Russell Wilson: “I miei cuori sono pesanti al momento”, afferma il quarterback di Seattle Seahawks
Piuttosto che parlare della NFL con i giornalisti mercoledì, Wilson ha insistito per parlare di razzismo in America e di come Colin Kaepernick “stava cercando di fare la cosa giusta” attraverso le sue proteste.

Floyd è morto a Minneapolis il 25 maggio dopo essere stato arrestato da un agente di polizia che lo aveva inchiodato a terra, inginocchiandosi al collo per diversi minuti.

La polizia fu chiamata dopo che un proprietario del negozio credeva che Floyd avesse usato una fattura contraffatta per pagare.

L’incidente ha ha scatenato proteste negli Stati Uniti e in tutto il mondo. I quattro ex agenti di polizia coinvolti nell’omicidio dei Floyd sono stati accusati.

“La realtà è che, come un uomo di colore, le persone vengono uccise per strada, le persone vengono uccise e la comprensione che questo non è il caso di tutte le altre razze”, Wilson, che ha guidato il Seattle Seahawks alla vittoria nel Super Bowl XLVIII, ha detto ai giornalisti.

“È così soprattutto per la comunità nera. Penso al mio figliastro, penso a mia figlia, penso al nostro nuovo bambino in arrivo. È incredibile vedere queste cose accadere proprio di fronte al nostro facce.

“Quindi il mio cuore è pesante in questo momento. Non ho tutte le risposte giuste o altro.”

Wilson celebra con il Vince Lombardi Trophy dopo aver battuto il Denver Broncos 43-8 nel Super Bowl XLVIII nel 2014.

Wilson ha esposto un incidente quando ha sofferto di pregiudizi mentre era in un ristorante in California dopo aver vinto il Super Bowl nel 2014.

“Ero in un posto per fare colazione”, ha detto Wilson. “Ero online e tutto e un bianco più anziano mi hanno detto: ‘Questo non è per te.’

READ  30 Migliori Scarpe Da Boxe Testato e Qualificato

“E ho detto:” Eh? Mi scusi? “All’inizio pensavo che stesse scherzando. La mia schiena era un po ‘girata. Ero appena uscito da un Super Bowl e tutto il resto, quindi se qualcuno mi parla in quel modo, pensi a [a different] circostanza e come le persone ti parlano.

“A quel tempo, ho davvero iniziato a essere di nuovo giovane e non ho messo le mani in tasca e questa esperienza. È stato un momento molto difficile per me lì. Ero tipo, amico, questo è ancora reale, e io sono sulla costa occidentale. È davvero reale in questo momento. “

Wilson ha anche parlato dell’ex quarterback di San Francisco 49ers Colin Kaepernick che ha iniziato a protestare contro la brutalità della polizia nel 2016, inginocchiandosi all’inno nazionale prima dei giochi della NFL. Kaepernick non è stato firmato da una squadra dal 2017.

“La realtà è che Colin stava cercando di simboleggiare l’oppressione che ha afflitto l’America per 400 anni”, ha detto Wilson.

“La realtà è ciò che Colin stava cercando di fare era che stava cercando di fare la cosa giusta, in senso figurato cercando di difendersi, per quello che stava succedendo per l’America … La realtà è che tutti abbiamo bisogno di aiuto, dobbiamo tutti trovare i nostri modi di come ameremo e come faremo la differenza.

“E tutti possono farlo diversamente. Non so cosa faranno tutti e come lo faranno, ma questo sta invitando le persone a capire cosa sta realmente succedendo.”

I servizi commemorativi in ​​onore di Floyd avranno luogo nel Minnesota, in Texas e nella Carolina del Nord nei prossimi cinque giorni, e il servizio a Minneapolis avrà luogo giovedì.

READ  NASCAR: Bubba Wallace mostra il supporto del conducente dopo aver trovato un cappio nel suo garage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *