166,5 km da Bourg-en-Bresse a Champagnole con un Gpm di quarta categoria e tanti saliscendi

16:40 – Di nuovo Kwiatkowski

Michal Kwiatkowski tenta nuovamente la fuga dopo la vittoria di ieri, ma il suo tentativo fallisce.

16.37 – gruppo compatto

A 34 km dall’arrivo il gruppo è tornato compatto, Niccolò Bonifazio (Team Total Direct Energie) parte.

16.32 – cinque inseguitori

Dietro il quartetto di testa, si è formato un piccolo gruppo di cinque corridori: Tim De Clercq (Deceuninck-Quick Step), Greg Van Avermaet (CCC Team), Pierre-Luc Périchon (Cofidis), Nils Politt (Israel Start-Up) Nation) e Mathieu Burgaudeau (Team Total Direct Energie). Arrivano altri contrattaccanti. Difficoltà per Rigoberto Uran (Ef Pro-Cycling) che torna subito in gruppo scortato dai compagni.

16.30 – Van Avermaet attacca

Tentativo attacco di Greg Van Avermaet (CCC Team), nel frattempo, Pavel Sivakov (Ineos Grenadiers) si ritrova nella pancia del gruppo.

16.21 – sprint intermedio

La maglia verde Sam Bennett (Deceuninck-Quick Step) precede Peter Sagan sotto il traguardo intermedio. Cavagna è affiancato dal trio di Cosnefroy, Rolland e Rowe.

16.16 – tiro di Cosnefroy e Rolland

Lo sprint intermedio si avvicina. Partono Benoit Cosnefroy (Ag2r La Mondiale) e Pierre Rolland (Israel Start-Up Nation), seguiti subito da Luke Rowe (Ineos Grenadiers).

16.08 – Lotto-Soudal e Bahrain-McLaren in testa

Due squadre in testa al gruppo scattano a 53 km dalla fine e il vantaggio del pilota in fuga si riduce a 1’21 “.

15.36 – il vantaggio diminuisce

A 75 km dal traguardo, il francese Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step) ha un vantaggio di 1’25 “sul gruppo della maglia gialla disegnato da Bora-Hansgrohe di Peter Sagan.

15.27 – Cavagna primo al Gpm

Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step) è il primo a tagliare il traguardo in testa all’unico GPM di oggi. Prosegue a 1’55 “il gruppo maglia gialla tirato da Astana, Bora-Hansgrohe e Jumbo-Visma. La media di gara è di 81,7 km / h.

15:22 – la strada sale

Sia il latitante che gli inseguitori (1’52 “il distacco del gruppo maglia gialla) affrontano la Côte de Château-Chalon.

15:12 – 90 km all’arrivo

A 90 km dal traguardo di Champagnole, il francese Rémi Cavagna (campione nazionale a cronometro) ha un vantaggio di 1’56 “sul gruppo maglia gialla. La media di gara è di 50, 9 km / h Si avvicina l’unico GPM della giornata, la Côte de Château-Chalon (quarta categoria, 4,3 km al 4,7%).

Ore 14.49 – Cavagna a 51 km / h

Il ritmo del 25enne francese Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step), che mantiene una media di 51 km / h, è impressionante. Dietro di lui il gruppo maglia gialla con un distacco di 2’22 “a 108 km dalla fine.

14:37 – riprendono gli inseguitori

Dylan Van Baarle (Ineos Grenadiers), Geoffrey Soupe (Total Direct Energie) e Max Walscheid (NTT Pro Cycling) sono stati raggiunti dal gruppo della maglia gialla disegnata da Bora-Hansgrohe. Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step) ha un vantaggio di 2’50 “sul gruppo a 117 km dalla fine.

14.13 – Si rialza Guillaume Martin

Dopo aver parlato via radio con l’ammiraglia Guillaume Martin (Cofidis), decide di alzarsi e aspettare il gruppo.

14.10 – Bora in testa

La squadra di Peter Sagan ha guidato il gruppo a sparare. A 142 km dal traguardo, Cavagna ha un vantaggio di 1’32 “sui cinque inseguitori, 2’27” sul gruppo delle maglie gialle. Il viaggio medio è di 53,2 km / h.

14:30 – 5 dietro Cavagna

Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step) ha un vantaggio di 59 “su cinque rivali: Guillaume Martin (Cofidis), Cyril Barthe (B&B Hotels – Vital Concept), Dylan Van Baarle (Ineos Grenadiers), Geoffrey Soupe (Total Direct Energie) e Max Walscheid (NTT Pro Cycling) Il corridore meglio piazzato nella classifica generale tra i fuggitivi è Martin, 13’16 “della maglia gialla Primoz Roglic (Jumbo-Visma).

13.58 – Van Baarle all’inseguimento

Dylan Van Baarle (Ineos Grenadiers) parte all’inseguimento di Cavagna, poi viene raggiunto da Guillaume Martin (Cofidis), Cyril Barthe (B&B Hotels – Vital Concept) e Geoffrey Soupe (Total Direct Energie). Lukas Pöstlberger (Bora-Hansgrohe) si ritira dopo essere stato punto da una vespa.

13:45 – attacca immediatamente

Molti cercano di scappare subito dopo la partenza. Il primo attacco vede protagonisti Neilson Powless (Ef Pro Cyling), Michael Schär (CC Team) e Max Walscheid (NTT Pro Cycling), subito ripristinati. Tentativo in solitaria di Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step), che ha approfittato del forte vento alle sue spalle per guadagnare terreno sugli inseguitori.

Nella diciottesima tappa il leader della Grande Boucle Primoz Roglic ha controllato la corsa e nessuno ha potuto metterlo in difficoltà. Successo parziale è andato al polacco Michal Kwiatkowski, arrivato al traguardo abbracciando il compagno di squadra di Ineos Richard Carapaz nella nuova maglia a pois.

La scalata

A metà tappa i corridori affronteranno la Côte de Château-Chalon (quarta categoria, 4,3 km al 4,7%), poi un pasto e un aperitivo fino all’arrivo di Champagnole.

Classificazione

1. Primoz Roglic (Jumbo-Visma) in 79h 45 ’30’ ‘; 2. Tadej Pogacar (Emirati Arabi Uniti) +57 “; 3. Miguel Angel Lopez (Astana) + 1’27”; 4. Richie Porte + 3’06 “; 5. Mikel Landa + 3’28”; 6. Enric Mas + 4’19 “; 7. Adam Yates + 5’55”; 8. Rigoberto Uran + 6’05 “; 9. Tom Dumoulin + 7’24”; 10. Alejandro Valverde + 12’12 “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *