“ The Dick Van Dyke Show ” rimane un traguardo iconico nella lunga lista di Carl Reiner

La sua firma, tuttavia, rimane “The Dick Van Dyke Show”, la serie di commedie pionieristiche che presentava diverse dozzine di Emmy di Reiner e grazie a repliche, retrospettive e occasionali speciali in prima serata, non sembra mai andare via.

Le varie storie sullo spettacolo – che è stato creato nel 1961 – sono state raccontate nel corso dei decenni, ma La morte di Reiner, all’età di 98 anni, è una ragione sufficiente per festeggiarli e raccontarli di nuovo. Come Reiner, per cominciare, avrebbe dovuto recitare nella serie – è stato girato un pilota – prima di optare per il cast di Van Dyke, Reiner diventa occasionalmente il suo capo mercuriale, Alan Brady.

Attingendo alle esperienze di Reiner con Cesare, Van Dyke ha interpretato Rob Petrie, lo sceneggiatore principale di uno spettacolo comico di Brady. Le storie si snodavano tra la vita di Rob al lavoro e a casa, trovando l’oro da commedia in entrambe le stanze.

La serie ha anche lanciato la carriera di Mary Tyler Moore, nel ruolo della moglie di Rob, Laura. Come diceva sempre Reiner, aveva fatto un’audizione a molte attrici – e stava iniziando a disperare di trovare quella giusta – quando Moore arrivò e iniziò a leggere.

“Ho fatto la mia mano come un artiglio come nelle macchine del carnevale che rimuovono le caramelle dalle cose, e ho attraversato la stanza, sono andato alla sua testa e gli ho afferrato la cima della testa e ho detto : “Vieni con me”, ricorda Reiner nello show di Conan O’Brien diversi anni fa. L’accompagnò poi nel corridoio fino al produttore Sheldon Leonard, esclamando, “L’ho preso trovato! “

Seguirono oltre 150 episodi, tra cui una serie di classici memorabili. I momenti salienti includono Rob che si convince di aver riportato il bambino sbagliato dall’ospedale, Laura che annuncia sconsideratamente al mondo che Brady indossava un toupee, e il figlio della coppia, Richie, scoprendo le origini del suo insolito secondo nome, Rosebud.

Reiner ha affermato di aver consapevolmente evitato riferimenti di attualità nella stesura della serie, uno dei motivi per cui si è rivelato così senza tempo. In un’intervista del 2003, ricorda di essere riluttante a produrre una sesta stagione nonostante gli siano stati offerti molti soldi per continuare. “Sapevamo di aver iniziato a ripeterci, e quando arrivi lì è tempo di smettere”, ha detto.

“The Dick Van Dyke Show” avrebbe potuto fermarsi, ma Reiner non lo ha mai fatto. Citando l’attività come chiave per la longevità, è diventata candidato all’Emmy più anziano nel 2018, per il documentario della HBO “Se non sei in orbita, fai colazione”, sulle persone che rimangono vitali negli anni ’90 e oltre.
“Se non riesci a ridere”, Reiner detto nel documentario, “la vita sarebbe piuttosto vuota”.

Con questa misura, Reiner ha trascorso la sua vita a rendere gli altri un po ‘più soddisfatti.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *