Shohreh Bayat: l’arbitro di scacchi iraniano teme una punizione dopo la condanna per non aver indossato il velo giusto

L’arbitro di scacchi iraniano non è ancora tornato in famiglia dopo la fine del torneo di gennaio, temendo di essere punito dopo essere stato criticato online per non aver indossato la sciarpa appropriata.

Le preoccupazioni di Bayat provengono da una fotografia scattata durante l’evento che sembra dimostrare che non indossa un hijab. La foto è stata quindi condivisa e i siti web iraniani l’hanno presumibilmente condannata per ciò che alcuni hanno descritto come una protesta contro legge obbligatoria del paese.

“Sapevo che dovevo coprirmi i capelli, quindi l’ho fatto come un sacco di donne iraniane, ma indossavo un hijab largo perché non credo nell’hijab”, ha detto Bayat a CNN Sport.

“In effetti, odio l’hijab. Stavo solo cercando di indossarlo in un modo o nell’altro per dimostrare che non sono una persona religiosa e l’ho indossato in un modo moderno. Secondo gli standard iraniani, era assolutamente corretto “.

Lasciare l’Iran alle spalle

Le fotografie in questione sono state scattate durante la prima tappa del campionato di scacchi a Shanghai, in Cina, prima che Bayat si recasse a Vladivostok, in Russia, per la partita di ritorno tra Ju Wenjun e Aleksandra Goryachkina.

Mentre cercava di concentrarsi sul lavoro a portata di mano, Bayat ha quindi cercato rassicurazioni dalla Federazione iraniana di scacchi, che lo ha avvertito dell’apparente tempesta che stava sorgendo in casa sua.

Ha detto che la federazione inizialmente ha chiesto una sua foto più appropriata durante il torneo, a cui Bayat si è offeso.

Poi dice che la federazione le ha detto di postare delle scuse sui suoi social network. Ha concordato a condizione che ciò garantisse la sua sicurezza, ma ha detto che la federazione aveva rifiutato e cancellato la sua foto dal suo sito web.

READ  Gli effetti del coronavirus, il fondo per 4200 dipendenti arriva a Gtt

Di conseguenza, Bayat decise di non indossare più quello che lei chiama l’hijab “misogino” e scelse di non tornare in Iran.

La CNN ha contattato più volte la Federazione di scacchi iraniana ma non ha ricevuto risposta.

Parlando piano e un’influenza rilassante sul pezzo, l’atteggiamento di Bayat cambia ogni volta che parla dell’hijab.

Una forte determinazione scoppia. Lo stesso vale per un’ondata di rabbia controllata con le sue radici radicate negli anni in cui indossava qualcosa che non avrebbe mai voluto indossare.

Il velo, o hijab, è stato parte integrante dell’abito delle donne in Iran dalla Rivoluzione Islamica del 1979 ma, negli ultimi anni, alcune donne hanno lanciato opposizione e organizzato manifestazioni contro le regole del copricapo.

La punizione per coloro che infrangono le regole può includere la detenzione o le frustate, a seconda Amnesty International.

Bayat afferma di essere stata spesso accompagnata da una guardia che garantisce il rispetto delle regole del Paese quando lavora all’estero, ma afferma che i problemi economici hanno visto ridurre questo ruolo.

Bayat attualmente vive con amici nel Regno Unito.

‘Rotto’

Temendo una tale punizione in Iran e sfruttando al massimo un visto britannico che aveva ottenuto per un prossimo torneo a Gibilterra, Bayat scelse di volare nel Regno Unito dopo la finale.

Attualmente sta cercando asilo nel paese ed è supportata dalla più ampia comunità di scacchi.

Sebbene sia “distrutta” dalla sua situazione, afferma di essere stata spazzata via dal supporto globale che ha ricevuto da quando la sua storia è stata condivisa in tutto il mondo.

“Negli scacchi, abbiamo un motto, diciamo che siamo una famiglia”, ha aggiunto, visibilmente commossa.

READ  I giudici della Corte suprema si comportano bene al telefono. Può avere un impatto su chi vince

“Da quando sono venuto qui, ho avuto l’impressione di aver ricevuto molte impressioni positive dalle persone. Non è facile descriverlo a parole.

“Non riesco nemmeno a seguirlo perché ci sono molte, molte persone che mi hanno aiutato qui. Quindi non so come nominarli perché erano tutti carini con me.”

Tuttavia, la sua decisione ha avuto un costo e pesante.

Bayat non sa come e quando rivedrà mai più la sua famiglia, sfruttando al massimo le telefonate e le videochiamate quotidiane con suo marito per mantenere il morale alto.

Ora è rassegnata al fatto che non tornerà presto in Iran.

“Forse dopo 10 anni, 15 anni. Ma fintanto che questo regime sarà in Iran, non credo di poter tornare”, ha detto, ossessionata dalla prospettiva.

Con l’incerta aggiunta dell’epidemia di coronavirus, che ha scosso l’Iran e gran parte del mondo, la possibilità di incontrare la famiglia in un altro paese è diventata ancora più difficile con viaggi severamente limitati.

Dice di essere attualmente senza passaporto mentre la sua domanda di asilo è in fase di elaborazione e riconosce che è improbabile che il marito ottenga un visto britannico per unirsi a lei nel Regno Unito.

“Certo, voglio incontrare la mia famiglia, ma per ora, non so quale sia la mia situazione qui”, ha detto.

“Se mi lasciano stare qui, posso fare domanda per un documento di viaggio e provare a incontrare la mia famiglia in altri paesi.”

Nel complesso, Bayat afferma di non pentirsi della sua decisione.

Nessun rimpianto

Nonostante la sua vita sconvolta, Bayat afferma di non rimpiangere nulla della sua decisione. Vuole solo avere più protezione all’inizio della gara.

READ  Ingegneri, chef e cameriere della fattoria del Regno Unito dopo essere stati messi in licenza

“Quando vivi in ​​Iran, devi seguire queste cose che ti fanno male, devi essere una persona diversa da quella che sei”, ha detto.

“Non è facile, ogni volta che ti senti in pericolo, ti senti infelice indossando cose che non vuoi, mostrandoti qualcosa che non sei.

“Questi sono i vantaggi della mia decisione; non devo indossare l’hijab, non devo fingere di essere un musulmano, posso solo essere quello che sono.”

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/edition_sport/~3/TtagGLXnGog/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *