Transumanesimo: cyborg e biohacker ridefiniscono gli ideali di bellezza

Scritto da Karina Tsui, CNN

Man mano che la biotecnologia avanza, le nostre idee su cosa significhi essere Umano.

Oggi, possiamo apportare cambiamenti inimmaginabili ai nostri corpi, che si tratti di impiantare microchip, adattare arti protesici o persino progettare sensi completamente nuovi.

I cosiddetti transumanisti – persone che cercano di migliorare la loro biologia migliorando i loro corpi con la tecnologia – credono che la nostra condizione naturale inibisca la nostra esperienza del mondo e che possiamo trascendere le nostre attuali capacità attraverso la scienza.

Le idee “tecnoprogressive” per alcuni sono controverse per altri. Ma per il fotografo David Vintiner, sono qualcosa di completamente diverso: bello.

Neil Harbisson è nato con acromatismo o daltonismo totale. Nel 2004, aveva un’antenna impiantata nel suo cranio che gli consente di percepire i colori come vibrazioni udibili. Credito: David Vintiner

“La bellezza è nei prodotti ingegnerizzati”, ha affermato Vintiner, che ha trascorso anni a fotografare veri cyborg e modificatori del corpo per il suo prossimo libro, “I Want to Believe – An Exploration of Transhumanism”.

Prodotto in collaborazione con il direttore artistico e critico Gem Fletcher, il libro presenta una varietà di persone che si identificano, in una certa misura, come “transumane” – incluso un uomo con orecchie bioniche che sperimenta cambiamenti nella pressione dell’aria, un donna che può “sentire” “i terremoti che si verificano nel mondo e tecnici che hanno sviluppato organi prodotti in laboratorio.

Fletcher è stato introdotto per la prima volta nella sottocultura transumanista attraverso il London Futurist Group, un’organizzazione che esplora il modo in cui la tecnologia può contrastare le crisi future. Dopo aver incontrato alcuni dei suoi membri, il direttore artistico con sede a Londra ha avvicinato Vintiner con l’idea di fotografarli in una serie di ritratti.

Descrivendosi come un “eyeborg”, Rob Spence ha installato una videocamera wireless al posto dell’occhio destro. Credito: David Vintiner

“Il nostro primo servizio fotografico è stato con Andrew Vladimirov, un” pirata cerebrale “”, ha dichiarato Vintiner in un’intervista telefonica. “Ogni volta che fotografavamo qualcuno di nuovo, chiedevamo riferimenti e presentazioni da altre persone chiave del movimento.”

Sebbene il fotografo abbia ammesso che all’inizio le affermazioni dei transumanisti possono sembrare inverosimili, ha rapidamente visto il fascino dell’autoritocco tecnologico. “Se hai avuto l’opportunità, come progetta il tuo corpo e cosa vorresti che dicesse di te? “chiese.

Ridefinire l’esperienza umana

Uno dei soggetti di Vintiner, James Young, si rivolse alla bionica dopo aver perso un braccio e una gamba in un incidente nel 2012. Young era sempre stato interessato alla biotecnologia ed era particolarmente attratto dall’estetica di fantascienza. Visualizzare il modo in cui il suo corpo potrebbe essere “ricostruito”, o persino eseguire attività migliorate utilizzando la tecnologia più recente, è diventato parte del suo processo di recupero.

Ma secondo l’uomo di 29 anni, le opzioni presentategli dai medici erano tutt’altro che eccitanti: arti bionici in acciaio standard con maniche in silicone color carne.

James Young è sempre stato attratto dall’estetica della fantascienza. In seguito al suo incidente, venne a vedere il suo corpo “ricostruito” come parte del suo processo di recupero. Credito: David Vintiner

“Vedere ciò che era disponibile è stata la parte più sconvolgente”, ha detto Young in un’intervista video.

“Ciò che il corpo umano può essere, in termini di strumenti e tecnologia, è una cosa così confusa: se pensi al braccio, è solo un’attrezzatura sensoriale.

“Se ci fosse qualcuno a cui sono state tagliate le braccia e le gambe, sarei io perché sono appassionato di tecnologia e cosa può fare”.

Il gigante dei giochi giapponese Konami ha lavorato con la scultrice di protesi Sophie de Oliveira Barata per progettare una serie di arti bionici per Young. Il risultato è stato un braccio e una gamba in fibra di carbonio grigia, un’estetica in parte ispirata al “Metal Gear Solid” di Konami, uno dei videogiochi preferiti dai 22enni.

Oltre alle funzioni previste, il braccio robotico di Young include una porta USB, uno schermo che mostra il suo feed Twitter e una docking station retrattile contenente un drone telecomandato. Gli arti sono controllati da sensori che convertono gli impulsi nervosi dalla colonna vertebrale di Young in movimenti fisici.

“Le protesi avanzate hanno permesso a James di cambiare la percezione delle persone della (sua) disabilità”, ha detto Vintiner of Young, aggiungendo: “Quando mostri le foto alle persone, sono scioccate e confuse dalle idee che “Contengono. Ma se li sezionano, si rendono conto che sono molto pragmatici.”

Il braccio bionico di James Young ha una porta USB, uno schermo collegato al suo account Twitter e una docking station retrattile contenente un drone telecomandato. Credito: David Vintiner

Young afferma che le persone hanno impiegato molti anni per apprezzare non solo le funzioni degli arti bionici avanzati, ma anche la loro estetica. “I membri bionici ed elettronici sono stati trovati spaventosi solo a causa del loro aspetto”, ha detto. “Hanno coinciso con l’idea che” la disabilità non è sexy. “”

Sentiva anche che c’era uno stigma attorno alla bionica, poiché i pazienti ricevevano spesso maniche color carne per nascondere i loro arti artificiali.

“Visivamente, pensiamo che sia il limite del corpo umano”, ha detto Young, riferendosi al suo braccio biologico rimasto. “Le opportunità per i transumanisti si aprono perché un braccio bionico non sente dolore o può essere sostituito istantaneamente se hai i soldi. Ha diverse abilità per resistere al calore e non essere bruciato da il Sole.”

Mentre Vintiner continuava a fotografare i ritratti, sentì che molti dei suoi preconcetti venivano messi alla prova. Il processo ha anche sollevato una profonda domanda: se la tecnologia può cambiare ciò che è essere umano, può anche cambiare ciò che significa essere bello?

“La maggior parte del mio lavoro (originale) si concentra sulle persone – il loro comportamento, carattere, stranezze e storie”, ha detto. “Ma questo progetto ha portato il concetto di bellezza ad un altro livello.”

Liz Parrish afferma di essere la prima persona a sottoporsi con successo alla doppia terapia genica per “curare” l’invecchiamento biologico. Credito: David Vintiner

Occhio di chi guarda

Uno degli aspetti più affascinanti del transumanesimo è l’impatto della scienza sulla nostra comprensione dell’estetica. Ciò che ha scoperto, tuttavia, è che molti nel movimento considerano ancora gli standard di bellezza esistenti come un modello di perfezione “post-umana”.

Un altro argomento nel libro di Fletcher e Vintiner è Sophia, un robot progettato dagli scienziati David Hanson e Ben Goertzel di Hanson Robotics. Sophia è uno dei robot umanoidi più avanzati fino ad oggi.

Parlando con CNN Style nel 2018, Hanson ha affermato che la forma di Sophia avrebbe risuonato con le persone di tutto il mondo e che il suo aspetto era in parte ispirato da donne vere, tra cui la moglie di Hanson e Audrey Hepburn, nonché statue della regina egiziana Nefertiti.

Video correlato: Incontra Sophia, il robot che sorride e aggrotta le sopracciglia come noi

Ma con i suoi occhi nocciola chiari, sopracciglia perfettamente arcuate, lunghe ciglia, zigomi definiti e labbra carnose – l’aspetto di Sophia probabilmente incarna quello di una donna caucasica dalla bellezza convenzionale.

“Quando ho fotografato Ben Goertzel, mi ha spiegato come non si fosse preso il tempo di guardare come era (lui) – non gliene importava”, ricorda il fotografo della sessione Foto.

Vintiner vide una certa ironia: che qualcuno a cui non importa del proprio aspetto proietta comunque la nostra preoccupazione per la bellezza attraverso l’invenzione dei suoi affari.

Ci ha anche ricordato che l’attrattiva può essere più complessa di quanto gli algoritmi possano immaginare.

Ben Goertzel, uno degli scienziati dietro il robot Sophia. Credito: David Vintiner

“Temo che se riusciamo a concepire gli umani senza nessuno dei” difetti “che si verificano nella nostra composizione biologica, le cose saranno spinte sempre più a un livello di perfezione che possiamo solo immaginare ora.” Disse Vintiner. “Guarda come la chirurgia plastica ha cambiato la nostra percezione della bellezza in pochissimo tempo.

“Se i transumanisti hanno ragione e noi come esseri umani possiamo vivere per diverse centinaia di anni, la nostra nozione di bellezza e il significato stesso di ciò che deve essere umano cambierà radicalmente. “

A causa della pandemia di coronavirus, il lancio di “Voglio credere – un’esplorazione del transumanesimo”, nonché un Kickstarter la campagna di accompagnamento e la mostra fotografica sono state temporaneamente rimandate.
News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *