CITTÀ DEL VATICANO – Gli Stati Uniti si schierano contro il Vaticano, nel tentativo di bloccare il rinnovo dell’accordo con la Cina sulla nomina dei vescovi.

È direttamente il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha scritto in un tweet contro l’accordo: “Due anni fa, la Santa Sede ha stretto un accordo con il Partito Comunista Cinese, sperando di aiutare i cattolici cinesi. Ma gli abusi del PCC contro i fedeli sono solo peggiorate. Il Vaticano metterebbe a repentaglio la sua autorità morale se rinnovasse l’accordo “.

Il tweet del capo della diplomazia americana rilancia il suo saggio scritto per Prime cose, una nota rivista conservatrice americana. Pompeo sfida l’accordo e spiega perché pensa che la Santa Sede dovrebbe rinunciarvi.

Il 29 settembre Pompeo visiterà il Vaticano e proverà a giocare le sue carte per convincere la Chiesa a fare un passo indietro. Ma in realtà la disponibilità della Santa Sede nei confronti della Cina è massima, a tal punto che gli uomini della Segreteria di Stato si aspettano una risposta positiva cinese entro metà ottobre, cioè il giorno dove l’accordo è effettivamente entrato in vigore due anni fa.

Continua a scrivere Pompeo Prime cose: “Se il Partito Comunista Cinese riuscirà a richiamare l’attenzione sulla Chiesa cattolica e su altre comunità religiose, i regimi che disdegnano i diritti umani saranno rafforzati e il costo della resistenza alle tirannie aumenterà per tutti i coraggiosi fedeli che onorano Dio oltre al di sopra dell’autocrate del servizio ”.

READ  Ti senti frustrato? Quindi grida la testa nel vasto deserto dell'Islanda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *