US Soccer ha abrogato la politica che impone ai giocatori di difendere l’inno nazionale

In una dichiarazione, US Soccer ha dichiarato che il suo consiglio di amministrazione ha votato martedì per abrogare la sua politica, che è stata messa in atto dopo che il centrocampista della nazionale femminile americana Megan Rapinoe si è inginocchiato in solidarietà con il proteste di Colin Kaepernick. Kaepernick, un ex quarterback di San Francisco 49ers, ha iniziato a inginocchiarsi prima delle partite nel 2016 e non è ancora stato firmato da una squadra dal 2017.

“Non abbiamo fatto abbastanza per ascoltare – specialmente i nostri giocatori – per capire e riconoscere le esperienze molto reali e significative dei neri e delle altre comunità minoritarie nel nostro paese”, ha dichiarato la federazione calcistica nella sua dichiarazione. “Ci scusiamo con i nostri giocatori – in particolare i nostri giocatori di colore – per lo staff, i fan e tutti coloro che sostengono l’eradicazione del razzismo”.

La federazione ha dichiarato di non aver ancora utilizzato la propria piattaforma in modo efficace per affrontare questioni come il razzismo, la discriminazione e la disuguaglianza e si è impegnata a farlo in futuro.

“Siamo qui per i nostri giocatori e siamo pronti a supportarli nell’elevare i loro sforzi per raggiungere la giustizia sociale. Non possiamo cambiare il passato, ma possiamo fare la differenza in futuro. Siamo determinati a questo sforzo di cambiamento e implementeremo azioni di supporto nel prossimo futuro “, ha affermato la nota.

NFL ammette che era sbagliato

All’inizio di questo mese, il commissario NFL Roger Goodell ha dichiarato che la lega avrebbe dovuto ascoltare i suoi giocatori sul razzismo in precedenza.

New Orleans Saints & # 39; Malcolm Jenkins afferma che la NFL non ci riuscirà finché non si scuseranno con Colin Kaepernick

“Noi della National Football League ammettiamo che abbiamo sbagliato a non aver ascoltato prima i giocatori della NFL e incoraggiamo tutti a parlare e protestare pacificamente”, ha detto Goodell.

READ  AURONZO GIORNO 1 - Lazio, palla e intensità. Milinkovic brilla, Escalante e Acerbi lavorano insieme

Ma il commissario è stato criticato per non aver detto: Goodell non ha menzionato Kaepernick, che ha visto gravi conseguenze dopo le sue pacifiche proteste sul terreno.

Alcuni giocatori hanno invitato il campionato a riconoscere e scusarsi con Kaepernick e aiutarlo a trovare un modo per tornare allo sport.

“Penso che se firmeranno di nuovo Kaep, ciò dimostrerà che stanno davvero cercando di andare in una direzione diversa”, ha detto Carlos Hyde, nuovo reclutatore di Seattle Seahawks. “Dato che Kaep stava facendo una dichiarazione quattro anni fa su quello che sta succedendo oggi nel mondo e la NFL non si è preoccupata di ascoltarlo allora, penso che dovrebbero iniziare con Fai quello.”

Jill Martin della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *