Recensione di “ The High Note ”: Tracee Ellis Ross prende una pagina dal libro di gioco della mamma
Dopo il Trilogia “Cinquanta sfumature”, Dakota Johnson presenta una nuova tonalità più lusinghiera di Maggie, l’assistente molesto della superstar di Ross, Grace Davis. Presentata da Maui tramite un jet privato, Grace affronta un problema di alta classe mentre il suo manager (Ice Cube) la spinge verso una residenza di Las Vegas, che sembra Grace come un purgatorio creativo.

Maggie, una fan di vecchia data con informazioni sull’industria musicale che viene finalmente spiegata, aspira a essere una produttrice e continua a superare il suo posto nell’organigramma. In particolare, esorta delicatamente Grace a mantenere la sua integrità artistica, ricordando alla stella la sua stessa citazione, “Quando non ci sono più sorprese, allora per chi lo sto facendo?”

Durante i suoi rari tempi di inattività, Maggie incontra anche un cantante di talento, David (Kelvin Harrison Jr., che ha appena vissuto un grande anno con “Waves” e “Luce”), anch’egli coinvolto nella sua carriera. C’è una qualità da “ragazza da lavoro” mentre corre tra i due – giocoleria di produzione e ringhio, apparentemente contro ogni previsione – complicata dalla chimica che lei e David possiedono.

“The High Note” utilizza una storia e un libro di canzoni abbastanza convenzionali, compresa una visione dell’industria musicale non lontana da “A Star is Born”. Lo stesso vale per i luoghi e il glamour di Los Angeles.

Dakota Johnson e Tracee Ellis Ross in & # 39; La nota alta. & # 39; (Caratteristiche di Glen Wilson / Focus)
Il viaggio all’inizio sembra un po ‘accidentato, mentre il film si svolge in modo un po’ imbarazzante su queste tracce parallele. Tuttavia, come diretto da Nisha Ganatra (“A notte fonda”), la storia ha abbastanza peso per attirare il pubblico e riesce a trovare l’umanità in Grace nonostante la sua esistenza privilegiata.

Diamo a Ross un grosso problema – perché la star di “Black-ish” inverte la strada della mamma dalla scena del concerto allo schermo, facendo il suo debutto musicale eseguendo abilmente la sua canzone – creando un’immagine comparabile della celebrità che svanisce. In quello che equivale a una squadra di artisti con genitori famosi, Johnson incarna anche Maggie come qualcuno il cui apprezzamento per la musica la guida professionalmente, diventando al contempo il fondamento della sua relazione con David.

READ  Gabry Ponte: "Alcuni club volevano fare soldi senza scrupoli. Ho dovuto interrompere la musica per dire ai ragazzi di mettersi la maschera"

La signora non canta il blues, ma oltre alle canzoni originali, la colonna sonora include molti classici, come Harrison che canticchia “You Send Me” e “Let’s Stay Together”. Ci sono anche cameo di Bill Pullman e Eddie Izzard in ruoli minuscoli ma importanti.

In pratica, il film si unisce all’elenco dei film il cui debutto nelle sale è stato affondato da un coronavirus che probabilmente sarebbe difficile fare molto rumore al botteghino.

Un po ‘risparmiato da questa pressione, “The High Note” è un modo semplice per uccidere alcune ore. Certo, è più un atto di apertura che un headliner, ma fa semplicemente sentire la sua residenza digitale su richiesta come il luogo in cui il film appartiene giustamente.

“The High Note” è disponibile su richiesta dal 29 maggio. È classificato PG-13.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *