The School of Life presenta: Scoperta di sé nell’autoisolamento

Davvero? Sicuramente dover stare in silenzio nella tua stanza dovrebbe essere l’inizio di un tipo particolarmente avanzato di tortura psicologica? Cosa potrebbe esserci di più contro lo spirito umano che dover abitare quattro mura quando c’è potenzialmente un intero pianeta da esplorare?

Eppure, l’idea di Pascal sfida utilmente una delle nostre convinzioni più care: che dobbiamo sempre andare in posti nuovi per sentire e scoprire cose nuove e valide. E se, in effetti, ci fosse già un tesoro in noi? E se avessimo già avuto esperienze impressionanti, rilassanti e interessanti nel nostro cervello per durare dieci vite? E se il nostro vero problema non fosse tanto da non poterci andare da nessuna parte – ma non sappiamo come sfruttare al meglio ciò che è già a portata di mano?

Essere in casa ha molti vantaggi curiosi. Il primo è un incoraggiamento a pensare. Qualunque cosa ci piace credere, pochi di noi fanno gran parte del pensiero solitario originale e audace che può ripristinare le nostre menti e portare avanti la nostra vita. Nuove idee su cui potremmo imbatterci se viaggiassimo più ambiziosamente nella nostra mente stendendoci sul divano potrebbero minacciare il nostro status quo mentale. Un pensiero originale potrebbe, ad esempio, distanziarci da ciò che le persone intorno a noi considerano normali. Oppure potrebbe annunciare che abbiamo adottato l’approccio sbagliato a un problema importante nella nostra vita, forse per molto tempo. Se prendiamo sul serio una nuova idea, potremmo dover abbandonare una relazione, lasciare un lavoro, rinunciare a un amico, scusarci con qualcuno, ripensare la nostra sessualità o rompere un’abitudine.

Ma un periodo di quieto riflesso nella nostra stanza crea un’opportunità in cui la mente può ordinare e comprendere se stessa. Paure, risentimenti e speranze diventano più facili da nominare; diventiamo meno spaventati dal contenuto della nostra mente – e meno risentiti, più tranquilli e più chiari sulla nostra direzione. Stiamo iniziando, a passi traballanti, a conoscerci un po ‘meglio.

Un’altra cosa che possiamo fare nelle nostre stanze è riprendere i viaggi che abbiamo già fatto. Non è un’idea alla moda. Il più delle volte, siamo fortemente incoraggiati a progettare nuovi tipi di esperienze di viaggio. L’idea di rivisitare un viaggio nella memoria sembra un po ‘strana – o semplicemente triste. È davvero un peccato. Siamo conservatori estremamente negligenti del nostro passato. Spingiamo le scene importanti che ci sono successe in fondo all’armadio delle nostre menti e non ci aspettiamo particolarmente di vederle di nuovo.

Ma cosa succede se modifichiamo un po ‘la gerarchia del prestigio e sosteniamo che l’immersione regolare nei nostri ricordi di viaggio potrebbe essere una parte essenziale di ciò che può supportarci e confortarci – e non meno importante, è forse la forma di intrattenimento più economica e flessibile. Dovremmo pensare che è quasi altrettanto prestigioso sedersi a casa e pensare a un viaggio che abbiamo fatto una volta su un’isola con la nostra immaginazione come camminare sull’isola con i nostri corpi voluminosi.

READ  Allen Daviau, direttore della fotografia per "ET", muore a 77 anni

Nella nostra trascuratezza dei nostri ricordi, siamo bambini viziati, che derivano solo una parte del piacere dalle esperienze, quindi le gettiamo da parte per cercare nuovi brividi. Parte del motivo per cui sentiamo il bisogno di così tante nuove esperienze potrebbe essere semplicemente che siamo così cattivi nell’assorbire quelli che abbiamo avuto.

Per aiutarci a concentrarci maggiormente sui nostri ricordi, non abbiamo bisogno di nulla di tecnico. Certamente non abbiamo bisogno di una macchina fotografica. C’è già una macchina fotografica nelle nostre menti: è sempre accesa, prende tutto ciò che abbiamo visto. Enormi pezzi di esperienza sono ancora lì nella nostra testa, intatti e vivi, che aspettano solo che ci facciamo domande guida come “Dove siamo andati dopo essere atterrati?” o “che aspetto aveva la prima colazione?” Le nostre esperienze non sono scomparse, semplicemente perché non si svolgono più davanti ai nostri occhi. Possiamo rimanere in contatto con così tanto di ciò che li ha resi piacevoli semplicemente con l’arte dell’evocazione. Continuiamo a parlare della realtà virtuale. Tuttavia, non abbiamo bisogno di gadget. Abbiamo già le migliori macchine di realtà virtuale nelle nostre teste. Possiamo – in questo momento – chiudere gli occhi e viaggiare e indugiare tra le canzoni migliori, più confortanti e che migliorano la vita del nostro passato.

Non solo cercare aiuto. Sii un assistente

Tendiamo a viaggiare perché crediamo nello sfondo che, naturalmente, la realtà di una scena deve essere più piacevole di un’immagine mentale che formiamo a casa. Ma c’è qualcosa nel modo in cui lavorano le nostre menti che dovremmo studiare quando ci pentiamo della nostra incapacità di andare ovunque: ci sarà sempre qualcos’altro sull’obiettivo tra noi e la destinazione. a cui stiamo andando, qualcosa di così delicato e opprimente da minare un po ‘lo scopo di aver lasciato la casa in primo luogo, vale a dire: noi stessi. Con un errore inevitabile, andremo in ogni destinazione che non vorremmo mai godere. E questo significa portare con sé gran parte del bagaglio mentale che rende il nostro essere così insopportabilmente problematico su base giornaliera: tutta l’ansia, il rimpianto, la confusione, la colpa, l’irritabilità e la disperazione. Nulla di quella macchia di sé è lì quando immaginiamo un viaggio da casa per alcuni minuti. Nell’immaginazione, possiamo godere di viste incontaminate. Ma lì, ai piedi del Tempio d’oro o in cima alla montagna coperta di pini, troviamo che ci sono così tanti “noi” che invadono le nostre opinioni. Roviniamo i nostri viaggi con l’abitudine fatale di allenarci con loro. C’è un’ironia tragicomica all’opera: il vasto lavoro di andare fisicamente in un luogo non ci porterà necessariamente più vicini all’essenza di ciò che stiamo cercando. Come dobbiamo ricordare, possiamo già godere del meglio che ogni luogo può offrirci semplicemente pensandoci.

READ  Il governatore dell'Arkansas difende gli ordini di soggiorno domiciliare in tutto lo stato come "successo"

Passiamo a un altro francese con una filosofia di base comparabile. Nella primavera del 1790, uno scrittore ventisettenne di nome Xavier de Maistre si rinchiuse in casa e decise di studiare le meraviglie e la bellezza di ciò che gli era più vicino, dando il resoconto di ciò ‘aveva visto Un viaggio nella mia stanza.

Un viaggio nella mia stanza

Il libro è una storia affascinante di cane shaggy. De Maistre chiude a chiave la porta e si trasforma in pigiama rosa e blu. Senza bisogno di bagagli, “viaggia” verso il divano, il più grande mobile della stanza, che guarda con occhi nuovi e apprezza di nuovo. Ammira l’eleganza dei suoi piedi e ricorda le ore piacevoli che ha trascorso cullato nei suoi cuscini, sognando l’amore e il successo professionale. Dal suo divano, De Maistre vede il suo letto. Ancora una volta, dal punto di vista di un viaggiatore, impara ad apprezzare questo complesso mobile. È grato per le notti che ha trascorso lì ed è orgoglioso che le sue lenzuola siano quasi uguali al suo pigiama. “Consiglio a qualsiasi uomo che possa ottenere lenzuola bianche e rosa”, scrive, perché questi sono colori che inducono alla calma e alle piacevoli fantasticherie nel fragile dormiente.

Per quanto giocoso, il lavoro di Maistre nasce da un’intuizione profonda e suggestiva: il piacere che deriviamo dal viaggio forse dipende più dallo stato mentale con cui viaggiamo che dalla destinazione verso cui ci arrendiamo. Se solo potessimo applicare una mentalità di viaggio alle nostre stanze e ai nostri quartieri immediati, potremmo scoprire che questi posti non diventano meno attraenti dei paesi stranieri. Qual è lo stato mentale del viaggio? Reattività, apprezzamento e gratitudine potrebbero essere le sue caratteristiche principali. E, soprattutto, questo stato d’animo non ha bisogno di aspettare che un viaggio lontano sia schierato.

Yale & # 39; è molto popolare & # 39; felicità & # 39; il corso è disponibile online gratuitamente

Una passeggiata è il tipo più piccolo di viaggio che possiamo fare. È legato a una tipica vacanza come un bonsai in una foresta. Ma anche se è solo un intervallo di otto minuti attorno all’isolato o alcuni momenti in un parco vicino, una passeggiata è già un viaggio in cui sono presenti molti dei temi più grandi del viaggio.

Durante una passeggiata simile, potremmo vedere un fiore. È estremamente raro crogiolarsi nei fiori quando si può decollare in un altro continente in qualsiasi momento. Ci sono così tante cose sempre più grandi di cui preoccuparsi di queste delicate manifestazioni delicatamente intagliate della natura. Tuttavia, è raro essere lasciati completamente indifferenti ai fiori quando il mondo si è ridotto drasticamente e c’è una tristezza globale nell’aria. I fiori non sembrano più essere una piccola distrazione da un potente destino, non più un insulto all’ambizione, ma un vero piacere nel mezzo di una litania di problemi, un invito a incontrare l’ansia, un piccolo luogo di riposo per sperare in un mare di difficoltà.

READ  Le morti per coronavirus in Spagna superano i 20.000

Oppure potremmo, durante una passeggiata locale, vedere un piccolo animale: un’anatra o un riccio. La sua vita continua totalmente ignara della nostra. È interamente dedicato ai propri fini. Le abitudini della sua specie non sono cambiate per secoli. Potremmo osservarlo attentamente, ma non prova la minima curiosità per chi siamo; dal suo punto di vista, siamo assorbiti dall’immenso vuoto di cose inconoscibili e incomprensibili. Un’anatra prenderà un pezzo di pane prontamente da un criminale come da un giudice dell’alta corte; di un miliardario come di un criminale fallito; la nostra individualità è sospesa e in alcuni giorni può essere un grande sollievo.

Mentre camminavamo per il blocco, temi con cui avevamo perso il contatto: l’infanzia, uno strano sogno che abbiamo fatto di recente, un amico che non vedevamo da anni, un grande compito che abbiamo Ci veniva sempre detto che avremmo intrapreso – galleggiare con cura. In termini fisici, non percorriamo quasi nessuna distanza, ma attraversiamo ettari di territorio mentale. Poco dopo, siamo tornati a casa. Nessuno ci mancava, o forse notava persino che eravamo fuori. Tuttavia, siamo leggermente diversi: una versione leggermente più completa, più visionaria, coraggiosa e fantasiosa della persona che sapevamo essere prima di fare un viaggio modesto con saggezza.

Citazioni di ispirazione per aiutarci a fermare il coronavirus

Un giorno troveremo le nostre libertà. Il mondo sarà nostro per tornare di nuovo. Ma durante i periodi di detenzione, a parte gli ovvi inconvenienti, potremmo arrivare a custodire parte di ciò che ci è concesso quando perdiamo le nostre consuete libertà. Non è una coincidenza che molti dei più grandi pensatori del mondo abbiano trascorso insolite quantità di tempo da soli nelle loro stanze. Il silenzio ci dà l’opportunità di apprezzare molto di ciò che generalmente vediamo senza mai notarlo correttamente; e per capire cosa abbiamo provato ma non ancora adeguatamente trattato.

Non siamo solo stati rinchiusi; abbiamo anche avuto il privilegio di poter viaggiare attraverso una serie di continenti interni sconosciuti, a volte intimidatori ma essenzialmente meravigliosi.

Fondata dal filosofo Alain de Botton, The School of Life è un’organizzazione globale che aiuta le persone a trovare la prospettiva e la resilienza di fronte alle sfide della vita. Condividiamo idee su una vasta gamma di canali, tra cui libri, e-book, film, corsi virtuali e strumenti per il benessere emotivo.

Se ti è piaciuto questo articolo, molte delle sue idee sono esplorate in modo più dettagliato nel libro. La conoscenza di sé, disponibile per la consegna a domicilio o da scaricare come libro elettronico. Iscriviti per La newsletter di School of Life per ricevere articoli, aggiornamenti e offerte speciali consegnati direttamente nella tua casella di posta.

source–>http://rss.cnn.com/~r/rss/cnn_latest/~3/4L7MGMKWJsY/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *