‘Swing Low, Sweet Chariot’: i capi del sindacato di rugby britannico riesaminano la canzone dell’era degli schiavi

Il Rugby Football Union (RFU) non ha immediatamente risposto alla CNN, ma in una dichiarazione ai media britannici l’organizzazione ha dichiarato di essere determinata a “accelerare il cambiamento e sensibilizzare”, Black Lives Matter indicazioni di movimento aziende e le istituzioni per ripensare il loro funzionamento.

“La RFU ha affermato che dobbiamo fare di più per raggiungere la diversità e siamo determinati ad accelerare il cambiamento e aumentare la consapevolezza”, ha affermato l’organo di governo in una nota.

“La canzone Swing Low, Sweet Chariot è stata a lungo parte della cultura del rugby ed è cantata da molte persone che non conoscono né le sue origini né le sue sensibilità.

“Stiamo osservando il suo contesto storico e il nostro ruolo nell’educare i fan a prendere decisioni informate”.

Fans of the English Rugby Union presso l'HSBC London Sevens allo stadio Twickenham il 2 giugno 2018 a Londra.
L’ex giocatore di rugby inglese Maggie Alphonsi ha spiegato perché non canta più la canzone, scrivendo cinguettio: “Non smetterò MAI di usare la mia voce !!”
Brian Moore, ex giocatore e commentatore di rugby inglese disse: “Il mondo si è evoluto e, giustamente, le cose che allora erano normali non dovrebbero essere necessariamente così adesso … Dovrebbero essere celebrate nel suo contesto legittimo.”

Ma l’ex capitano inglese del cricket Michael Vaughan ha pubblicato una storia sui problemi della canzone su Instagram con la didascalia: “Per favore, dimmi se sbaglio … ma sicuramente non può essere vero !! ??”

È giusto che i fan del rugby cantino una canzone dell’era degli schiavi?

La canzone “Swing Low, Sweet Chariot” è uno dei più noti spiriti afroamericani. Venerato, emotivo e radicato negli orrori della schiavitù americana e nell’oppressione della razza.

READ  Roma LIVE: annuncio della prevista chiusura dopo la chiusura di Borsa, mercoledì primo picco di mercato | Prima pagina

Ma negli ultimi tre decenni, la melodia familiare è stata anche l’inno adottato dalla squadra di rugby inglese, il cui ritornello perseguita un’eco comune negli stadi in cui la squadra nazionale suona.

E qui sta il problema.

Cornell Brooks, Presidente della National Association for the Advancement of People of Color (NAACP).

Le parole sulla sofferenza e sulla disperazione dovrebbero essere cantate da migliaia di fan inglesi che sono spesso della classe media, spesso bianchi?

“Uno schiaffo di fronte alla storia della schiavitù”, Cornell William Brooks, allora presidente della National Association for the Advancement of Colored People (NAACP), ha descritto l’uso di questo spirituale in un’arena sportiva. Brooks è ora il professor Hauser della pratica delle organizzazioni no profit e il professore della pratica della leadership pubblica e della giustizia sociale presso la Harvard Kennedy School.
Lord Herman Ouseley, presidente del gruppo anti-razzismo Kick it Out nel 2017, ha dichiarato che cantare “Swing Low, Sweet Chariot” per incoraggiare una squadra di rugby era una questione di “ignoranza, mancanza di sensibilità e arroganza” , quando gli accademici americani lo chiamavano. appropriazione culturale.

Tre anni fa, quando la CNN gli chiese se la RFU avrebbe esaminato l’uso di “Swing Low, Sweet Chariot”, un portavoce dell’organo di governo del rugby inglese disse: “Swing Low è associato al rugby e ai club di rugby per decenni. cantato dai fan per supportare la squadra di rugby dell’Inghilterra. “

READ  Masters 1000 Cincinnati: il tabellone principale. Berrettini e Sonego al via

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

FPSGAMES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
FPSGames.IT