Sylvester Stallone racconta il nuovo documentario “Rocky”

“40 anni di Rocky: la nascita di un classico” approfondiranno il ruolo che ha reso l’attore di Hollywood una star, mentre ricorda la sua esperienza di lavoro nel film originale “Rocky”.

Scritto e prodotto da Derek Wayne Johnson, il documentario dietro le quinte offre uno sguardo “emotivo” e “intimo” alla realizzazione del dramma sportivo, quattro decenni dopo l’uscita del primo episodio nel 1976.

Stallone, che ora ha 73 anni, era un attore relativamente sconosciuto quando ha scritto la sceneggiatura originale di “Rocky” e ha recitato nel film, il pugile perdente Robert “Rocky” Balboa.

Il film a basso budget, diretto da John G. Avildsen, è diventato un successo al botteghino, vincendo tre Oscar, di cui uno per il miglior film. Ha generato sette sequel – il più recente è quello del 2018 “Credo ii“, con Michael B. Jordan.

“Sei una persona molto fortunata quando puoi scoprire che il miglior amico che tu abbia mai avuto è un personaggio che è appena uscito dalla tua mente, qualcuno che è sempre stato lì quando le cose sono andate male e che non lo fa non fermarmi mai “, ha detto Stallone nel trailer del documentario.

ESPN produce serie di documentari in 9 parti sulle corse del Super Bowl di Tom Brady

Johnson, che in precedenza aveva descritto il regista del film in “John G. Avildsen: King of the Underdogs”, ha descritto il progetto come una “pepita d’oro” per i fan di “Rocky”.

Il documentario, ha promesso, “offrirà al pubblico un’esperienza intima e talvolta emotiva”.

“Siamo orgogliosi del film”, ha detto in una nota, “e il pubblico può aspettarsi nuove storie e filmati che non hanno mai visto prima in un mix di film personali dal regista John Avildsen, prove e dietro il film “. – Scena delle immagini della realizzazione del film definitivo per gli estranei. “

READ  Ricerca Naya Rivera: i funzionari della California usano apparecchiature sonar

“40 anni di Rocky: la nascita di un classico” uscirà in digitale su iTunes / AppleTV e Amazon il 9 giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *