa fare per un bis.

“Hannah Gadsby: Douglas” andrà in onda il 26 maggio su Netflix.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *