Alexei NavalnyL’avversario più carismatico di Putin è stato avvelenato, e questa non è la prima volta che qualcuno cerca di eliminare l’antagonista più impavido del Cremlino. Ad esempio, nel 2017, mentre lasciava il suo ufficio di Mosca, è stato attaccato con a spray tossico (un antisettico) spruzzato negli occhi. Nel luglio 2019 era in prigione quando affermava di essere stato avvelenato da “una sostanza chimica sconosciuta”, e per questo è stato trasferito in ospedale.

In questa occasione, le autorità hanno risposto facendo riferimento a “reazione allergica“E avevano spergiurato che non fosse stata trovata alcuna sostanza tossica, dopo un’attenta analisi. Tesi fermamente respinta dal suo segretario-portavoce, Kira yarmick, lo stesso che ha diffuso la notizia del nuovo avvelenamento, avvenuto dopo che Navalny aveva bevuto il tè all’aeroporto, prima di imbarcarsi a Tomsk per rientrare a Mosca. Le foto lo mostrano in mensa, apparentemente in perfetta salute.

Il quarantaquattrenne avvocato si è sentito male per il furto e le sue condizioni sono peggiorate così tanto che ha costretto a atterraggio d’emergenza a Omsk. C’è un video girato con un cellulare che documenta la malattia, le urla disperate per attirare l’attenzione dell’equipaggio, la perdita di coscienza di Navalny. Il leader dell’opposizione russa è stato immediatamente portato all’ospedale di emergenza numero 1 Omsk, dove è arrivata anche la polizia “chiamata su nostra richiesta”, ha detto Yarmick, temendo per la sicurezza dell’avvocato.

I medici hanno subito detto che le sue condizioni erano molto gravi, il che era nel coma e che le analisi sono state eseguite per identificare la causa. Da Mosca, il medico personale di Navalny ha cercato di informare e aggiornare i suoi colleghi sul situazione clinica della sua paziente (come al solito) ma i medici di Omsk si rifiutarono di parlarle, così si precipitò in Siberia. Uno strano blackout sanitario, come se le autorità avessero ordinato a tutti di tacere, soprattutto con quelli intorno a Navalny. Che ha subito accreditato la tesi diavvelenamento “politico”, come molti hanno scritto in Rete.

READ  Tom Cotton, editoriale: rivolta dei lavoratori del New York Times contro l'articolo del senatore repubblicano

Cosa ci faceva Navalny in Siberia? Semplice: a settembre ci sono le elezioni regionali. Era a Novosibirsk, una città dove il potere amministrativo non è così forte e dove il malcontento e richieste sindacali che disturbano il Cremlino. Poi è andato a Tomsk, una città universitaria, quindi tanti giovani e tanto consenso nei confronti dell’opposizione. Lì la squadra di Navalny è abbastanza solida e rischia di ottenere un buon risultato elettorale. Non solo.

Aveva svolto, come al solito, le indagini sul la corruzione da alcuni funzionari locali, accompagnati da video reclami, documenti ufficiali, commenti feroci e pubblicità umoristiche. Insomma, si era mosso con la solita crudeltà, dando seri problemi ai caciques siberiani.

Va detto che a Mettere in, nonostante tutto, l’operazione compiuta da Navalny non gli dava fastidio più di tanto, anzi, poteva essere in un certo senso comoda, e utile: con l’alibi degli scandali, poteva sbarazzarsi di figure marginali imbarazzanti e ormai imprescrittibili del regime , ma dannoso durante un periodo elettorale. Dopotutto, un gioco sottile in cui lo Zar e il suo grande critico si affrontano da anni. Un gioco che alcuni avversari incolpano Navalny, perché non lo vedono come un’alternativa politica credibile a Putin …

Pertanto, motivi per mettere a tacere il principale difensore della lotta alla corruzione e alla lotta alla corruzione imbrogli di potere, non mancava. La doppia crisi economica e Covid hanno indebolito il Cremlino, spostando in particolare i tradizionali equilibri Siberia (dove il fantasma della Cina è ingombrante) e nelle grandi città, dove la società civile chiede più libertà e meno isolamento internazionale.

Un disagio che l’avvelenamento molto grave di Navalny ha accentuato e rischia di provocare non solo un grande shock, ma anche proteste incontrollabili (l’esempio bielorusso potrebbe incoraggiarli). Un disagio che ha scosso fortemente le fila dell’opposizione, e anche di chi non lo amava per la sua innegabile leadership. Negli ultimi due o tre anni c’erano stati segni di intolleranza nei suoi confronti, proprio perché lo accusavano di essere troppo sensibile alle sirene dei media. Anzi, perché oscurato con il suo inconfondibile talento politico, le figure più noiose delle diverse (e spesso contraddittorie) correnti in cui è scoppiata l’opposizione russa, favorendo indirettamente il regime.

READ  James Bennet si dimette dal New York Times dopo una reazione su Cotton

È anche sconcertante che sia stato avvelenato davanti a chi lo segue 24 ore su 24: qual è il sorveglianza? Molti lo chiedono, così come molti cercano di pensare a quello principale. Mettere in? Difficile: perché creare una “vittima sacra” attorno alla quale unire indignazione e rabbia popolare? Qualcuno che vuole guadagnare punti nella lotta per il potere che – dicono – scuote il Cremlino? Quanto alle varie ipotesi “private” (allergia, farmaci, vendetta personale), il comportamento dell’ospedale, il mistero delle analisi e delle diagnosi, non è chiaro. La sfiducia è un must.

Data la sfiducia dello Stato e nell’interesse della guarigione di Navalny, “sarebbe meglio se fosse trattato in un altro paese, purché le sue condizioni lo permettano”, ha detto. twittato. Alexei Venediktov, editore del Echo Radio da Mosca. Ma la lunga mano dei servizi russi agisce impunemente anche fuori dai confini, come nei casi di Alexsandr Litvinenko, l’ex KGB (come Putin) avvelenato a morte con il polonio nel novembre 2006, e Sergej Skripal, avvelenato a Salisbury nel marzo 2018 con un agente nervino, insieme a sua figlia (scappata perché ricoverata in tempo); infine, è accaduta la stessa sorte Pyotr verzilov, fondatore di Mediazone, sito dell’opposizione, avvelenato dopo aver lasciato un tribunale di Mosca nel settembre 2018, è stato trasferito in un ospedale di Berlino dove è fuggito.

In questo caso, il sospetto si è concentrato su medici, sebbene le analisi non abbiano trovato tracce di sostanze tossiche. Oggi Verzilov ricorda che all’epoca i servizi segreti bloccavano l’accesso all’ospedale e che “sono finito in terapia intensiva, come accade a Navalny. Quindi c’è stato il tempo impiegato dal mio corpo per assorbire le tracce della sostanza tossica ”(potete leggerlo su Twitter). Morale della favola: l’orso russo ha gli artigli che Lucrezia Borgia gli fa fare i baffi.

READ  I gatti potrebbero essere stati animali domestici lungo la Via della Seta oltre 1.000 anni fa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, facciamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom di accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Coronavirus, in Francia in media 2mila casi al giorno ma Macron rifiuta un altro blocco: “Il rischio zero non esiste mai”

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *